Re­port

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

Fin­lan­dia e Nuo­va Ze­lan­da. In Uk, do­ve se­con­do un re­cen­te son­dag­gio il 38% del­le ra­gaz­ze su­bi­sce mo­le­stie di na­tu­ra ver­ba­le al­me­no una vol­ta al me­se e il 9% ha avu­to un’espe­rien­za di up­skir­ting, è al­lo stu­dio una nuo­va leg­ge. In Bra­si­le, in­ve­ce, il pro­get­to “Che­ga de Fiu Fiu” (Ba­sta fi­schi per stra­da) lan­cia­to nel 2013 dal­la com­mu­ni­ty fem­mi­ni­sta Think Ol­ga ha crea­to una map­pa on­li­ne in­te­rat­ti­va do­ve le uten­ti se­gna­la­no gli epi­so­di di cui so­no sta­te vit­ti­me. La geo­lo­ca­liz­za­zio­ne ser­ve a se­gna­la­re le cit­tà e i quar­tie­ri più a ri­schio. Hol­la­back! ha pro­mos­so un’ini­zia­ti­va si­mi­le.

E in Italia? «Il ge­ne­ri­co rea­to di mo­le­stie è pu­ni­bi­le con un’am­men­da, ma è ra­ris­si­mo che una don­na de­nun­ci i com­men­ti ses­si­sti», spie­ga Nun­zia Ales­san­dra Schi­li­rò, vi­ce­que­sto­re ag­giun­to del­la Po­li­zia di Sta­to. Per an­ni a ca­po di una se­zio­ne del­la Squa­dra Mo­bi­le di Ro­ma ed esper­ta in di­scri­mi­na­zio­ni di ge­ne­re, ha scrit­to sul te­ma un libro che for­ni­sce nu­me­ro­si con­si­gli pra­ti­ci: So­li nel­la not­te dell’ani­ma. Co­me rea­gi­re al­le mo­le­stie in ca­sa, al la­vo­ro, per stra­da. «Tan­ti pro­gres­si so­no sta­ti com­piu­ti, per esem­pio i pal­peg­gia­men­ti ora so­no con­si­de­ra­ti vio­len­za ses­sua­le a tut­ti gli ef­fet­ti, ma c’è an­co­ra tan­to da fa­re. Nei pae­si scan­di­na­vi, per esem­pio, ogni at­to ses­sua­le sen­za con­sen­so è rea­to, men­tre da noi vie­ne con­si­de­ra­to ta­le so­lo se c’è vio­len­za, mi­nac­cia e abu­so, il che ren­de le co­se più dif­fi­ci­li». Un al­tro osta­co­lo è la tem­pi­sti­ca per le de­nun­ce. Se su­bi­sci una vio­len­za, hai sei me­si per re­car­ti

NEI LO­CA­LI PUB­BLI­CI NON PER­DE­RE MAI DI VI­STA IL TUO BIC­CHIE­RE

«Il GHB, la dro­ga del­lo stu­pro, non è una leg­gen­da me­tro­po­li­ta­na: esi­ste», av­ver­te la vi­ce­que­sto­re Nun­zia Ales­san­dra Schi­li­rò. «Si trat­ta di una so­stan­za in­sa­po­re, ino­do­re e in­co­lo­re: qual­cu­no po­treb­be ver­sar­la nel tuo drink sen­za che tu te ne ac­cor­ga». È chia­ma­ta co­sì per­ché pro­vo­ca uno sta­to di in­tor­pi­di­men­to che an­nul­la le di­fe­se: re­sti sve­glia, ma in­ca­pa­ce di rea­gi­re. «E il peg­gio ar­ri­va do­po: fi­ni­to l’ef­fet­to, non ti ri­cor­di nul­la. Ti sve­gli ma­ga­ri do­lo­ran­te e pie­na di li­vi­di, sen­za sa­pe­re co­sa ti è suc­ces­so. Un’espe­rien­za de­va­stan­te. Ec­co per­ché è es­sen­zia­le sta­re sem­pre con gli oc­chi be­ne aper­ti quan­do ti tro­vi in un lo­ca­le pub­bli­co, spe­cie se sei so­la. Ri­cor­da­ti di non ac­cet­ta­re mai da be­re da chi non co­no­sci e non per­de­re di vi­sta il tuo bic­chie­re», con­clu­de l’esper­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.