La­vo­ro Co­sa fa­rai tra 5 an­ni? Chi lo sa...

Cosmopolitan (Italy) - - Contents -

È que­sta la do­man­da che può ter­ro­riz­zar­ti più del clo­wn di It. Pro­ba­bil­men­te l’hai sen­ti­ta un tri­liar­do di vol­te: dai tuoi ge­ni­to­ri, da­gli ami­ci e, so­prat­tut­to, dai po­ten­zia­li da­to­ri di la­vo­ro du­ran­te i col­lo­qui. Vor­re­sti ave­re la sfe­ra di cri­stal­lo, ma non sai co­sa ri­spon­de­re. Co­sì, men­tre ten­ti di glis­sa­re, den­tro di te mon­ta il pa­ni­co. Ma com’è che tut­ti san­no co­sa fa­ran­no per il re­sto del­la lo­ro vi­ta, e tu in­ve­ce non ne hai idea? Eb­be­ne, è ora di guar­da­re in fac­cia la real­tà: gli al­tri stan­no bluf­fan­do. Ed è ora di smet­ter­la

Lve­ri­tà è che il fa­mo­so pia­no quin­quen­na­le che tut­ti pre­ten­de­reb­be­ro da te non è più ri­le­van­te. Tra glo­ba­liz­za­zio­ne, au­to­ma­zio­ne, in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le e in­no­va­zio­ni che di­stor­co­no la sfe­ra spa­zio-tem­po­ra­le, a det­ta de­gli esper­ti è qua­si im­pos­si­bi­le pre­di­re il fu­tu­ro dell’eco­no­mia. E, an­co­ra me­no, qua­le ruo­lo po­trai aver­ci tu. In 5 an­ni gran­di im­pre­se pos­so­no es­se­re crea­te o di­strut­te, men­tre nuo­vi la­vo­ri spuntano dal nul­la (ve­di box fi­na­le). Pro­prio co­sì: puoi tran­quil­la­men­te scom­met­te­re sul fat­to che la tua vi­ta pro­fes­sio­na­le su­bi­rà dei col­pi di sce­na ina­spet­ta­ti. Se­con­do un re­cen­te stu­dio com­mis­sio­na­to da Lin­ke­dIn, ol­tre un ter­zo dei la­vo­ra­to­ri tra i 25 e i 33 an­ni ha già cam­bia­to per­cor­so pro­fes­sio­na­le al­me­no una vol­ta. Dun­que, non pre­oc­cu­par­ti più di ave­re una vi­sio­ne gra­ni­ti­ca quan­to pre­co­sti­tui­ta di ciò che po­tre­sti fa­re nei pros­si­mi an­ni, e pre­pa­ra­ti a con­qui­sta­re il mon­do del la­vo­ro fa­cen­do re­fre­sh con que­sti con­si­gli.

En­tra nel­la flex-zo­ne

«Il per­cor­so di car­rie­ra del­la mag­gior par­te del­le don­ne non è più una sem­pli­ce sca­la ver­so l’al­to», di­ce Car­rie Ker­pen, co­fon­da­tri­ce dell’agen­zia web Li­kea­ble Me­dia e au­tri­ce di Work It: Se­cre­ts for Suc­cess From the Bol­de­st Wo­men in Bu­si­ness. «Le pro­fes­sio­ni­ste più fe­li­ci e con sto­rie più in­te­res­san­ti da rac­con­ta­re han­no pro­va­to espe­rien­ze la­vo­ra­ti­ve dif­fe­ren­ti. E og­gi si ri­tro­va­no a fa­re qual­co­sa che a 21 an­ni non im­ma­gi­na­va­no nem­me­no lon­ta­na­men­te». La nuo­va pa­ro­la d’or­di­ne, quin­di, è: fles­si­bi­li­tà. Il che si­gni­fi­ca pos­se­de­re una men­te aper­ta ed es­se­re pron­ta a spe­ri­men­ta­re la­vo­ri che, ma­ga­ri, an­co­ra non esi­sto­no o a svol­ger­ne uno inu­sua­le, pa­ral­le­la­men­te al tuo at­tua­le im­pie­go. Per esem­pio, so­lo per­ché hai una lau­rea in in­fer­mie­ri­sti­ca, non si­gni­fi­ca che la­vo­re­rai tut­ta la vi­ta in un ospe­da­le. Po­tre­sti spe­cia­liz­zar­ti in in­fer­mie­ri­sti­ca le­ga­le/ fo­ren­se, la­vo­ra­re per una so­cie­tà far­ma­ceu­ti­ca, unir­ti a una del­le nu­me­ro­se star­tup che stan­no na­scen­do nel set­to­re heal­th­ca­re. Fo­ca­liz­zan­do­ti su un uni­co per­cor­so (co­me han­no sem­pre fat­to le ge­ne­ra­zio­ni pre­ce­den­ti), po­tre­sti per­de­re del­le ot­ti­me oc­ca­sio­ni. Crea­ti più op­por­tu­ni­tà pos­si­bi­li im­po­stan­do Goo­gle Alert in mo­do da ri­ce­ve­re av­vi­si as­so­cia­ti a pa­ro­le chia­ve di tuo in­te­res­se, e se­guen­do su twit­ter e in­sta­gram per­so­ne di suc­ces­so nei set­to­ri che ti stan­no più a cuo­re.

Crea una re­te di sup­por­to

I tra­di­zio­na­li pro­gram­mi di men­to­ring pos­so­no es­se­re mol­to uti­li, ma han­no dei li­mi­ti. «Di so­li­to, pro­pon­go­no un uni­co men­to­re che ti se­gue per l’in­te­ro ar­co del­la tua car­rie­ra, ma aspet­tar­si tut­te le ri­spo­ste da una sin­go­la per­so­na è sba­glia­to»,

OG­GI LA CAR­RIE­RA NON È PIÙ UNA SCA­LA CHE TI POR­TA DRITTA VER­SO LA SA­LA DEI BOTTONI, MA UN PER­COR­SO TORTUOSO PIE­NO DI COL­PI DI SCE­NA E REPENTINI CAM­BI DI DI­RE­ZIO­NE

SE­CON­DO LIN­KE­DIN, I MIL­LEN­NIAL CAM­BIA­NO QUA­SI 2,85 PO­STI DI LA­VO­RO NEI PRI­MI 5 AN­NI DAL­LA LAU­REA, CON­TRO UNA ME­DIA DI 1,6 DEL­LA GE­NE­RA­ZIO­NE PRE­CE­DEN­TE

os­ser­va Ker­pen. Nel mon­do del la­vo­ro con­tem­po­ra­neo è im­por­tan­te ri­ce­ve­re con­si­gli da di­ver­se fon­ti au­to­re­vo­li». L’esper­ta ti sug­ge­ri­sce di crear­ti il tuo per­so­na­le team di con­su­len­ti, 5-7 in tut­to, ai qua­li puoi ri­vol­ger­ti per dif­fe­ren­ti aspet­ti del­la car­rie­ra. Puoi re­clu­ta­re ami­ci, ex col­le­ghi, la so­rel­la del tuo ra­gaz­zo... In pra­ti­ca, le per­so­ne che chia­me­re­sti per un pa­re­re o un con­si­glio mo­ti­va­zio­na­le, nel ca­so do­ves­si de­ci­de­re se va­le la pe­na o no cam­bia­re la­vo­ro. In­fat­ti non de­vo­no ne­ces­sa­ria­men­te ap­par­te­ne­re al tuo stes­so set­to­re. Crea una chat di grup­po o una ca­te­na di mail, e se vi­vo­no vi­ci­no a te o, co­mun­que, non trop­po lon­ta­no, cer­ca di in­con­trar­li per un caf­fè o un ape­ri­ti­vo al­me­no una vol­ta al me­se. Con il tem­po, il tuo team di sup­por­to po­treb­be sug­ge­rir­ti un’op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro che al­tri­men­ti non avre­sti con­si­de­ra­to, aiu­tar­ti nel net­wor­king, pas­sar­ti il no­mi­na­ti­vo di un va­li­do col­la­bo­ra­to­re, di­ven­tan­do co­sì una ri­sor­sa pre­zio­sa in ca­so di bi­so­gno e una pre­zio­sa cas­sa di ri­so­nan­za per le tue am­bi­zio­ni.

Fai te­so­ro dei tuoi suc­ces­si

Non ri­man­da­re mai: è im­por­tan­te ca­pi­ta­liz­za­re su­bi­to ciò che fun­zio­na a tuo van­tag­gio. «Pro­va a te­ne­re un dia­rio pro­fes­sio­na­le se­me­stra­le», di­ce Lau­ren McGood­win, fon­da­tri­ce del si­to di con­su­len­za al­la car­rie­ra Ca­reer Con­tes­sa. «An­no­ta i com­men­ti e i com­pli­men­ti che ti fa il tuo ca­po, co­sì po­trai ve­de­re i pro­gres­si che stai fa­cen­do». Inol­tre, se­gna­ti i gior­ni in cui hai ot­te­nu­to ri­sul­ta­ti stre­pi­to­si (un in­ca­ri­co di gran­de re­spon­sa­bi­li­tà, una pre­sen­ta­zio­ne da ap­plau­so), ma re­gi­stra an­che le tue dé­fail­lan­ce. Poi, a in­ter­val­li re­go­la­ri (ogni 2-3 set­ti­ma­ne) fai un check del tuo ope­ra­to, ve­ri­fi­can­do co­sa ha avu­to suc­ces­so e co­sa no. Per esem­pio, hai te­nu­to con­to del feed­back ri­ce­vu­to a mar­zo e lo hai mes­so a frut­to il me­se suc­ces­si­vo? In ca­so con­tra­rio, sei an­co­ra in tem­po? «Mol­te per­so­ne so­no os­ses­sio­na­te dal fu­tu­ro per­ché, in real­tà, te­mo­no di non fa­re un buon la­vo­ro nel pre­sen­te», av­ver­te Ker­pen. Ma mo­ni­to­ra­re i pro­gres­si in tem­po rea­le ti per­met­te pro­prio di ac­qui­si­re mag­gio­re si­cu­rez­za qui e ora. E di co­struir­ti una so­li­da ba­se pro­fes­sio­na­le fat­ta di tan­te pic­co­le vit­to­rie con­cre­te che po­trai usa­re poi nel cur­ri­cu­lum, o per dar­ti la ca­ri­ca.

Il vec­chio mo­do di pia­ni­fi­ca­re non fun­zio­na più: rom­pi gli sche­mi e cam­bia rot­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.