Co­me ri­pren­der­ti da una de­lu­sio­ne

Nes­su­no è senza di­fet­ti, nem­me­no il tuo part­ner. Quan­do lui fa qual­co­sa che ti smon­ta, ci vuo­le un re­set: ec­co co­me pro­ce­de­re

Cosmopolitan (Italy) - - Aprile -

Il ra­gaz­zo che stai fre­quen­tan­do non si pre­sen­ta al­la tua fe­sta di com­plean­no, seb­be­ne aves­se pro­mes­so che non sa­reb­be man­ca­to per nien­te al mon­do. Op­pu­re hai sco­per­to che si te­ne­va in con­tat­to con un’ex a tua in­sa­pu­ta. Ok, non è la fi­ne del mon­do, e nean­che ne­ces­sa­ria­men­te della re­la­zio­ne, ma l’in­ci­den­te può con­ti­nua­re a tor­men­tar­ti an­che do­po che hai ri­ce­vu­to le sue più sen­ti­te scu­se. Per­ché? Po­treb­be es­se­re per­ché hai me­no di 35 an­ni e ap­par­tie­ni a quel­la che io chia­mo la “ge­ne­ra­zio­ne del­le aspet­ta­ti­ve de­lu­se”. L’amo­re è di­ven­ta­to una del­le prin­ci­pa­li fon­ti di au­to­sti­ma per i gio­va­ni, e questo im­pli­ca che, ri­spet­to al­le ge­ne­ra­zio­ni pas­sa­te, uno sgar­bo del part­ner vie­ne pre­so più sul per­so­na­le e bru­cia mol­to di più. Inol­tre, ai Mil­len­nial è sta­to in­se­gna­to a pen­sa­re che tut­to è pos­si­bi­le – quin­di po­tre­sti cre­de­re ve­ra­men­te al­le fa­vo­le ro­man­ti­che e im­ma­gi­na­re di es­se­re de­sti­na­ta a in­con­tra­re il Prin­ci­pe Az­zur­ro. Con que­sta for­ma men­ta­le, non è co­sì fa­ci­le di­re fi­lo­so­fi­ca­men­te: “Okay, ha fat­to un er­ro­re. Ca­pi­ta”, per­ché una sin­go­la in­com­pren­sio­ne può far­ti sen­ti­re che il vo­stro rap­por­to è an­da­to in fran­tu­mi. E poi, ci so­no le do­lo­ro­se con­si­de­ra­zio­ni che ti ri­tro­vi a fa­re di fron­te ai pas­si fal­si della

per­so­na che ami. Men­tre tu non ti so­gne­re­sti mai di pre­no­ta­re un viag­gio con le tue ami­che senza par­lar­ne pri­ma con il tuo fi­dan­za­to, lui lo ha ap­pe­na fat­to senza pen­sar­ci due vol­te. Quin­di de­vi pren­de­re at­to che i vo­stri sen­ti­men­ti non so­no del tut­to bi­lan­cia­ti, o c’è una di­spa­ri­tà tra la con­si­de­ra­zio­ne che hai per lui e quel­la che ha lui per te. De­vi te­ne­re pre­sen­te che ogni do­lo­re, gran­de o pic­co­lo che sia, va ela­bo­ra­to. Quan­do il tuo part­ner, di­cia­mo, di­men­ti­ca il vo­stro an­ni­ver­sa­rio o man­da a mon­te una se­ra­ta spe­cia­le, è ov­vio che tu ci ri­man­ga ma­le, e hai tut­to il di­rit­to di pren­der­ti il tem­po e lo spa­zio che ti ser­ve per su­pe­ra­re la de­lu­sio­ne. Se­gui que­sti step per vi­ve­re le tue emo­zio­ni in mo­do pro­dut­ti­vo.

MET­TI TUT­TO NE­RO SU BIAN­CO

In­ve­ce di ri­mu­gi­na­re su co­me il tuo part­ner ti ha fe­ri­ta, ri­ver­sa le tue emo­zio­ni su un fo­glio di car­ta. Questo ti aiu­te­rà a ela­bo­ra­re quel che pro­vi e a met­te­re le co­se nel­la giu­sta pro­spet­ti­va. OK, lui ha sba­glia­to, ma non c’è bi­so­gno che tu rin­ca­ri la do­se con­ti­nuan­do a ri­vi­ve­re l’epi­so­dio nel­la tua men­te.

CONSOLATI

Fai co­se che ti ren­do­no fe­li­ce. Coc­co­la­ti un po’. Esci dall’uf­fi­cio pri­ma del so­li­to e vai a ve­de­re una mo­stra, tor­na a ca­sa fa­cen­do il gi­ro lun­go per pas­sa­re da un quar­tie­re che ti pia­ce, o de­di­ca­ti a qua­lun­que co­sa ti fac­cia sor­ri­de­re.

CHIA­MA RINFORZI

Le tue ami­che sa­pran­no dar­ti il so­ste­gno che ti ser­ve, e an­che giu­di­ca­re obiet­ti­va­men­te se la ma­le­fat­ta del tuo ra­gaz­zo sia co­sì ir­ri­so­ria da po­ter­ci pas­sar­ci so­pra, op­pu­re sia un se­rio cam­pa­nel­lo d’al­lar­me. Ma non di­scu­te­re tut­to questo in una chat di grup­po: hai bi­so­gno di sfo­gar­ti con le tue con­fi­den­ti di per­so­na e sen­tir­ti ma­te­rial­men­te cir­con­da­ta dal lo­ro af­fet­to.

RIFUGIATI DAL­LA TUA FA­MI­GLIA

I di­spia­ce­ri di cuo­re, an­che quan­do non so­no ca­ta­stro­fi­ci, hanno il po­te­re di far­ti sen­ti­re ma­le fi­si­ca­men­te. In questo ca­so, vai a pas­sa­re un wee­kend dai tuoi ge­ni­to­ri o non­ni (o chiun­que al­tro rap­pre­sen­ti una fi­gu­ra ge­ni­to­ria­le nel­la tua vi­ta) e la­scia che si pren­da­no cura di te co­me fa­ce­va­no quan­do ti am­ma­la­vi da bam­bi­na. Per­met­ter­ti di es­se­re vul­ne­ra­bi­le può es­se­re es­sen­zia­le per la tua ripresa. (Ma se il do­lo­re è trop­po gran­de per­ché mam­ma e pa­pà pos­sa­no le­nir­lo, o la tua an­sia o in­de­ci­sio­ne si pro­trae trop­po a lun­go, con­si­de­ra la pos­si­bi­li­tà di ri­vol­ger­ti a un terapeuta).

RI­COR­DA I TUOI PUNTI DI FOR­ZA

È mol­to fa­ci­le en­tra­re in una spi­ra­le ne­ga­ti­va e pen­sa­re che le azio­ni del tuo part­ner sia­no in qual­che mo­do col­pa tua… o peg­gio, che non po­trai più fi­dar­ti di lui al 100%. Per evi­tar­lo, ri­cor­da a te stes­sa che in pas­sa­to hai su­pe­ra­to con suc­ces­so tan­ti osta­co­li, e se lui è la per­so­na giu­sta per te è pos­si­bi­le re­cu­pe­ra­re una pie­na sin­to­nia.

GUAR­DA IL LA­TO PO­SI­TI­VO

Se lui è par­ti­to con i suoi ami­ci la­scian­do­ti a ca­sa, puoi sen­tir­ti li­be­ra di pro­get­ta­re quel viag­gio av­ven­tu­ro­so in so­li­ta­ria che so­gna­vi da tem­po. Op­pu­re non ac­com­pa­gnan­do­ti al­la ce­na con i tuoi ex com­pa­gni di li­ceo ti ha per­mes­so di rial­lac­cia­re i rap­por­ti con vec­chi ami­ci. Cer­ca le op­por­tu­ni­tà na­sco­ste e ti sa­rà più fa­ci­le pas­sa­re ol­tre.

IN­VE­CE DI RI­MU­GI­NA­RE SU CO­ME IL TUO PART­NER TI HA FE­RI­TA, RI­VER­SA LE TUE EMO­ZIO­NI SU UN FO­GLIO DI CAR­TA. TI AIU­TE­RÀ A ELA­BO­RA­RE QUEL CHE PRO­VI E A MET­TE­RE LE CO­SE NEL­LA GIU­STA PRO­SPET­TI­VA.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.