As­si­se Ge­ne­ra­li 2018, 7000 im­pren­di­to­ri, una so­la vo­ce per un uni­co pro­get­to Pae­se

La vi­sio­ne di Con­fin­du­stria rea­liz­za­bi­le nell'ar­co di una le­gi­sla­tu­ra: 1,8 mi­lio­ni di po­sti di la­vo­ro in più, una cre­sci­ta del 2% l'an­no e una ri­du­zio­ne del de­bi­to/Pil del 20%. In un do­cu­men­to, pre­sen­ta­to a Ve­ro­na lo scor­so 16 feb­bra­io, in­di­ca­ti con chiar

Costozero - - Sommario - di R. Ve­ne­ran­do

Ha cal­co­la­to la di­stan­za tra due pun­ti - l'Ita­lia e la ri­pre­sa sta­bi­le - e li ha uni­ti. Lun­go l'ar­ti­co­la­to per­cor­so trac­cia­to nel do­cu­men­to ela­bo­ra­to dal Cen­tro Stu­di di Con­fin­du­stria di­ret­to da An­drea Mon­ta­ni­no e spie­ga­to dal pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Vin­cen­zo Boc­cia, dal pal­co del Pa­la­fie­re di Ve­ro­na lo scor­so 16 feb­bra­io, ci so­no in chia­ro tut­ti i pas­sag­gi in­ter­me­di: obiet­ti­vi, pro­ta­go­ni­sti, azio­ni e ri­sor­se. Con­fin­du­stria - in 28 den­se pa­gi­ne di do­cu­men­to - ha di­se­gna­to il suo pro­get­to Pae­se: un'Ita­lia che pun­ta ad au­men­ta­re di 5 pun­ti l'oc­cu­pa­zio­ne (e di 15 quel­la gio­va­ni­le), con 1,8 mi­lio­ni di po­sti di la­vo­ro; che do­vrà cre­sce­re al­me­no del 2% l'an­no e che ab­bas­se­rà il de­bi­to/Pil del 20%. Tre le mis­sio­ni che de­ve porsi il Pae­se: più la­vo­ro per i gio­va­ni, più cre­sci­ta e me­no de­bi­to pub­bli­co, quel­lo stes­so de­bi­to che - se­con­do l'Isti­tu­to Bru­no Leo­ni - at­tual­men­te cre­sce di 4469 eu­ro al se­con­do. È una cor­sa con­tro il tem­po, per non re­sta­re in­die­tro, ma non una ma­ra­to­na sen­za fia­to. Con buon­sen­so, pre­vi­sio­ne ed espe­rien­za, il pro­get­to di Con­fin­du­stria guar­da all'ar­co di una le­gi­sla­tu­ra, la pros­si­ma, pre­scin­den­do da chi sa­rà a gui­dar­la. In cin­que an­ni, sem­pre che non ven­ga­no smon­ta­ti que­gli stru­men­ti che han­no fa­vo­ri­to la cre­sci­ta co­me Job­sAct e In­du­stria 4.o, il Pae­se può far­ce­la a di­ven­ta­re più in­clu­si­vo, crean­do mag­gio­ri op­por­tu­ni­tà di la­vo­ro spe­cie per i gio­va­ni, a pun­ta­re su di una cre­sci­ta più so­ste­nu­ta e co­stan­te e, in­fi­ne, a ras­si­cu­ra­re im­pre­se, cit­ta­di­ni, Eu­ro­pa e mon­do in­te­ro fa­cen­do rien­tra­re in mo­do gra­dua­le il pro­prio de­bi­to pub­bli­co. Que­sti obiet­ti­vi - si leg­ge nel do­cu­men­to - pos­so­no es­se­re rea­li­sti­ca­men­te rea­liz­za­ti «at­tra­ver­so il re­pe­ri­men­to e l'im­pie­go di 250 mi­liar­di di eu­ro». Per il re­ce­pi­men­to ri­sor­se, spic­ca­no Eu­ro­bond, Spen­ding re­view, fon­di pen­sio­ne e va­lo­riz­za­zio­ne di im­mo­bi­li pub­bli­ci. I sol­di ci so­no e Con­fin­du­stria in­di­ca pu­re co­me e do­ve è pos­si­bi­le re­cu­pe­rar­li per­ché l'Eu­ro­pa, le im­pre­se e la po­li­ti­ca na­zio­na­le a tut­ti i li­vel­li, li im­pie­ghi­no in mo­do pro­dut­ti­vo lun­go sei as­si prio­ri­ta­ri di in­ter­ven­to, gli stes­si che so­no sta­ti og­get­to di di­scus­sio­ne nei Ta­vo­li che han­no ani­ma­to i la­vo­ri che han­no pre­ce­du­to la ple­na­ria la mat­ti­na del 16 feb­bra­io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.