Con­ta fi­no a 3 pri­ma di po­sta­re

? Hai vo­glia di sac­co vuo­ta­re il Con­ta PRI­MA 3 fi­no a LO SMART­PHO­NE È CO­ME LA TUA BACCHETTA MA­GI­CA, IN DONO L’UBIQUITÀ E UNA CON­DI­VI­SIO­NE PLANETARIA H24. QUI LE ISTRUZIONI PER L’USO

Cosmopolitan (Italy) - - Aprile - di L. Mi­net­to

Quan­to ti ri­las­sa di­re la tua senza por­ti dei li­mi­ti? Scom­met­to che ti fa sen­ti­re su­bi­to me­glio: con­di­vi­de­re, di­re chi sei, com­men­ta­re, de­fi­ni­sce il tuo po­sto spe­cia­le nel mon­do. E da­ti an­che gli il­li­mi­ta­ti spa­zi vir­tua­li, il chiac­chie­ric­cio è ar­ri­va­to ai li­vel­li as­sor­dan­ti di una co­lon­na so­no­ra hard rock. «Tutti amia­mo rac­con­ta­re di noi. Ci aiu­ta a sa­pe­re che ab­bia­mo un va­lo­re, che “ci siamo”, e che fac­cia­mo be­ne», di­ce la dot­to­res­sa Glo­ria Ros­si, psi­coa­na­li­sta e psi­co­te­ra­peu­ta al Ruo­lo Te­ra­peu­ti­co di Mi­la­no. «Vi­via­mo qua­si tutti in una real­tà par­cel­liz­za­ta, spe­cie nel­le cit­tà, e vo­glia­mo ma­ni­fe­sta­re il no­stro es­ser­ci nel mon­do. Mo­strar­si con spon­ta­nei­tà è un buon me­to­do per en­tra­re in rap­por­to con gli al­tri, se siamo tra per­so­ne co­no­sciu­te e af­fi­da­bi­li. Ma tie­ni sem­pre pre­sen­te che quan­do ti espo­ni gli al­tri ti ve­do­no: e fan­no le lo­ro va­lu­ta­zio­ni». Va­le so­prat­tut­to sul­la pla­tea in­di­stin­ta del web: «Non si può non co­mu­ni­ca­re: siamo ani­ma­li che ama­no tra­sfe­ri­re co­no­scen­ze. Lo ab­bia­mo sem­pre fat­to, e lo fa­re­mo sem­pre»,

di­ce Ric­car­do Espo­si­to, we­b­w­ri­ter, au­to­re del blog My So­cial Web ( my­so­cial­web.it) e di Fa­re blog­ging. Il mio me­to­do per scri­ve­re con­te­nu­ti vin­cen­ti (ed Flac­co­vio). «Nar­ria­mo sto­rie, poe­mi, fia­be, av­ven­tu­re. Og­gi è cam­bia­to il mez­zo che con­sen­te al­la ca­pa­ci­tà espres­si­va di co­struir­si e vei­co­lar­si: il web è un mez­zo po­ten­te, e com­por­ta dei ri­schi. Par­lo del di­stac­co dal­la real­tà, e dell’uso com­pul­si­vo di mac­chi­ne pen­sa­te pro­prio per at­ti­ra­re l’at­ten­zio­ne, co­me gli smart­pho­ne. Ci vo­glio­no, ci cer­ca­no». Per­ciò van­no ge­sti­ti con cura: co­me mol­ti pia­ce­ri an­che rac­con­ta­re di sé ha con­tro­in­di­ca­zio­ni, a vol­te se­rie. Den­tro e fuo­ri dal­la re­te: «Per te ma­ga­ri è nor­ma­le par­la­re della tua vi­ta ses­sua­le, ma se non co­no­sci il con­te­sto po­tre­sti es­se­re giu­di­ca­ta», av­ver­te la dot­to­res­sa Ros­si. «Op­pu­re di­ci più di quel che po­tre­sti, per­ché cer­chi una con­fer­ma e pas­si at­tra­ver­so gli al­tri per de­fi­nir­ti. Ma è un per­cor­so a ri­schio: il pa­re­re al­trui è sog­get­ti­vo». E non ser­ve usa­re l’ali­bi della ge­nui­ni­tà, a cui tut­to si per­do­na o qua­si. Co­me per il co­le­ste­ro­lo e lo stress, c’è quel­la buo­na e quel­la cat­ti­va: «Tut­to og­gi de­ve es­se­re pub­bli­ca­to, ri­ve­la­to di get­to, per­ché si ha bi­so­gno di un ri­co­no­sci­men­to im­me­dia­to. E si usa la co­sid­det­ta “spon­ta­nei­tà ir­ri­fles­si­va”: quel­la che fa di­re quel­lo che si pen­sa senza te­ner con­to dell’al­tro. Qua­si fos­se un ava­tar usa­to co­me ber­sa­glio per sca­ri­ca­re le pro­prie an­go­sce», av­ver­te il dot­tor En­ri­co Ma­ria Sec­ci, psi­co­te­ra­peu­ta, au­to­re del li­bro I Nar­ci­si­sti Per­ver­si e le unio­ni im­pos­si­bi­li e di Blog The­ra­py ( www. en­ri­co­ma­ria­sec­ci.it): «È un mo­do sel­vag­gio di com­por­tar­si, pa­re friend­ly in­ve­ce è se­gno di egoi­smo. Non porta sod­di­sfa­zio­ne, né gran­di e so­li­de ami­ci­zie, an­zi. Ben di­ver­sa è la spon­ta­nei­tà ri­fles­si­va: quel­la che uso quan­do di­co co­se au­ten­ti­che, ma che ho me­di­ta­to e va­lu­ta­to, per­ché ho vo­glia di co­strui­re un rap­por­to ve­ro; il mio fi­ne in questo ca­so non è sfo­gar­mi, o mo­stra­re quan­to so­no in­tel­li­gen­te o ge­ne­ro­so, ma da­re va­lo­re al rap­por­to e a chi ho da­van­ti».

MORDITI LA LINGUA

E FRENA È nel­la tua na­tu­ra di­re mol­to, po­sta­re con ge­ne­ro­si­tà, espri­mer­ti con fran­chez­za? Non è il ca­so di cen­su­rar­ti, ma so­lo di ela­bo­ra­re be­ne il tuo pen­sie­ro, per non but­tar­ti al­lo sba­ra­glio nel­le si­tua­zio­ni più a ri­schio al­ta espo­si­zio­ne, e far dan­no a te o agli al­tri. Ec­co a co­sa è be­ne fa­re at­ten­zio­ne…

Pri­ma fai un lun­go re­spi­ro, poi scrivi

Inu­ti­le ri­cor­dar­ti che i tuoi po­st pos­so­no fi­ni­re sot­to gli oc­chi di chi non sai. Quin­di usa fil­tri ad al­to fat­to­re di pro­te­zio­ne, giu­sto per evi­ta­re scot­ta­tu­re. «I so­cial net­work so­no stru­men­ti che dan­no l’im­pres­sio­ne di uno spa­zio per­so­na­le, o di pic­co­la co­mu­ni­tà. Si trat­ta pe­rò di un fal­so sen­so di in­ti­mi­tà che può spin­ge­re a espor­re trop­po la pro­pria vi­ta pri­va­ta e pro­fes­sio­na­le, pro­vo­can­do gra­vi “ef­fet­ti col­la­te­ra­li”, an­che a di­stan­za di an­ni, che non de­vo­no es­se­re sot­to­va­lu­ta­ti», si leg­ge in So­cial Pri­va­cy – Co­me tu­te­lar­si nell’era dei so­cial net­work del Ga­ran­te per la pro­te­zio­ne dei da­ti per­so­na­li (puoi sca­ri­car­lo su www.ga­ran­te­pri­va­cy. it). Dop­pia at­ten­zio­ne, poi, se stai cer­can­do la­vo­ro: «Sai che le so­cie­tà di se­le­zio­ne del per­so­na­le cer­ca­no in­for­ma­zio­ni sui can­di­da­ti uti­liz­zan­do i prin­ci­pa­li mo­to­ri di ricerca on­li­ne o ac­ce­den­do di­ret­ta­men­te ai pro­fi­li pub­bli­ca­ti sui so­cial net­work?», si leg­ge an­co­ra. «Ti sei chie­sto se le fo­to che hai pub­bli­ca­to sui so­cial e i po­st che hai in­se­ri­to po­tran­no dan­neg­giar­ti nel­la ricerca del tuo pros­si­mo la­vo­ro? Le in­for­ma­zio­ni con­te­nu­te nel cur­ri­cu­lum che hai spe­di­to all’azien­da cor­ri­spon­do­no a quel­le che hai pub­bli­ca­to su In­ter­net, ma­ga­ri sul tuo pro­fi­lo? Quel­lo che rac­con­ti della tua vi­ta nel­le “chiac­chie­re on­li­ne” è coe­ren­te con le tue aspi­ra­zio­ni pro­fes­sio­na­li? Lo sai che a vol­te ba­sta clic­ca­re un “mi pia­ce” sui so­cial net­work per es­se­re “ana­liz­za­ti ed eti­chet­ta­ti” in ba­se al­le pro­prie opi­nio­ni po­li­ti­che, ses­sua­li o re­li­gio­se, con even­tua­li ri­per­cus­sio­ni

an­che sul con­te­sto la­vo­ra­ti­vo?».

Vuoi di­re la tua an­che in si­tua­zio­ni o su ar­go­men­ti mol­to de­li­ca­ti

L’af­fair scop­pia­to tra Sa­rah Jes­si­ca Par­ker e Kim Cat­trall, le Car­rie e Sa­man­tha di Sex and the Ci­ty, in­se­gna: se vuoi in­ter­ve­ni­re in que­stio­ni che ri­guar­da­no la sfe­ra più in­ti­ma del­le per­so­ne, co­me per esem­pio ab­ban­do­ni, lut­ti, dé­ba­cle, de­vi met­te­re al pri­mo po­sto il lo­ro par­ti­co­la­re sta­to d’ani­mo, ed es­se­re si­cu­ra che il tuo in­ter­ven­to non suo­ni in real­tà co­me un tra­gi­co “ehi, ci so­no an­ch’io, guar­da­te­mi!”. Co­me no­to, Sa­rah fa le con­do­glian­ze su In­sta­gram a Kim, do­po la per­di­ta del fra­tel­lo. A stret­to gi­ro di po­st Kim ri­spon­de: “Non ho bi­so­gno del tuo af­fet­to e del tuo sup­por­to in questo mo­men­to tra­gi­co. Tu non sei la mia fa­mi­glia. Non sei una mia ami­ca. Per l’ul­ti­ma vol­ta ti di­co di smet­te­re di sfrut­ta­re la no­stra tra­ge­dia per ri­pri­sti­na­re la tua im­ma­gi­ne di bel­la per­so­na”. Al di là della lo­ro que­rel­le per­so­na­le, è il ca­so di stam­par­si be­ne in men­te il po­st di Kim: “I don’t need your love or sup­port at this tra­gic ti­me”. E poi de­ci­de­re se clic­ca­re su “in­vio”, o ta­ce­re. O tutt’al più pre­fe­ri­re una te­le­fo­na­ta o un bi­gliet­to: mol­to po­co so­cial, e mol­to di­scre­ti. An­che nel­le con­se­guen­ze.

I gio­chi col sex­ting so­no as­sai pe­ri­co­lo­si

I con­te­nu­ti vir­tua­li, pur co­sì ete­rei, hanno ana­lo­gie con la pla­sti­ca: in­so­sti­tui­bi­le e dif­fi­ci­le da di­strug­ge­re. «Mol­ti pen­sa­no che l’ado­zio­ne di al­cu­ni pic­co­li stra­ta­gem­mi, co­me l’in­vio di mes­sag­gi che si “au­to­di­strug­go­no” do­po la let­tu­ra, pos­sa met­ter­li al ri­pa­ro dai ri­schi di un uso inap­pro­pria­to del ma­te­ria­le che vie­ne co­sì con­di­vi­so. Que­sta fal­sa si­cu­rez­za può spin­ger­ti a scam­bia­re, senza pen­sar­ci trop­po, mes­sag­gi ses­sual­men­te espli­ci­ti, in­sul­ti gra­tui­ti o sem­pli­ce­men­te inop­por­tu­ni. Tut­to quel­lo che è con­di­vi­so, pe­rò, può sem­pre es­se­re in qual­che ma­nie­ra sal­va­to e riu­ti­liz­za­to. Se stai gio­can­do, at­ten­to a non far­ti ma­le», scri­vo­no su So­cial Pri­va­cy.

Hai la ten­ta­zio­ne di di­re una ve­ri­tà sco­mo­da

Dal ta­glio di ca­pel­li im­ba­raz­zan­te della tua ami­ca, a quel­le due o tre co­set­te che sai sul suo ra­gaz­zo: vor­re­sti che sa­pes­se, hai la ten­ta­zio­ne di dir­glie­lo… e in­ve­ce aspet­ta. «Di fron­te a pro­vo­ca­zio­ni o a com­men­ti du­ri da di­ge­ri­re, al­cu­ni ten­go­no te­sta, ri­spon­do­no a to­no; si di­ver­to­no an­che. Ma al­tri po­treb­be­ro es­se­re fe­ri­ti dal­le tue pa­ro­le. Da­van­ti a una per­so­na ti­mi­da e un po’ com­ples­sa­ta, o che si zit­ti­sce do­po un tuo com­men­to, dat­ti uno stop: non è il ca­so che gli sban­die­ri in fac­cia una ve­ri­tà an­ti­pa­ti­ca, ma­ga­ri in mo­do sec­co. Puoi di­re co­me stan­no le co­se, se vuoi, ma con to­ni e pa­ro­le ade­gua­te», di­ce Glo­ria Ros­si. «E tie­ni con­to che chi di­ce sem­pre e co­mun­que quel che pen­sa, senza te­ne­re con­to della sen­si­bi­li­tà al­trui, è te­nu­to vo­len­tie­ri al­la lar­ga».

Non sei for­te ab­ba­stan­za da af­fron­ta­re i com­men­ti

Pri­ma di espor­ti, so­prat­tut­to se non co­no­sci be­ne i tuoi in­ter­lo­cu­to­ri, fai un at­ten­to e sin­ce­ro check del tuo gra­do di au­to­sti­ma: «Chie­di­ti: so­no pron­ta ad af­fron­ta­re la va­lu­ta­zio­ne che fa­ran­no di me, il lo­ro giu­di­zio? Se pren­do la lo­ro opi­nio­ne co­me un da­to in più su quel che so di me, può an­da­re tut­to be­ne, e pos­so la­sciar­mi un po’ an­da­re», di­ce la dot­to­res­sa Ros­si. «Ma se quan­do mi fan­no una cri­ti­ca ne­ga­ti­va mi sen­to su­bi­to una nul­li­tà, o se uso l’espo­si­zio­ne della mia vi­ta e dei suoi an­go­li più pri­va­ti co­me si­ste­ma per ca­pi­re quan­to val­go, quan­ti li­ke più o me­no vir­tua­li ot­ten­go, so­no su una stra­da a ri­schio sof­fe­ren­za».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.