Fi­du­cia ai gio­va­ni

Il pro­get­to di cre­sci­ta del Pae­se al cen­tro dell’As­sem­blea Pub­bli­ca di Con­fin­du­stria Sa­ler­no

Costozero - - Speciale Giovani E Lavoro - di Raf­fael­la Ve­ne­ran­do

Il te­ma del la­vo­ro dei gio­va­ni è di­ven­ta­to il ter­mo­me­tro del­lo sta­to di sa­lu­te del no­stro Pae­se. Se stia­mo be­ne o, vi­ce­ver­sa, se fac­cia­mo fa­ti­ca, ce lo rac­con­ta­no con pre­ci­sio­ne i da­ti che fo­to­gra­fa­no an­co­ra ad og­gi un ina­de­gua­to li­vel­lo di oc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le in Ita­lia. Pro­prio ai gio­va­ni e al­la ne­ces­si­tà di re­sti­tui­re lo­ro fi­du­cia, spa­zio e op­por­tu­ni­tà, è sta­ta de­di­ca­ta l'As­sem­blea Pub­bli­ca di Con­fin­du­stria Sa­ler­no, te­nu­ta­si lo scor­so 16 no­vem­bre al Tea­tro Au­gu­steo. L'in­con­tro si è aper­to con Vin­cen­zo Na­po­li, sin­da­co di Sa­ler­no, che ha ri­mar­ca­to quan­to il Co­mu­ne si stia ado­pe­ran­do per­ché il ter­ri­to­rio pos­sa es­se­re an­co­ra più ac­co­glien­te e of­fri­re oc­ca­sio­ni di la­vo­ro ai gio­va­ni: «Fac­cia­mo quan­to è nel­le no­stre pos­si­bi­li­tà, con la pro­mo­zio­ne del­la gran­de tra­sfor­ma­zio­ne ur­ba­na per ren­de­re il no­stro ter­ri­to­rio ac­cat­ti­van­te. L'im­pre­sa re­sta il mo­to­re del­la no­stra eco­no­mia». A sa­li­re sul pal­co, poi, so­no sta­ti i ve­ri pro­ta­go­ni­sti del con­ve­gno: i gio­va­ni. A raccontare - da­van­ti a una pla­tea at­ten­ta e nu­me­ro­sa - la pro­pria espe­rien­za di vi­ta e di la­vo­ro sei di­ver­si pro­fi­li, cui si è ag­giun­ta la te­sti­mo­nian­za re­gi­stra­ta di Mar­co Lan­di, bril­lan­te in­ge­gne­re sa­ler­ni­ta­no emi­gra­to nel Re­gno Uni­to per se­gui­re un'op­por­tu­ni­tà pro­fes­sio­na­le av­vin­cen­te (ve­di scheda pa­gi­na 6, nda). È sta­ta quin­di la vol­ta del pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Sa­ler­no,

An­drea Pre­te, che ha con­den­sa­to nel­la sua re­la­zio­ne le ra­gio­ni del te­ma scel­to e la ne­ces­si­tà di in­clu­de­re nuo­ve ener­gie nel si­ste­ma Pae­se: «Da que­sto pal­co sce­glia­mo l'oriz­zon­te ver­so cui ten­de­re: da­re fi­du­cia ai gio­va­ni, le­va es­sen­zia­le per­ché il no­stro Pae­se tor­ni a cre­sce­re. L'Ita­lia ha bi­so­gno in­fat­ti di un di­se­gno di lun­go re­spi­ro, con ri­sor­se ade­gua­te, che dia una scos­sa all'oc­cu­pa­zio­ne per­ché, sen­za

la­vo­ro e sen­za red­di­to, non c'è fu­tu­ro per i gio­va­ni, né svi­lup­po per la so­cie­tà: i pri­mi non pos­so­no fare il sal­to ver­so l'au­to­no­mia per­so­na­le e la se­con­da, per­den­do vi­ta­li­tà e for­za, si con­dan­na a un ine­so­ra­bi­le de­cli­no. È ne­ces­sa­rio, dun­que, su­pe­ra­re ogni egoi­sti­ca im­mo­bi­li­tà e ti­ra­re drit­ti ver­so l'obiet­ti­vo co­mu­ne e do­ve­ro­so di da­re cor­po ad una nuo­va so­cie­tà per i gio­va­ni, of­fren­do, a chi mo­stra il ta­len­to per me­ri­tar­le, op­por­tu­ni­tà di vi­ta e di la­vo­ro». I gio­va­ni co­me so­lu­zio­ne al­la cri­si, all'im­mo­bi­li­smo, al­le in­co­gni­te del fu­tu­ro. I gio­va­ni co­me spe­ran­za e cer­tez­za: «La stra­da giu­sta per l'in­clu­sio­ne dei gio­va­ni nel mon­do del­le im­pre­se è quel­la di con­ti­nua­re ad av­vi­ci­na­re il mon­do del­la scuo­la a quel­lo del la­vo­ro, in­ve­sten­do in pro­gram­mi for­ma­ti­vi che met­ta­no al cen­tro i nuo­vi sa­pe­ri di­gi­ta­li e tut­to ciò che ser­ve per ave­re una pro­fes­sio­na­li­tà ade­gua­ta ai tem­pi e a mi­su­ra del bi­so­gno di in­no­va­zio­ne dell'eco­no­mia ita­lia­na. For­man­do i gio­va­ni co­sì co­me ri­chie­de il mer­ca­to e im­pie­gan­do i mi­glio­ri nei po­sti giu­sti nel­le im­pre­se e nel­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne, il Pae­se sì che ri­par­ti­reb­be!». Le pre­mes­se per­ché la Cam­pa­nia tor­ni ad es­se­re at­trat­ti­va, sen­za più di­sper­de­re l'im­men­so pa­tri­mo­nio in­tel­let­tua­le e gio­va­ne di cui di­spo­ne, so­no sta­te evi­den­zia­te in­ve­ce dal pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Vin­cen­zo De Lu­ca: «In Cam­pa­nia, co­sì co­me nel Sud, ci so­no due gran­di cri­ti­ci­tà cui far fron­te: il tas­so di emi­gra­zio­ne gio­va­ni­le, so­prat­tut­to dei gio­va­ni sco­la­riz­za­ti, e quel­lo di di­soc­cu­pa­zio­ne gio­va­ni­le che ri­ma­ne

estre­ma­men­te al­to. Am­be­due so­no al cen­tro dell'im­pe­gno del­la Re­gio­ne, an­co­ra di più ora che la Cam­pa­nia sta fa­cen­do da trai­no al Mez­zo­gior­no, con da­ti di cre­sci­ta mai re­gi­stra­ti pri­ma. Dob­bia­mo con­ti­nua­re nel­la li­nea di in­ve­sti­men­ti e mi au­gu­ro che nei pros­si­mi me­si ma­tu­ri l'idea di un pia­no per il la­vo­ro de­di­ca­to al Sud che pun­ti an­che ad in­cre­men­ta­re l'oc­cu­pa­zio­ne nel­la pub­bli­ca am­mi­ni­stra­zio­ne». Tan­ta è la sfi­du­cia che di­la­ga nel Pae­se. Sul ban­co de­gli im­pu­ta­ti per De Lu­ca c'è «il gro­vi­glio bu­ro­cra­ti­co, am­mi­ni­stra­ti­vo e giu­di­zia­rio che ren­de qua­si una im­pre­sa eroi­ca tra­dur­re qua­lun­que pro­get­to in real­tà. Lan­cia­mo, pe­rò ai gio­va­ni del­la Cam­pa­nia un mes­sag­gio di fi­du­cia. Sia­mo ri­par­ti­ti co­me Re­gio­ne». A ri­pro­va del­le buo­ne per­for­man­ce del­la Re­gio­ne Cam­pa­nia le pa­ro­le di Pier Car­lo Pa­doan, che plau­de al di­na­mi­smo e al­la vi­va­ci­tà mo­stra­ti dal­la Cam­pa­nia: «I da­ti sul­la cre­sci­ta so­no in­co­rag­gian­ti e fa­te­mi sot­to­li­nea­re che il con­tri­bu­to del­la Re­gio­ne Cam­pa­nia è ve­ra­men­te ec­ce­zio­na­le ed è il se­gno che la cre­sci­ta c'è». Il mi­ni­stro dell'Eco­no­mia si è quin­di sof­fer­ma­to sull'ana­liz­za­re lo sta­to di sa­lu­te del Pae­se: «Si sta chiu­den­do una le­gi­sla­tu­ra che of­fri­rà al­la se­guen­te un qua­dro og­get­ti­va­men­te mi­glio­re in ter­mi­ni di cre­sci­ta e fi­nan­za pub­bli­ca. Il Pae­se sta mi­glio­ran­do». Il de­bi­to dell'Ita­lia, ha ri­cor­da­to, «a dif­fe­ren­za di al­tri Pae­si d'Eu­ro­pa va sta­bi­liz­zan­do­si e co­min­cian­do a scen­de­re» e que­sto, ha ri­mar­ca­to, «è il ve­ro pun­to di svol­ta sul pia­no fi­nan­zia­rio». La­vo­ro e gio­va­ni so­no sta­ti in­fi­ne il ful­cro del­le con- clu­sio­ni af­fi­da­te al pre­si­den­te di Con­fin­du­stria, Vin­cen­zo Boc­cia: «Ci au­gu­ria­mo che la le­gi­sla­tu­ra che ver­rà - è sta­ta la chio­sa del nu­me­ro uno de­gli in­du­stria­li - non smon­ti prov­ve­di­men­ti che han­no avu­to ef­fet­ti po­si­ti­vi sull'eco­no­mia rea­le. Bi­so­gna con­ti­nua­re ad ave­re at­ten­zio­ne ver­so la cre­sci­ta, pre­con­di­zio­ne per la sta­bi­li­tà, per ri­dur­re il de­bi­to, i di­sa­gi e le di­su­gua­glian­ze nel Pae­se. Oc­cor­re ri­met­te­re il la­vo­ro al cen­tro del Pae­se con un pia­no per i gio­va­ni. Bi­so­gna co­strui­re per lo­ro un pro­get­to di vi­ta, in par­ti­co­la­re per i gio­va­ni del Mez­zo­gior­no». Piut­to­sto che pen­sa­re sem­pre al “pas­sa­to”, il pre­si­den­te Boc­cia, net­to, di­ce di «non com­pren­de­re per­ché si met­to­no sul piat­to 200 mi­lio­ni di eu­ro per le pen­sio­ni e non ci so­no 5 mi­lio­ni per fa­vo­ri­re la for­ma­zio­ne, la scuo­la, il fu­tu­ro». Fu­tu­ro e scel­te giu­ste an­che a co­sto di sa­cri­fi­ci re­sta­no l'obiet­ti­vo ver­so cui ten­de­re: «La Cam­pa­nia è la pri­ma del Sud per­ché ha fat­to da ac­ce­le­ra­to­re al­le po­li­ti­che eco­no­mi­che na­zio­na­li. Pri­ma de­ci­dia­mo che co­sa vo­glia­mo de­fi­ni­re nell'eco­no­mia rea­le, poi in­di­vi­duia­mo stru­men­ti, quin­di ri­sor­se e poi in­ter­ve­nia­mo sui sal­di di bi­lan­cio. Se si vuo­le co­strui­re, oc­cor­re fare dei sa­cri­fi­ci. Noi sia­mo di­spo­sti».

Vin­cen­zo Na­po­li, sin­da­co Co­mu­ne di Sa­ler­no

Pier Car­lo Pa­doan, mi­ni­stro dell'Eco­no­mia e del­le Fi­nan­ze

Vin­cen­zo De Lu­ca, pre­si­den­te Re­gio­ne Cam­pa­nia PH Mas­si­mo Pi­ca

An­drea Pre­te, pre­si­den­te Con­fin­du­stria Sa­ler­no

16 no­vem­bre 2017 | Tea­tro Au­gu­steo As­sem­blea Pub­bli­ca Con­fin­du­stria Sa­ler­no

Vin­cen­zo Boc­cia eAn­drea Pre­te

Vin­cen­zo Boc­cia, pre­si­den­te Con­fin­du­stria PH Mas­si­mo Pi­ca

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.