La star del me­se Car­di B

Cosmopolitan (Italy) - - Contents -

Star del rap, web ce­leb, spo­glia­rel­li­sta, per­so­nag­gio te­le­vi­si­vo: Car­di B è una che di­ce le co­se co­me stan­no con una per­fet­ta, spiaz­zan­te as­sen­za di fil­tri. Sco­pri­la in que­sta in­ter­vi­sta esclu­si­va per Co­smo­po­li­tan. At­ten­zio­ne: con­te­nu­ti mol­to espli­ci­ti

Sor­pre­sa! Car­di B non è di buon umo­re. Ar­ri­va al no­stro ap­pun­ta­men­to per un pran­zo a Ma­n­hat­tan con il cap­puc­cio gial­lo-ta­xi ti­ra­to sul­la te­sta e una pel­lic­cia lun­ga fi­no al­le ca­vi­glie. Sem­bra un po’ sot­to­to­no. Le ten­do la ma­no, e lei in­ve­ce di strin­ger­la mi dà un ab­brac­cio mo­scio, co­me qual­cu­no co­stret­to a sa­lu­ta­re la vec­chia zia. Que­sta non è la di­va gang­sta che i suoi qua­si 20 mi­lio­ni di fol­lo­wer su In­sta­gram si aspet­ta­no di ve­de­re. Que­sta è una don­na che ha qual­che pen­sie­ro per la te­sta. In gior­na­ta, Car­di (aka Ba­car­di, Bar­di B) se ne an­drà a Los An­ge­les, do­ve, bron­to­la, il ci­bo è pes­si­mo. Si ras­se­re­na per un mo­men­to quan­do ri­spon­de a una chia­ma­ta del­la ma­dre – «Ciao, amo­re ma­ter­no!», di­ce con dol­cez­za al te­le­fo­no – poi tor­na a in­cu­pir­si. Ha pas­sa­to la not­te on­li­ne a giu­sti­fi­car­si, so­stan­zial­men­te, per es­se­re quel­la che è: una sfac­cia­ta ra­gaz­za del Bro­nx che po­treb­be an­che ave­re un bol­li­no “pa­ren­tal con­trol” de­di­ca­to. E ora ha la nau­sea al pen­sie­ro di do­ver ri­spon­de­re a tut­te le do­man­de, tut­te le cri­ti­che, gior­no do­po gior­no, og­gi, do­ma­ni e for­se per il re­sto del­la sua car­rie­ra. La sua ra­pi­dis­si­ma asce­sa le ha da­to mol­to da me­ta­bo­liz­za­re tut­to in una vol­ta. Pri­ma ci so­no sta­te le due sta­gio­ni del rea­li­ty Lo­ve and Hip-Hop, do­ve il suo elo­quio sboc­ca­to le è val­so lo sta­tus di fa­vo­ri­ta dei fan. Poi ha fat­to il bot­to con Bo­dak Yel­low, l’ir­re­si­sti­bi­le bra­no che la scor­sa esta­te ve­ni­va spa­ra­to da­gli ste­reo di tut­ti i club e da ogni au­to­ra­dio: un suc­ces­so che ha fat­to ir­ru­zio­ne nel­la Bill­board Hot 100 (nes­su­na rap­per so­li­sta riu­sci­va a en­trar­ci da 19 an­ni) ed è schiz­za­to al pri­mo po­sto del­la clas­si­fi­ca, de­tro­niz­zan­do Tay­lor Swift. All’ini­zio di que­st’an­no, Car­di fi­gu­ra­va nel­la US Top 50 di Spo­ti­fy oc­cu­pan­do tre dei pri­mi quat­tro po­sti del­la clas­si­fi­ca na­zio­na­le dei bra­ni più ascol­ta­ti con il suo fea­tu­ring in Fi­nes­se di Bru­no Mars, il suo nuo­vo sin­go­lo Bar­tier Car­di, e No li­mit, una col­la­bo­ra­zio­ne con G-Ea­zy in cui spiat­tel­la più pa­ro­le sul ses­so ora­le di quan­te sem­bre­reb­be pos­si­bi­le. E a que­sto bi­so­gna ag­giun­ge­re cin­que Bet Hip Hop Awards, due no­mi­na­tion ai Gram­my, e quel paz­ze­sco se­gui­to sui so­cial me­dia. In­som­ma, non c’è dub­bio che Car­di B sia uf­fi­cial­men­te famosa. Se cerchi il suo no­me su Twit­ter – co­sa che lei fa ogni tan­to, pro­prio co­me chiun­que al­tro – ve­drai ap­prez­za­men­ti sul­la sua mu­si­ca, fan che po­sta­no fo­to dei lo­ro ta­tuag­gi ispirati a lei, ri­chie­ste di fol­low back. E tro­ve­rai an­che com­men­ti ve­le­no­si sul­la sua per­so­na­li­tà, il suo rap, le sue re­la­zio­ni. Gen­te che di­ce di es­se­re ar­rab­bia­ta con lei, de­lu­sa da lei. Ma Car­di B ha scel­to di es­se­re una rap­per, non di es­se­re amica di chiun­que.

UNA CAR­RIE­RA SPERICOLATA

L’asce­sa di Car­di è spes­so nar­ra­ta in ter­mi­ni di “dal­le stal­le al­le stel­le”, co­me se non aves­se mai avu­to un bri­cio­lo di fe­li­ci­tà (e an­che gua­da­gna­to un sac­co di sol­di) pri­ma di dar­si al rap. Na­ta nel 1992 a New York da ma­dre tri­ni­da­dia­na e pa­dre do­mi­ni­ca­no, ha fre­quen­ta­to la Re­nais­san­ce Hi­gh School for Mu­si­cal Thea­ter and Tech­no­lo­gy nel Bro­nx, do­ve vi­ve­va, poi si è iscrit­ta al Bo­rou­gh of Ma­n­hat­tan Com­mu­ni­ty Col­le­ge, ma ha ab­ban­do­na­to gli stu­di do­po un pa­io di se­me­stri, non riu­scen­do a con­ci­lia­re i cor­si col suo la­vo­ro in un mi­ni­mar­ket di Ma­n­hat­tan, l’Ami­sh Mar­ket. Do­po bre­ve tem­po pe­rò ha per­so il suo po­sto di cas­sie­ra e an­che la sua sto­ria con il ra­gaz­zo col qua­le vi­ve­va si era mes­sa ma­le. So­lu­zio­ne? Car­di ha se­gui­to il sug­ge­ri­men­to del suo ex ca­po, che le ave­va sug­ge­ri­to di fa­re

un pro­vi­no al­lo strip club di fron­te al mi­ni­mar­ket. E co­sì Car­di ha ini­zia­to la sua car­rie­ra di spo­glia­rel­li­sta. Car­di ha ac­cu­mu­la­to ra­pi­da­men­te un enor­me se­gui­to sui so­cial me­dia po­stan­do vi­deo estem­po­ra­nei (mol­ti rea­liz­za­ti sul di­va­no del sog­gior­no di sua non­na) nei qua­li un mo­men­to era co­mi­ca­men­te tra­sh («La gen­te mi chie­de: “Sei una mo­del­la, sei una ca­ba­ret­ti­sta?”, e io: “Naah, nien­te di tut­to que­sto. So­no una bad girl!”) e il mo­men­to suc­ces­si­vo da­va sfog­gio di acu­me po­li­ti­co ac­cu­san­do l’Onu di non fa­re ab­ba­stan­za per aiu­ta­re la Li­bia. «So­lo per­ché una fa la strip­per non si­gni­fi­ca che non ab­bia cer­vel­lo», di­ce du­ran­te il no­stro pran­zo. Si è ri­ca­ma­to mol­to sui suoi gior­ni di strip­per, ma lei af­fer­ma che di­ven­ta­re una spo­glia­rel­li­sta non è sta­ta una de­ci­sio­ne stra­zian­te, co­me in quei film sen­ti­men­ta­li in cui la po­ve­ra ra­gaz­za sfor­tu­na­ta fi­ni­sce a fa­re la po­le-dan­ce in un lo­ca­le sor­di­do e poi c’è il ri­scat­to so­cia­le. «Quan­do la gen­te chie­de: “Per­ché lo fa­ce­vi?”», di­ce, «non mi va di fa­re la vit­ti­ma ri­spon­den­do: “Sa­pe­te, ero po­ve­ra, vi­ve­vo con un ra­gaz­zo che mi trat­ta­va ma­le e per an­dar­me­ne ave­vo bi­so­gno di sol­di”». In­ve­ce, pre­fe­ri­sce di­re sen­za mez­zi ter­mi­ni che lo fa­ce­va per i sol­di: era un la­vo­ro più red­di­ti­zio di tan­ti al­tri e le per­met­te­va di es­se­re in­di­pen­den­te. Ed è per que­sto che non evi­ta di par­la­re dei tem­pi in cui bal­la­va ne­gli strip club: vuo­le che la gen­te sap­pia che è un ve­ro la­vo­ro, e che le ra­gaz­ze che bal­la­no sul pal­co o fan­no la lap dan­ce so­no es­se­ri uma­ni. «Tan­ti mi di­co­no: “Lo ab­bia­mo ca­pi­to che ti spo­glia­vi per la­vo­ro... Per­ché con­ti­nui a tor­nar­ci su?”. Per­ché voi non mi ri­spet­ta­te per il fat­to che mi gua­da­gna­vo da vi­ve­re co­sì, e d’ora in poi do­ve­te ri­spet­ta­re le spo­glia­rel­li­ste. Ec­co per­ché».

Te­sto di Ja­z­mi­ne Hu­ghes Fa­shion Director Aya Ka­nai Fo­to di Kai Z Feng

Giac­ca spor­ti­va, bo­dy e shorts Fen­ty Pu­ma by Ri­han­na. Scar­pe Brian At­wood. Orec­chi­ni W. Britt.

Ve­sti­to Blu­ma­ri­ne.

Reg­gi­se­no Agent Pro­vo­ca­teur. Scar­pe Sen­so. Orec­chi­ni Joan­na Lau­ra Con­stan­ti­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.