1SE

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

«In mi­lon­ga è l’uo­mo che col ca­be­ceo, un cen­no del ca­po, in­vi­ta la da­ma a bal­la­re. A chi re­sta spes­so se­du­ta spie­go che mol­to di­pen­de da lei! Con­ta co­me bal­la, ma an­che co­me cam­mi­na, co­me ac­ca­val­la le gam­be, la gra­zia con cui si cam­bia le scar­pe e in­dos­sa quel­le da bal­lo: non far­lo fur­ti­va­men­te, le di­co, met­ti­le con de­li­ca­tez­za! E poi guar­da l’al­tro in fac­cia se vuoi co­no­scer­lo, e sor­ri­di, non ri­pa­rar­ti die­tro il te­le­fo­ni­no», di­ce Zot­to. «Non la­men­tar­ti di ogni co­sa: ci vuo­le po­si­ti­vi­tà, de­vi dir­ti: “de­vo bal­la­re, ven­go pre­pa­ra­ta per­ché que­sta se­ra­ta sia unica!”. La don­na che en­tra in mi­lon­ga non è la stes­sa che sta in un bar o in uf­fi­cio, non ha lo stes­so at­teg­gia­men­to. Poi ma­ga­ri, quan­do si ac­cor­ge che que­sto mo­do di sen­tir­si fun­zio­na, lo as­su­me sem­pre, e con gran­de gio­ia. Un al­tro se­gre­to è os­ser­va­re le al­tre: se una bal­la tut­ta la se­ra ci sa­rà un mo­ti­vo. E al­lo­ra stu­dia co­me si muo­ve, pren­di­la co­me ri­fe­ri­men­to. Ci so­no bal­le­ri­ne an­che mol­to ma­tu­re che ri­ce­vo­no in­vi­ti con­ti­nui, for­mi­da­bi­li per por­ta­men­to, ener­gia, tec­ni­ca. An­che l’uo­mo na­tu­ral­men­te de­ve es­se­re sim­pa­ti­co, sa­per se­dur­re con il sor­ri­so, la mi­lon­ga è un po­sto do­ve va per per co­no­sce­re, bal­la­re, non per esi­bi­re una tec­ni­ca. Io stes­so so­no un ti­po sor­ri­den­te, mi pia­ce es­se­re po­si­ti­vo, che è una for­ma di ge­ne­ro­si­tà». Non ti in­vi­ta­no, non ti sen­ti ap­prez­za­ta? «La via, an­che fuo­ri dal­la mi­lon­ga, è mi­glio­ra­re l’au­to­sti­ma: au­men­te­rà an­che la fem­mi­ni­li­tà, sa­rai più pre­sen­te, cam­bie­rà il mo­do di por­ti», ag­giun­ge Flam­mi­ni. «Puoi la­vo­ra­re su­bi­to sul­la fi­si­ci­tà, per­ché se pla­smi il tuo cor­po puoi con­di­zio­na­re la psi­che. Por­ta più spes­so la gon­na: non c’è bi­so­gno di osten­ta­zio­ni, fai ca­so a co­me nel tan­go la fem­mi­ni­li­tà sia esal­ta­ta da mi­su­re lon­guet­te e ca­pel­li rac­col­ti. Guar­da­ti al­lo spec­chio, sii in con­fi­den­za con te stes­sa. Usa i co­lo­ri: il ne­ro è ele­gan­te, ma tri­ste, por­tia­mo vi­va­ci­tà nel­la vi­ta! Me­glio il ro­sa, co­sì fem­mi­ni­le, e il pas­sio­na­le ros­so, che se­con­do alcuni stu­di at­trae gli uo­mi­ni in mo­do par­ti­co­la­re. Poi, tie­ni una po­stu­ra eret­ta, con le spal­le be­ne aper­te: co­sì sei più ri­cet­ti­va. E me­glio di­spo­sta ver­so il mon­do: pro­va a sta­re ran­nic­chia­ta, con le spal­le cur­ve, e a dir­ti: “Co­me sto be­ne!”. Dif­fi­ci­le, ve­ro? Ora ri­pe­ti con un por­ta­men­to fie­ro, la schie­na ben drit­ta: ora sì che sei cre­di­bi­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.