Co­smo­tí­va­ti Il ma­gi­co potere del­la scrit­tu­ra

Cosmopolitan (Italy) - - Contents - di Ade­lai­de Ba­ri­goz­zi

Hai mai fat­to ca­so a quan­to spes­so scri­vi? Un po­st su Fb, una mail, il re­port di un pro­get­to, una pre­sen­ta­zio­ne su Po­we­rPoint... Ar­chi­via­te (o qua­si) car­ta e pen­na, di­gi­ti com­pul­si­va­men­te sui ta­sti di pc e cel­lu­la­re pro­du­cen­do ogni gior­no de­ci­ne e de­ci­ne di pa­ro­le. Spe­cie in uf­fi­cio, do­ve chat e po­sta elet­tro­ni­ca stan­no qua­si sop­pian­tan­do i fac­cia a fac­cia tra vi­ci­ni di scri­va­nia. Jo­ce­lyn K. Glei nel li­bro Un­sub­scri­be: How

to kill mail an­xie­ty, af­fer­ma che in ora­rio di la­vo­ro in­via­mo in me­dia 122 mes­sag­gi. Pro­prio co­sì: seb­be­ne vi­vi in un’epo­ca di­gi­ta­le do­mi­na­ta dal­le im­ma­gi­ni, la co­mu­ni­ca­zio­ne scrit­ta non ha mai con­ta­to co­sì tan­to. E se vuoi ave­re dav­ve­ro suc­ces­so, ti con­vie­ne fa­re al più pre­sto re­fre­sh al­le tue do­ti di sto­ry­tel­ler. An­na Bo­go­ni, la no­stra esper­ta in job wri­ting, ti spie­ga co­me. UNA SKILL SEM­PRE PIÙ RI­CHIE­STA

Non de­vi pos­se­de­re per for­za l’abi­li­tà nar­ra­ti­va di Ele­na Fer­ran­te per re­di­ge­re la pre­sen­ta­zio­ne di un pro­get­to. Se, pe­rò, non pa­dro­neg­gi be­ne l’ita­lia­no, scri­vi in mo­do sgram­ma­ti­ca­to o in­vo­lu­to e non rie­sci a spie­ga­re al me­glio ciò che vuoi di­re (o che hai fat­to), le tue per­for­man­ce pro­fes­sio­na­li ri­schia­no di non ri­ce­ve­re l’at­ten­zio­ne che me­ri­ta­no. «Sa­per scri­ve­re è una skill sem­pre più ri­chie­sta dai re­spon­sa­bi­li HR nei cam­pi più di­ver­si, e dun­que una com­pe­ten­za pre­zio­sa se vuoi fa­re car­rie­ra», con­fer­ma An­na Bo­go­ni, gior­na­li­sta (è an­che sta­ta di­ret­to­re di Co­smo­po­li­tan) ed esper­ta in job wri­ting, non­ché do­cen­te di cor­si di scrit­tu­ra per le azien­de.

DA­RE UN NO­ME AI TUOI DE­SI­DE­RI LI AVVERA

Sa­per met­te­re ne­ro su bian­co espe­rien­ze vis­su­te, idee, so­gni ed emozioni, ti aiu­ta an­che nel­la cre­sci­ta per­so­na­le. Ti per­met­te di ela­bo­ra­re dub­bi e dif­fi­col­tà, sta­bi­li­re gli obiet­ti­vi, da­re un sen­so a ciò che ti ac­ca­de e tro­va­re nuo­vi tra­guar­di, pro­muo­ven­do una con­ti­nua ma­tu­ra­zio­ne interiore, co­me sug­ge­ri­sce Duc­cio De­me­trio, fon­da­to­re del­la Li­be­ra Uni­ver­si­tà dell’au­to­bio­gra­fia di An­ghia­ri, nel suo li­bro Rac­con­tar­si (Raf­fael­lo Cor­ti­na, e 14). Da­re un no­me a de­si­de­ri e pau­re, in­fat­ti, è il pri­mo pas­so per rea­liz­za­re gli uni e su­pe­ra­re le al­tre. Og­gi, poi, puoi de­ci­de­re se col­ti­va­re la scrit­tu­ra co­me ge­sto pri­va­to, te­nen­do un dia­rio, op­pu­re con­di­vi­der­la in un blog o sui so­cial, con­fron­tan­do­ti con gli al­tri. Nel pri­mo ca­so, è un’abi­tu­di­ne in­ti­ma che ti por­ta a ri­flet­te­re ac­cre­scen­do la tua con­sa­pe­vo­lez­za, nel se­con­do è uno stru­men­to di per­so­nal bran­ding che ti con­sen­te di pro­muo­ver­ti nar­ran­do in mo­do av­vin­cen­te ciò che fai.

CO­MU­NI­CA­RE BE­NE MIGLIORA L’EF­FI­CIEN­ZA

«La co­mu­ni­ca­zio­ne scrit­ta, spe­cie nel mon­do del la­vo­ro, pe­rò, ha mil­le in­si­die», av­ver­te l’esper­ta. «Nel­lo scam­bio di mail, per esem­pio, ac­ca­de spes­so che si crei­no in­gor­ghi di in­for­ma­zio­ni inu­ti­li, men­tre quel­le che ser­vo­no ven­go­no tra­scu­ra­te, omes­se o da­te per scon­ta­te». Un al­tro er­ro­re dif­fu­so so­no le pre­sen­ta­zio­ni smart che non di­co­no nien­te. «Se vuoi da­re vi­si­bi­li­tà al­le tue idee, de­vi an­che sa­per­le rac­con­ta­re», pro­se­gue Bo­go­ni. «Il pun­to è che po­chi so­no dav­ve­ro ca­pa­ci di scri­ve­re, men­tre sem­pre più im­pre­se si stan­no ren­den­do con­to che un’ot­ti­ma­le co­mu­ni­ca­zio­ne, in­ter­na ed ester­na, in­flui­sce po­si­ti­va­men­te sull’or­ga­niz­za­zio­ne del la­vo­ro e sull’ef­fi­cien­za», sot­to­li­nea Bo­go­ni. Col­ti­va­re que­sto aspet­to, quin­di, può co­sti­tui­re per te un dop­pio van­tag­gio: da un la­to ti ren­de la can­di­da­ta idea­le agli oc­chi di un re­crui­ter, dall’al­tro ti fa­ci­li­ta nel­la car­rie­ra. Ma qua­li so­no i se­gre­ti per scri­ve­re sem­pre la co­sa giu­sta e ave­re suc­ces­so? Vol­ta la pa­gi­na e leg­gi le drit­te del­la no­stra esper­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.