Ita­lian Event Plan­ners, la per­so­na­li­tà si fa brand

Or­ga­niz­za­tri­ci di noz­ze fa­vo­lo­se, Se­re­na Ra­nie­ri, Sil­via Bac­chi e Ila­ria Gua­ri­no que­st'an­no sa­ran­no le re­fe­ren­ti per l'or­ga­niz­za­zio­ne IWA - ITa­lian Wed­ding Award per le re­gio­ni Cam­pa­nia e Mo­li­se

Costozero - - Sommario - di R. Ve­ne­ran­do

Da qual­che an­no at­tor­no al de­sti­na­tion wed­ding - fe­no­me­no che coin­vol­ge chi de­ci­de di in­sce­na­re le pro­prie noz­ze all'este­ro - si è crea­ta una ve­ra e pro­pria pro­fes­sio­ne che esi­ge bra­vu­ra, estro e ver­sa­ti­li­tà.Se l'idea è quel­la di re­ga­lar­si un ma­tri­mo­nio all'ita­lia­na, tra­scor­ren­do in luo­ghi di in­can­to qual­che gior­no in­sie­me a pa­ren­ti e ami­ci, al­lo­ra - da qua­lun­que la­ti­tu­di­ne si pro­ven­ga - un buon in­ve­sti­men­to sa­rà de­le­gar­ne l'or­ga­niz­za­zio­ne al­la Ita­lian Event Plan­ners, ov­ve­ro a Se­re­na Ra­nie­ri, Ila­ria Gua­ri­no e Sil­via Bac­chi. Se­re­na - pe­ri­to in­for­ma­ti­co e stu­di in eco­no­mia - è una don­na “Ar­te­mi­de” in pie­na re­go­la. Nel 2009, do­po aver ge­sti­to per qual­che an­no un ne­go­zio di ar­re­do nau­ti­co in Co­sta Sme­ral­da e aver cu­ra­to l'or­ga­niz­za­zio­ne di even­ti per la se­de ro­ma­na di Con­f­com­mer­cio, de­ci­de di ri­met­ter­si in viag­gio per se­gui­re l'amo­re fi­no in pro­vin­cia di Sa­ler­no e cam­bia­re pel­le an­co­ra una vol­ta. Con ani­mo guer­rie­ro e ca­pa­ci­tà di mo­bi­li­ta­re al­tre don­ne at­tor­no a un'idea di la­vo­ro che“ve­de” vin­cen­te, nel 2011 dà vi­ta al­la Ita­lian Event Plan­ners in­sie­me con Ila­ria, tor­na­ta dal­la Ca­li­for­nia con la vo­glia au­men­ta­ta di ri­tro­va­re se stes­sa. Il de­sti­no, in quel mo­men­to, per lo­ro due si chiu­de, di­ven­tan­do sen­tie­ro di­stin­to e di­re­zio­ne si­cu­ra. De­sti­na­tion wed­ding, per l'ap­pun­to.Og­gi l'agen­zia - di­ven­ta­ta un fran­chi­sing con se­di in Cam­pa­nia, To­sca­na, Pu­glia, Pie­mon­te e Ca­li­for­nia - or­ga­niz­za even­ti uni­ci, che sia­no sot­to il cie­lo di lu­ci del­la Co­stie­raA­mal­fi­ta­na, con vi­sta per­di­fia­to tra i vi­gne­ti to­sca­ni o nel­le mas­se­rie di an­ti­co fa­sci­no in Pu­glia. Se­re­na, Ila­ria e Sil­via - que­st'ul­ti­ma en­tra­ta in squa­dra nel 2016 - so­no for­mi­da­bi­li nel far­lo, ma non è co­sì sem­pli­ce co­me si po­treb­be im­ma­gi­na­re. Per riu­sci­re be­ne nel de­sti­na­tion wed­ding non ba­sta ave­re so­lo buon gu­sto e pa­zien­za. Ci vuo­le mol­to di più. Oc­cor­re nar­ra­zio­ne vi­si­va per di­se­gna­re ce­ri­mo­nie sul ma­re e far­lo ge­sten­do bud­get com­ples­si in po­co, a vol­te po­chis­si­mo, tem­po, sen­za ri­fu­giar­si mai nei cli­ché e nel­le so­lu­zio­ni buo­ne per tut­ti.Chi è ca­pa­ce di met­te­re bel­lez­za, ac­co­glien­za, viag­gio e so­gno in­sie­me, è mol­to più di una plan­ner che“met­te i fioc­chet­ti al­le co­se”. È una pro­fes­sio­ni­sta sa­pien­te che per gli spo­si esal­ta il fa­sci­no del­la me­ta, pro­iet­tan­do su di es­sa le emo­zio­ni e i si­gni­fi­ca­ti del gior­no più bel­lo del­la vi­ta di una cop­pia. È co­lei che crea

l'au­ra del gran­de even­to, che ne trat­teg­gia lo sti­le, tra­sver­sa­le e cros­so­ver, che re­ste­rà in­de­le­bi­le a ce­ri­mo­nia fi­ni­ta. Ci vuo­le per­so­na­li­tà per un per­fet­to de­sti­na­tion wed­ding e le tre ami­che ne han­no. Fe­sta den­tro e tre ca­rat­te­ri di­ver­si - im­ma­gi­na­zio­ne (Se­re­na), cu­ra (Ila­ria), pa­ro­la (Sil­via) - ac­co­mu­na­ti da tan­ta fem­mi­ni­li­tà. La lo­ro bra­vu­ra è ta­le che, que­st'an­no, sa­ran­no le re­fe­ren­ti per l'or­ga­niz­za­zio­ne IWA - ITa­lia­nWed­din­gA­ward per le re­gio­ni Cam­pa­nia e Mo­li­se. Sa­ran­no lo­ro tre, in­fat­ti, a se­le­zio­na­re il me­glio nel set­to­re del ma­tri­mo­nio ita­lia­no che ga­reg­ge­rà per la not­te dei pri­ma­ti che si ter­rà il pros­si­mo in­ver­no aVe­ne­zia. Or­ga­niz­za­tri­ci di noz­ze fa­vo­lo­se, ma an­che am­ba­scia­tri­ci di bel­lez­za. I ma­tri­mo­ni del­le Ita­lian Event Plan­ners so­no, in­fat­ti, in­nan­zi­tut­to di­se­gni di pro­mo­zio­ne eco­no­mi­ca e cul­tu­ra­le che rac­con­ta­no luo­ghi e mo­di au­ten­ti­ci del buon vi­ve­re ita­lia­no. L'ul­ti­ma am­bi­zio­ne del­le plan­ners è quel­la di far co­no­sce­re - fuo­ri dei con­fi­ni del­le ri­vi­ste pa­ti­na­te - le ric­chez­ze di Pra­ia­no, un an­go­lo di blu in cui l'agen­zia sta av­vian­do un pro­get­to di al­ber­go dif­fu­so per far vi­ve­re agli ospi­ti stra­nie­ri un'espe­rien­za ma­gni­fi­ca e far sco­pri­re lo­ro che la re­ga­li­tà non è ne­ces­sa­ria­men­te mon­da­na. Più spes­so è na­tu­ra, è com­po­stez­za, è ve­ro lus­so che avan­za a pas­so leg­ge­ro.

Se­re­na Ra­nie­ri, Sil­via Bac­chi e Ila­ria Gua­ri­no

Ila­ria Gua­ri­no e Se­re­na Ra­nie­ri

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.