E OFFLINE? Co­sì rie­sci a non eson­da­re

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

An­che nel “mon­do rea­le” pri­ma di vuo­ta­re il sac­co è me­glio pen­sar­ci due vol­te

L’al­tro ta­ce o ha lo sguar­do al­tro­ve. Tu par­li, par­li, par­li, e lui sta zit­to o ri­spon­de a mo­no­sil­la­bi? Ci so­no due pos­si­bi­li­tà: o pen­de dal­le tue lab­bra, o non ha co­sì vo­glia di re­la­zio­nar­si con te e non gra­di­sce le tue con­fi­den­ze. Ma­ga­ri – in­cre­di­bi­le ma ve­ro! – lo stai an­no­ian­do. «Usa l’em­pa­tia per ca­pi­re le emo­zio­ni di chi ti sta da­van­ti, abi­tua­ti a de­co­di­fi­ca­re il lin­guag­gio del cor­po», di­ce la dot­to­res­sa Ros­si: «Ti dà po­che ri­spo­ste ti­ra­te, di­sto­glie spes­so lo sguar­do, men­tre tu in­cal­zi? Cam­bia ar­go­men­to o – me­glio – ta­ci e la­scia par­la­re lui. Ri­spet­ta i se­gna­li che ti sta man­dan­do».

Cer­chi una re­la­zio­ne ve­ra e pro­fon­da?

Per co­strui­re una co­no­scen­za oc­cor­re un buon dia­lo­go. Ov­ve­ro: uno par­la, l’al­tro pu­re, e tutti e due fan­no do­man­de per­ché so­no in­te­res­sa­ti a chi hanno da­van­ti. Sei si­cu­ra, quan­do hai l’im­pul­so di sve­la­re tut­to sul­la tua vi­ta, o di di­re la tua, di ave­re pro­prio vo­glia di questo? E di non usa­re in­ve­ce l’al­tro co­me uno spec­chio, per am­mi­ra­re quan­to sei smart e co­me ti sta ve­nen­do be­ne la vi­ta? Non sa­reb­be so­lo an­ti­pa­ti­co, ma an­che ri­schio­so: al­la lun­ga un mo­do di fa­re co­sì ego­cen­tri­co to­glie sen­so al­le co­se, crea un sen­so di vuo­to e per­si­no di de­pres­sio­ne. Co­me so­stie­ne il dot­tor Sec­ci: «In que­sta mo­da­li­tà sei iper­con­nes­so, ma in real­tà senza ve­re con­nes­sio­ni con nes­su­no: se l’al­tro è uno spec­chio, sei so­lo. E la par­te più ve­ra di te questo lo sa». Non so­lo: a vol­te si ab­bon­da con l’esi­bi­zio­ne per­ché si pen­sa che sia ne­ces­sa­rio e suf­fi­cien­te per es­se­re ri­co­no­sciu­ti e ap­prez­za­ti, an­che senza me­ri­ti par­ti­co­la­ri. «Co­me fos­si­mo an­che noi par­te del­lo star sy­stem, che a vol­te fa spet­ta­co­lo della pro­pria ba­na­li­tà di es­se­re del­le ce­leb ri­te­nen­do­lo chis­sà che: può fun­zio­na­re sul bre­ve pe­rio­do, ma poi il pub­bli­co si stan­ca, e pas­sa ve­lo­ce­men­te ad al­tro», av­ver­te il dot­tor Sec­ci. «Par­la­re e po­sta­re di te in mo­do com­pul­si­vo e un po’ esi­bi­zio­ni­sta, senza vei­co­la­re un’emo­zio­ne, un ta­len­to par­ti­co­la­re, un pen­sie­ro, porta a co­no­scen­ze su­per­fi­cia­li, che pre­sto smet­to­no di da­re emo­zio­ni. Se die­tro la tua vi­si­bi­li­tà non c’è pro­fon­di­tà, né vo­glia e di­spo­ni­bi­li­tà ad ascol­ta­re e co­no­sce­re l’al­tro, amo­ri e ami­ci­zie si spen­go­no in fret­ta. Ci si stan­ca su­bi­to. E si pas­sa ad al­tro». Re­lax: chi ci pia­ce può in­te­res­sar­si a noi an­che se non co­no­sce i det­ta­gli, tutti-e-su­bi­to, della no­stra esi­sten­za. An­zi: la giu­sta tu­te­la di te sti­mo­le­rà la sua cu­rio­si­tà, e gli da­rà la sen­sa­zio­ne di es­se­re uno dei po­chi pri­vi­le­gia­ti a go­de­re di cer­te con­fi­den­ze.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.