La­vo­ro ai gio­va­ni e cre­sci­ta, è il mo­men­to del­la re­spon­sa­bi­li­tà

Al­la vi­ta­li­tà del set­to­re pri­va­to, oc­cor­re ag­giun­ge­re un più in­ci­si­vo con­tri­bu­to del com­par­to pub­bli­co cui chie­dia­mo di at­ti­va­re gli in­ve­sti­men­ti pre­vi­sti per rea­liz­za­re quel­le in­fra­strut­tu­re ma­te­ria­li e im­ma­te­ria­li di cui il Pae­se ha bi­so­gno per com­pe­ter

Costozero - - Editoriale - di Vin­cen­zo Boc­cia pre­si­den­te Con­fin­du­stria

avo­ro ai gio­va­ni e cre­sci­ta so­no due fac­ce del­la stes­sa me­da­glia. Nel sen­so che le po­li­ti­che per la cre­sci­ta so­no quel­le che ser­vo­no, pri­ma di tut­to, a da­re un'oc­cu­pa­zio­ne al­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni a con­fer­ma del fat­to che tra im­pre­se e so­cie­tà non c'è di­stan­za ma co­mu­nio­ne d'in­te­res­si. Il la­vo­ro ai gio­va­ni è dun­que per Con­fin­du­stria una gran­de prio­ri­tà, per due or­di­ni di mo­ti­vi: per­ché i gio­va­ni as­sun­ti pos­so­no rea­liz­za­re i pro­pri so­gni - de­fi­ni­re un pro­get­to di vi­ta, ac­qui­sta­re una ca­sa, un'au­to - con­tri­buen­do a sti­mo­la­re la do­man­da, e per­ché rendono più com­pe­ti­ti­ve le im­pre­se che li scel­go­no, im­pre­se aper­te all'in­no­va­zio­ne e ai na­ti­vi di­gi­ta­li. Im­pre­se più com­pe­ti­ti­ve in­ve­sto­no di più e con­qui­sta­no nuo­vi mer­ca­ti, so­prat­tut­to all'este­ro, con­ti­nuan­do a cre­sce­re e crean­do le con­di­zio­ni per da­re nuo­va oc­cu­pa­zio­ne e nuo­va do­man­da, in­ne­scan­do il cir­co­lo vir­tuo­so dell'eco­no­mia: più in­ve­sti­men­ti, più ex­port, più oc­cu­pa­zio­ne e più do­man­da. Dob­bia­mo al­lo­ra do­man­dar­ci che co­sa de­ter­mi­ni la cre­sci­ta, e la ri­spo­sta pos­sia­mo tro­var­la nei fat­ti. Par­ten­do dal va­lu­ta­re quei prov­ve­di­men­ti che han­no con­sen­ti­to al no­stro Pae­se d'in­ver­ti­re la rot­ta do­po an­ni di cri­si e far se­gna­re un in­nal­za­men­to del Pro­dot­to In­ter­no Lor­do che, a fi­ne 2017, po­trà at­te­star­si al di so­pra del­le aspet­ta­ti­ve, non­ché espor­ta­zio­ni cre­sciu­te del 7% ri­spet­to all'an­no pre­ce­den­te. I ri­sul­ta­ti di og­gi de­ri­va­no da una sta­gio­ne di ri­for­me che han­no por­ta­to pro­fon­de in­no­va­zio­ni: il Jobs Act, il pia­no In­du­stria 4.0, il cre­di­to d'im­po­sta al Sud. Sen­za di­men­ti­ca­re i con­trat­ti di svi­lup­po di In­vi­ta­lia e i Pat­ti go­ver­na­ti­vi fir­ma­ti con cit­tà e Re­gio­ni. Una se­rie di stru­men­ti che le im­pre­se han­no sa­pu­to usa­re e ap­prez­za­re, sen­za vin­co­li geo­gra­fi­ci o di di­men­sio­ne, mo­stran­do una ca­pa­ci­tà di rea­zio­ne che si è tra­mu­ta­ta in un ri­tor­no de­gli in­ve­sti­men­ti, nell'in­nal­za­men­to dell'ex­port e in una ri­pre­sa dell'oc­cu­pa­zio­ne, re­cu­pe­ran­do di fat­to po­si­zio­ni per­du­te nel­la cre­sci­ta in­ter­na. Ora ci tro­via­mo da­van­ti a un bi­vio: pro­se­gui­re lun­go la stra­da im­boc­ca­ta per pun­ta­re a nuo­vi tra­guar­di o ri­schia­re di per­de­re l'ab­bri­vio. Un ri­schio, que­st'ul­ti­mo, che non vo­glia­mo e non pos­sia­mo cor­re­re. Al­la vi­ta­li­tà del set­to­re pri­va­to - cui si de­vo­no i suc­ces­si che ab­bia­mo sot­to gli oc­chi - oc­cor­re ag­giun­ge­re un più in­ci­si­vo con­tri­bu­to del com­par­to pub­bli­co al qua­le chie­dia­mo di at­ti­va­re gli in­ve­sti­men­ti pre­vi­sti per rea­liz­za­re quel­le in­fra­strut­tu­re ma­te­ria­li e im­ma­te­ria­li di cui il Pae­se ha bi­so­gno per com­pe­te­re. So­lo co­sì, la­vo­ran­do per la cre­sci­ta e per l'oc­cu­pa­zio­ne, po­tre­mo pen­sa­re di ab­bat­te­re la mon­ta­gna del de­bi­to pub­bli­co che gra­va sull'Ita­lia ren­den­do­ci sor­ve­glia­ti spe­cia­li in Eu­ro­pa, do­ve si te­me per un al­len­ta­men­to del­la spe­sa e un au­men­to del de­fi­cit che non pos­sia­mo as­so­lu­ta­men­te per­met­ter­ci. Dob­bia­mo im­pa­ra­re a fare i con­ti con le no­stre po­ten­zia­li­tà sen­za la­sciar­ci an­da­re a po­li­ti­che non so­ste­ni­bi­li da una fi­nan­za pub­bli­ca com­pro­mes­sa dai de­bi­ti che per trop­po tem­po ab­bia­mo mes­so sul­le spal­le del­le ge­ne­ra­zio­ni fu­tu­re. È ar­ri­va­to il mo­men­to del­la re­spon­sa­bi­li­tà. E i sa­cri­fi­ci di og­gi ci ri­pa­ghe­ran­no in fu­tu­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.