La coe­sio­ne, non il con­flit­to

Costozero - - Editoriale - di An­drea Pre­te, pre­si­den­te Con­fin­du­stria Sa­ler­no

Un ma­ni­fe­sto per la re­spon­sa­bi­li­tà so­cia­le di im­pre­sa: Mau­ri­zio Stir­pe, vi­ce pre­si­den­te di Con­fin­du­stria per il La­vo­ro e le Re­la­zio­ni In­du­stria­li, ha de­fi­ni­to co­sì - nel­le pa­gi­ne a se­gui­re - l'ac­cor­do rag­giun­to di re­cen­te tra le tre si­gle sin­da­ca­li Cgil, Ci­sl e Uil e Con­fin­du­stria. Al ban­do la con­flit­tua­li­tà, quin­di, in vi­sta di un obiet­ti­vo co­mu­ne: crea­re un con­te­sto so­cia­le che fa­vo­ri­sca la cre­sci­ta del Pae­se, il cui ful­cro de­ve con­ti­nua­re ad es­se­re il la­vo­ro. Il Pat­to del­la Fab­bri­ca - co­sì co­me è sta­to ri­bat­tez­za­to il do­cu­men­to - è la ri­spo­sta con­cre­ta de­gli uo­mi­ni di im­pre­sa a quel­la cri­si en­de­mi­ca dei cor­pi in­ter­me­di di cui si è tan­to det­to ne­gli ul­ti­mi an­ni. Con que­sta in­te­sa, in­fat­ti, le par­ti so­cia­li han­no vo­lu­to ri­mar­ca­re che, in un mo­men­to de­li­ca­to co­me que­sto per il no­stro Pae­se, strat­to­na­to da per­so­na­li­smi e spin­te di­vi­si­ve, il me­to­do non può es­se­re lo scon­tro ma la coe­sio­ne. Le par­ti so­cia­li ci so­no, so­no uni­te nell'in­te­res­se del­le im­pre­se e dei la­vo­ra­to­ri e la po­li­ti­ca non può non te­ner­ne con­to. Al cen­tro dell'ac­cor­do sot­to­scrit­to c'è la con­sa­pe­vo­lez­za di do­ver co­strui­re un si­ste­ma in­du­stria­le più com­pe­ti­ti­vo, in cui lo scam­bio sa­la­rio/pro­dut­ti­vi­tà di­ven­ti re­go­la, gra­zie al tra­sfe­ri­men­to di mag­gio­re po­te­re al­la con­trat­ta­zio­ne de­cen­tra­ta, pren­den­do al con­tem­po at­to del­le dif­fi­col­tà del­lo Sta­to nel ga­ran­ti­re lo stes­so si­ste­ma di wel­fa­re cui era­no abi­tua­ti i no­stri pa­dri, con la con­se­guen­te ne­ces­si­tà di svi­lup­pa­re ul­te­rio­ri for­me di be­nes­se­re azien­da­le co­me par­te in­te­gran­te del­le re­la­zio­ni in­du­stria­li. Ma il Pat­to del­la Fab­bri­ca è - di­ce­va­mo - qual­co­sa di più di un'in­te­sa tra le par­ti. È la con­fer­ma che il Pae­se ha bi­so­gno di una rap­pre­sen­tan­za au­to­re­vo­le e di un si­ste­ma di re­la­zio­ni in­du­stria­li par­te­ci­pa­ti­vo, strut­tu­ra­to e fon­da­to su rap­por­ti di coo­pe­ra­zio­ne. So­no que­sti per noi gli stru­men­ti più ido­nei a pro­teg­ge­re e raf­for­za­re le real­tà pro­dut­ti­ve esi­sten­ti, in­co­rag­gia­re nuo­vi in­ve­sti­men­ti e, al con­tem­po, al­lon­ta­na­re le “di­stor­sio­ni” del mer­ca­to. Il no­stro è un ruo­lo di fon­da­men­ta­le im­por­tan­za per­ché - è co­me lo ha de­fi­ni­to lo stes­so pre­si­den­te di Con­fin­du­stria Boc­cia - il no­stro è un pre­si­dio di de­mo­cra­zia e par­te­ci­pa­zio­ne al­le scel­te del­la po­li­ti­ca. Non pos­sia­mo re­sta­re a guar­da­re la­scian­do fa­re ad al­tri quel­lo che è il no­stro com­pi­to. Non sa­rà il mer­ca­to a crea­re il cam­bia­men­to. Dob­bia­mo es­se­re noi - im­pre­se, la­vo­ra­to­ri e sin­da­ca­ti in­sie­me in una nuo­va lo­gi­ca coo­pe­ra­ti­va - a in­ne­scar­lo, col­ti­var­lo, con­so­li­dar­lo. Il dia­lo­go co­strut­ti­vo e fi­nan­che il com­pro­mes­so, se po­si­ti­vo, so­no ne­ces­sa­ri al­la cre­sci­ta di un Pae­se, sem­pre che sia la cre­sci­ta del Pae­se l'obiet­ti­vo fi­na­le co­mu­ne a tut­ti. L'al­ter­na­ti­va - pe­ri­co­lo­sa - al sen­so di co­mu­ni­tà che la­vo­ra per un me­de­si­mo pro­get­to è quel­la di tro­var­si sì con uo­mi­ni for­ti al co­man­do, ma di po­po­li e de­mo­cra­zie sciat­te, svuo­ta­te ed estre­ma­men­te de­bo­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.