Un guar­da­ro­ba di fra­si da ri­fa­re

Costozero - - Sommario - di N. San­ti­ni

AAl­la fi­ne del­la te­le­fo­na­ta no­io­sa, me­glio di­re « gra­zie per il tem­po che mi hai de­di­ca­to » , in­ve­ce di scu­sar­si per aver­ne abu­sa­to sen­za au­to­riz­za­zio­ne

Quel­le che man­da­no al ma­ni­co­mio, quel­le che non han­no sen­so, quel­le ere­di­ta­te dal tem­po che fu, quel­le, so­prat­tut­to, da rot­ta­ma­re per­ché fi­glie di una piag­ge­ria sen­za un per­ché ma che, al­me­no una vol­ta nel­la vi­ta, ab­bia­mo pro­nun­cia­to an­che noi. Si di­ce che il clas­si­co non an­no­ia mai, ma quan­do dall'al­tra par­te del te­le­fo­no ar­ri­va l'in­tra­mon­ta­bi­le "scu­sa se ti di­stur­bo", l'idea di par­la­re con una per­so­na che de­li­be­ra­ta­men­te sa di di­stur­ba­re e se ne pren­de la bri­ga, in­cu­ran­te, mi fa su­bi­to ve­nir vo­glia di con­sul­ta­re l'elen­co dei rea­ti de­pe­na­liz­za­ti per ve­de­re se con una mos­sa più ele­gan­te, ma non me­no sub­do­la, rie­sco a ri­sol­ve­re il pro­ble­ma al­la ra­di­ce. Chi si ri­tie­ne un fi­lo più edu­ca­to si ri­fu­gia in un al­tro clas­si­co: "pos­so di­stur­bar­ti?", in­ter­ro­ga­to­rio, al qua­le ri­spon­do im­per­tur­ba­bi­le: "lo stai già fa­cen­do". A chi ver­reb­be in men­te, in­fat­ti, di au­to­riz­za­re qual­cu­no ad un de­li­be­ra­to di­stur­bo? Chi in­ve­ce è fan del lie­to fi­ne, do­po aver­ti am­mor­ba­to nel­la mag­gior par­te del­le vol­te con ri­chie­ste di fa­vo­ri, ar­ri­va con un pa­ci­fi­co "scu­sa se ti ho di­stur­ba­to" con an­nes­so ten­ta­ti­vo di in­fu­sio­ne di sen­so di col­pa, al qua­le la te­sta ri­spon­de "ri­cor­da­te­lo la pros­si­ma vol­ta" e la boc­ca pro­nun- cia "fi­gu­ra­ti", che è qua­si peg­gio di un "vaf­fa". So­sti­tui­re la pa­ro­la scu­sa a gra­zie, per­mes­so e per pia­ce­re, pa­ro­le che a pa­rer mio con­sen­to­no qua­si tut­to nel­la vi­ta è l'abi­tu­di­ne più mal­sa­na che il no­stro mo­do di par­la­re ab­bia ac­qui­si­to. Al­la fi­ne del­la te­le­fo­na­ta no­io­sa, me­glio di­re "gra­zie per il tem­po che mi hai de­di­ca­to", in­ve­ce che scu­sar­si per aver­ne abu­sa­to sen­za au­to­riz­za­zio­ne. Non che fac­cia gua­da­gna­re pun­ti, ma al­me­no espri­me un sen­ti­men­to, quel­lo del­la gra­ti­tu­di­ne, con­tro il qua­le è più dif­fi­ci­le pren­der­se­la, an­che quan­do il di­stur­bo c'è sta­to. Men­zio­ne spe­cia­le, ca­pa­ce di ro­vi­nar­mi la gior­na­ta fin dal­le pri­me ore, è l'ac­cop­pia­ta "ciao-buon­gior­no" che è qua­si peg­gio dell'ab­bi­na­men­to san­da­lo cal­zi­no di spu­gna, or­mai non più esclu­si­va di ban­die­ra dei tu­ri­sti te­de­schi, ma an­che, ahi­mè, di fa­shion blog­ger e pia­ghe si­mi­li che in teo­ria do­vrem­mo ascol­ta­re e os­ser­va­re per ave­re un guar­da­ro­ba sem­pre à la pa­ge. Da­van­ti agli uni e agli al­tri, me­glio non ve­de­re, non sen­ti­re, non co­pia­re.

Ni­co­la San­ti­ni esper­to di ga­la­teo, co­stu­me e so­cie­tà

ph/Ch­ri­stian Ciar­del­la

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.