4SE

Cosmopolitan (Italy) - - Youniverse -

Z. «L’uo­mo de­ve “te­ne­re l’as­se”, ma en­tram­bi de­vo­no fa­re at­ten­zio­ne al pro­prio equi­li­brio. Poi bi­so­gna co­mu­ni­ca­re e coor­di­na­re il mo­vi­men­to, e ci vuo­le con­cen­tra­zio­ne. È co­me quan­do fai l’amo­re: non puoi rag­giun­ge­re il mas­si­mo del pia­ce­re se la tua men­te è da un’al­tra par­te! Quan­do fai qual­co­sa, stai nel mo­men­to, con­cen­tra lì tut­ta la tua ener­gia. Ave­re equi­li­brio vuol di­re an­che sa­per­lo man­te­ne­re, e ta­ce­re nel mo­men­to cri­ti­co di una di­scus­sio­ne: non di­re nien­te quan­do sen­ti che l’as­se può squi­li­brar­si. Usa l’au­to­con­trol­lo! Ta­ce­re non è sot­to­met­ter­si, ma met­ter­si in ascol­to dell’al­tro. I mo­men­ti cri­ti­ci van­no pre­si co­me pas­seg­ge­ri, la vi­ta va usa­ta co­me una co­sa sem­pli­ce. Chi ha fat­to be­ne l’amo­re la se­ra pri­ma, il gior­no do­po è più ac­co­mo­dan­te, non esplo­de al­la mi­ni­ma pro­vo­ca­zio­ne». F. «È quan­do si sa cam­mi­na­re be­ne da so­li che si cam­mi­na be­ne in cop­pia. Quan­do si è cen­tra­ti su se stes­si, an­che se in re­la­zio­ne con l’al­tro, si può bal­la­re be­ne, il tan­go co­me l’amo­re. Co­sa vuol di­re re­sta­re cen­tra­ti? Non sen­tir­si sem­pre fe­ri­ti di fron­te a una pic­co­la cri­ti­ca, a un con­tra­sto. E ave­re fi­du­cia, os­sia non vo­ler ave­re il con­trol­lo sul­la vi­ta dell’al­tro».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.