Co­me smet­te­re di odiare il tuo la­vo­ro... sen­za li­cen­ziar­ti

Al mat­ti­no ti sen­ti ma­le all’idea di an­da­re in uf­fi­cio? Non sei l’uni­ca. Ma re­set­ta­re il tuo at­teg­gia­men­to men­ta­le ne­ga­ti­vo (ed es­se­re più fe­li­ce) è pos­si­bi­le

Cosmopolitan (Italy) - - Contents -

Quiz lampo: il tuo la­vo­ro è…

A Una no­ia mor­ta­le. B Un vi­co­lo cie­co. C Ro­vi­na­to da per­so­ne or­ren­de e ir­ri­tan­ti. D Un mix di tut­te que­ste op­zio­ni. La mag­gior par­te del­le per­so­ne si la­men­ta di ciò che fa per vi­ve­re, ti­ran­do in bal­lo al­me­no uno di que­sti pro­ble­mi. Qua­si nes­su­no, pe­rò, può li­cen­ziar­si. Che fa­re? Se­con­do Da­niel M. Ca­ble, au­to­re di

Ali­ve at Word, una so­lu­zio­ne c’è: cam­bia­re il mo­do di pen­sa­re al la­vo­ro. Cor­reg­ge­re la pro­spet­ti­va ren­de­rà il tem­po che pas­si in uf­fi­cio non so­lo più sop­por­ta­bi­le, ma di­ver­ten­te e per­fi­no ap­pa­gan­te.

Ba­sta con il fe­sti­val del mal­con­ten­to

Hai pre­sen­te quel­le pau­se pran­zo coi col­le­ghi quan­do, tra un’in­sa­la­to­na e un pa­ni­no, tut­ti par­la­no ma­le del boss e si la­men­ta­no di co­me so­no trat­ta­ti in azien­da? Me­glio evi­ta­re. Se­con­do Amy Coo­per Ha­kim, psi­co­lo­ga esper­ta in or­ga­niz­za­zio­ne del la­vo­ro e au­tri­ce del sag­gio Wor­king Wi­th Dif­fi­cult Peo­ple, è po­co pro­fes­sio­na­le e non ser­vi­rà cer­to a mi­glio­ra­re le co­se. Hai bi­so­gno di sfo­gar­ti? Per que­sto ci so­no gli ami­ci o il part­ner, per­so­ne al di fuo­ri dei gio­chi in uf­fi­cio, con cui puoi con­fi­dar­ti a cuo­re aper­to. «Lo­ro ti ascol­te­ran­no sen­za rin­ca­ra­re la do­se, ti da­ran­no so­ste­gno e po­tran­no aiu­tar­ti a ve­de­re le co­se con mag­gio­re obiet­ti­vi­tà», di­ce l’esper­ta. «Inol­tre, ti con­si­glio di ri­ser­va­re a que­sto ti­po di con­ver­sa­zio­ni mas­si­mo 10 mi­nu­ti: co­sì evi­te­rai di da­re trop­po spa­zio a fru­stra­zio­ni e pen­sie­ri ne­ga­ti­vi.

Cer­ca i la­ti po­si­ti­vi e met­ti­li ne­ro su bian­co

D’ac­cor­do, non è la pro­fes­sio­ne dei tuoi so­gni, ma avrà pu­re qual­co­sa di buo­no, no? Ma­ga­ri di­vi­di l’uf­fi­cio con la tua mi­glio­re ami­ca o la se­de dell’azien­da è a 10 mi­nu­ti da ca­sa (non ti vie­ne in men­te nien­te? È il ca­so che tu fac­cia il te­st al­la pa­gi­na se­guen­te). «Se ti con­cen­tri su­gli aspet­ti po­si­ti­vi ti sa­rà più fa­ci­le ge­sti­re quel­lo che non va. Se rie­sci a pen­sa­re a qual­co­sa di cui puoi es­se­re gra­ta, in­fat­ti, la tua gior­na­ta la­vo­ra­ti­va ti pe­se­rà mol­to me­no», os­ser­va Ha­kim. Se­gna­ti i pun­ti a fa­vo­re su un taccuino o sul te­le­fo­no: ave­re con te la li­sta dei pro, da ri­leg­ge­re nei mo­men­ti ne­ri, ti ser­vi­rà a di­ven­ta­re ot­ti­mi­sta.

Ri­com­pen­sa­ti spes­so: te lo me­ri­ti

I ca­ni ven­go­no pre­mia­ti con un bi­scot­to, gli stu­den­ti con un bel vo­to: per­ché non do­vre­sti an­che tu ave­re di­rit­to a una gra­ti­fi­ca, quan­do fai le co­se per be­ne? «Esa­mi­na il tuo at­teg­gia­men­to sul po­sto di la­vo­ro e pre­fig­gi­ti de­gli obiet­ti­vi di mi­glio­ra­men­to mi­su­ra­bi­li», sug­ge­ri­sce Ha­kim. Per esem­pio, sfi­da te stes­sa a non la­men­tar­ti ad al­ta vo­ce per una set­ti­ma­na o a non al­za­re gli oc­chi al cie­lo quan­do il boss ti chie­de di oc­cu­par­ti di un’at­ti­vi­tà che ri­tie­ni inu­ti­le. E co­me ri­com­pen­sa per il tuo suc­ces­so an­drai in un locale più ca­ri­no del so­li­to in pau­sa pran­zo, o ti coc­co­le­rai con un bel ba­gno pro­fu­ma­to al ri­tor­no a ca­sa. «Se sai che al­la fi­ne ti aspet­ta un pre­mio, hai mag­gio­ri pro­ba­bi­li­tà di por­ta­re a ter­mi­ne un com­pi­to», os­ser­va Ha­kim. Ma, so­pratt­tut­to, scac­cia­re dal­la men­te la­men­te­le e pic­co­li dram­mi quo­ti­dia­ni ti fa­rà vi­ve­re me­glio la tua rou­ti­ne la­vo­ra­ti­va.

Chie­di qual­che nuo­vo in­ca­ri­co

«Cer­ca di am­plia­re le tue re­spon­sa­bi­li­tà», sug­ge­ri­sce Ha­kim. Se le tue nor­ma­li man­sio­ni pre­ve­do­no di sbri­ga­re del­le com­mis­sio­ni per il tuo ca­po, chie­di­gli se puoi se­gui­re an­che qual­che clien­te. Co­sì di­mo­stri di ave­re ini­zia­ti­va e au­men­ti le chan­ce di una pro­mo­zio­ne. Ri­sul­ta­to: ti sen­ti­rai più mo­ti­va­ta e sod­di­sfat­ta.

Fai spa­zio al di­ver­ti­men­to

Un mo­do mol­to sem­pli­ce ed ef­fi­ca­ce per cam­bia­re il cli­ma in­ter­no nei con­fron­ti del la­vo­ro e sen­tir­ti su­bi­to più so­la­re e ben di­spo­sta? Ap­pro­fit­ta del­la pau­sa pran­zo per fa­re qual­co­sa di pia­ce­vo­le e di­ver­ten­te. Ba­sta una vol­ta al­la set­ti­ma­na. Una le­zio­ne di pi­la­tes, una nuo­ta­ta in piscina, un sal­to dal par­ruc­chie­re, una pas­seg­gia­ta al par­co, un pran­zo ve­lo­ce con un’ami­ca. Più ti man­da su di gi­ri, più du­re­rà la ca­ri­ca. «E co­sì ti ri­cor­de­rai an­che che nel­la tua vi­ta non esi­ste so­lo il la­vo­ro», con­clu­de Ha­kim.

Se hai ri­spo­sto SÌ ad al­me­no due di que­ste do­man­de,

stu­dia una stra­te­gia di fu­ga. Ag­gior­na il tuo pro­fi­lo su Lin­ke­dIn, at­ti­va l’op­zio­ne che se­gna­la al­le azien­de (tran­ne la tua) che sei sul mer­ca­to, tie­ni d’occhio le of­fer­te e chie­di drit­te al­la tua re­te di con­tat­ti. «Se sei in­fe­li­ce, for­se quel po­sto non fa dav­ve­ro per te e cam­bia­re è la mos­sa più sag­gia», di­ce Ali­son Green, au­tri­ce di Ask a Ma­na­ger.

Se hai ri­spo­sto NO ad al­me­no due di que­ste

do­man­de, pro­ba­bil­men­te de­vi sol­tan­to cer­ca­re di cam­bia­re pro­spet­ti­va. «Dat­ti un al­tro pa­io di set­ti­ma­ne e poi ri­va­lu­ta la si­tua­zio­ne», di­ce Ha­kim. «A quel pun­to, de­ci­de­rai se va­le la pe­na te­ner­ti stret­to il tuo la­vo­ro, mo­di­fi­can­do in­ve­ce l’at­teg­gia­men­to men­ta­le, o se è ora di da­re il via a un nuo­vo ini­zio. Nel se­con­do ca­so, ini­zia a guar­dar­ti attorno.

I mi­nu­ti scor­ro­no, ma il tem­po non pas­sa mai? Piut­to­sto che fis­sa­re l’oro­lo­gio con im­pa­zien­za, in at­te­sa di fi­ni­re la gior­na­ta, chie­di al tuo ca­po di dar­ti un in­ca­ri­co di­ver­so dal so­li­to. Po­tre­sti an­che di­ver­tir­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.