Tim, l'in­no­va­zio­ne è tra­de-off tra pas­sa­to e fu­tu­ro»

Per An­to­nio Pa­lum­bo le idee uti­li de­vo­no mi­glio­ra­re l'esi­sten­te e, al con­tem­po, crea­re no­vi­tà

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a A. Pa­lum­bo

Ne­gli an­ni ave­te pre­mia­to di­ver­se azien­de par­te­ci­pan­ti al Pre­mio BP di Con­fin­du­stria Sa­ler­no. Ave­te sem­pre vi­sto giu­sto? Se sì, qua­le ele­men­to da su­bi­to fa la dif­fe­ren­za per voi tra un pro­get­to e un al­tro?

Dal 2013, pri­mo an­no di par­te­ci­pa­zio­ne al Pre­mio BP con il ruo­lo di im­pre­sa che“adot­ta” Azien­de In­no­va­ti­ve fa­cen­do­le en­tra­re nell'in­dot­to di TIM per por­ta­re in­no­va­zio­ne di­gi­ta­le al pub­bli­co e al pri­va­to, pos­so si­cu­ra­men­te af­fer­ma­re che la mag­gior par­te del­le re­la­zio­ni han­no ge­ne­ra­to va­lo­re per en­tram­bi, si so­no evo­lu­te man­te­nen­do in­tat­to lo spi­ri­to di por­ta­re avan­ti una in­no­va­zio­ne so­ste­ni­bi­le eco­no­mi­ca­men­te. An­che que­st'an­no con­tia­mo di aver“adot­ta­to” del­le Azien­de con cui an­dia­mo ad ini­zia­re un per­cor­so di col­la­bo­ra­zio­ne nel mon­do del­le stam­pan­ti 3D e del­la te­le­me­di­ci­na, di si­cu­ro in­te­res­se. Le scel­te con cui“adot­tia­mo” le Azien­de so­no fon­da­te sul con­te­nu­to in­no­va­ti­vo di que­ste, che de­ve es­se­re ri­vol­to al­la crea­zio­ne del­la Gi­ga­bit So­cie­ty e da co­me que­sto con­te­nu­to può es­se­re ac­col­to dal no­stro ca­pi­ta­le uma­no per es­se­re mes­so a di­spo­si­zio­ne dei no­stri clien­ti. In tal sen­so, pri­vi­le­gia­mo quell'in­no­va­zio­ne che va­lo­riz­za le no­stre in­fra­strut­tu­re - sia di con­net­ti­vi­tà che di da­ta cen­ter - e che non sia in fa­se em­brio­na­le, ma in una di ado­le­scen­za in­du­stria­le e quin­di pron­ta per il con­fron­to con il mer­ca­to. Ab­bia­mo vi­sto giu­sto nel sen­so che si so­no crea­te del­le si­ner­gie tut­to­ra at­ti­ve che han­no per­mes­so al­le Azien­de “adot­ta­te” di esplo­ra­re un mo­do di­ver­so di fa­re bu­si­ness.

E co­sa suc­ce­de, in­ve­ce, se si in­ve­ste su un pro­get­to che non rie­sce? Co­sa si impara?

L'in­no­va­zio­ne nel mon­do di­gi­ta­le og­gi è co­stel­la­ta di progetti non riu­sci­ti. Bi­so­gna osa­re, fal­li­re e ri­co­min­cia­re. L'in­no­va­zio­ne che per­se­guia­mo ha il fal­li­men­to co­me ri­sul­ta­to pos­si­bi­le e ci pro­teg­gia­mo da que­sto ri­schio co­struen­do col­la­bo­ra­zio­ni che pos­sa­no es­se­re va­lu­ta­te velocemente dal mer­ca­to, che ab­bia­no al­le spal­le as­set ma­te­ria­li e im­ma­te­ria­li già esi­sten­ti. In que­sto mo­do pos­sia­mo cam­bia­re in cor­sa sen­za si­gni­fi­ca­ti­vi sfor­zi eco­no­mi­ci, ma­tu­ra­re il con­te­nu­to del pro­get­to in tem­pi ra­gio­ne­vo­li e, so­prat­tut­to, ascol­ta­re il mer­ca­to che non vuo­le una in­no­va­zio­ne bel­la ma uti­le. In tal sen­so si impara che og­gi bi­so­gna in­no­va­re ri­spet­tan­do la le­ga­cy esi­sten­te, fa­cen­do in mo­do che l'in­no­va­zio­ne pre­di­chi mi­glio­ra­men­to dell'at­tua­le e crea­zio­ne del nuo­vo nel­lo stes­so mo­men­to. Que­sto tra­de-off ne au­men­ta l'ac­co­glien­za, ne di­mi­nui­sce il sen­so di com­ples­si­tà e per­met­te al ca­pi­ta­le uma­no che la ge­sti­sce di cre­sce­re in­sie­me a lei.

L'in­ve­sti­men­to fi­no­ra me­glio riu­sci­to?

Pos­so sen­za dub­bio af­fer­ma­re che gli in­ve­sti­men­ti me­glio riu­sci­ti so­no due: 1. Viag­giart, di­ven­ta­ta una real­tà di tut­to ri­spet­to nel mon­do del­la frui­zio­ne di­gi­ta­le dei con­te­nu­ti ar­ti­sti­ci del ter­ri­to­rio ita­lia­no; 2. Ma­gal­di In­no­va, con cui ab­bia­mo aper­to un rap­por­to di col­la­bo­ra­zio­ne che ci ha per­mes­so di co­no­sce­re me­glio del­le di­na­mi­che in­du­stria­li pre­sen­ti in di­ver­se fi­lie­re com­mer­cia­li. Rap­por­to che con­tia­mo di ri­pren­de­re per­ché ri­te­nia­mo che og­gi sia au­men­ta­ta la ma­tu­ri­tà del mer­ca­to nel ri­ce­ver­le e la no­stra nel pro­por­le.

An­to­nio Pa­lum­bo re­spon­sa­bi­le Bu­si­ness Sa­les Pri­va­te & Pu­blic Cam­pa­nia Ba­si­li­ca­ta di TIM

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.