Mer­ca­ti, vince l'Ita­lia che fa si­ste­ma

L'in­ten­zio­ne del­la Ca­bi­na di Re­gia è di pas­sa­re da un Pia­no Straor­di­na­rio per il Ma­de in Ita­ly a un Pia­no Stra­te­gi­co per il Ma­de in Ita­ly

Costozero - - Sommario - Intervista a V. De Luca

Direttore De Luca, il nuovo Pia­no Straor­di­na­rio per la Pro­mo­zio­ne del Ma­de in Ita­ly, ri­spet­to alle pre­ce­den­ti scel­te stra­te­gi­che go­ver­na­ti­ve in am­bi­to in­ter­na­zio­na­le, pun­te­rà ad au­men­ta­re il nu­me­ro di im­pre­se ita­lia­ne sta­bil­men­te espor­ta­tri­ci, so­prat­tut­to del Sud Ita­lia, con un fo­cus spe­ci­fi­co sui ca­na­li di­gi­ta­li. Le ri­sor­se sa­ran­no con­cen­tra­te su po­che at­ti­vi­tà ma stra­te­gi­che. Qua­li sa­ran­no nel­lo spe­ci­fi­co e qua­li obiet­ti­vi ci si è po­sti? Gli obiet­ti­vi so­no chia­ri: au­men­ta­re il nu­me­ro di im­pre­se sta­bil­men­te espor­ta­tri­ci ma anche l'in­ten­si­tà di espor­ta­zio­ne (in ter­mi­ni di fat­tu­ra­to e di nu­me­ro di mer­ca­ti) di quel­le che già ope­ra­no sui mer­ca­ti in­ter­na­zio­na­li, con una par­ti­co­la­re at­ten­zio­ne alle pic­co­le e me­die im­pre­se e alle azien­de del Sud.

Pre­sta­re, poi, at­ten­zio­ne ai ter­ri­to­ri, pro­muo­ven­do un'azio­ne ca­pil­la­re di for­ma­zio­ne e in­for­ma­zio­ne per meglio sfrut­ta­re le op­por­tu­ni­tà che de­ri­va­no dall'ac­ces­so ai mer­ca­ti este­ri.

Per quan­to ri­guar­da le ri­sor­se è ne­ces­sa­rio, in­nan­zi­tut­to, che que­ste - in pas­sa­to stan­zia­te su ba­se straor­di­na­ria - si tra­sfor­mi­no in strut­tu­ra­li. L'in­ten­zio­ne è di pas-

«Dal 19 al 26 no­vem­bre pros­si­mi, giun­ge­rà alla sua ter­za edi­zio­ne la“Set­ti­ma­na del­la cu­ci­na ita­lia­na nel mon­do”, un pro­get­to spe­cia­le idea­to dal­la Far­ne­si­na nel 2016 per pro­muo­ve­re in ma­nie­ra in­te­gra­ta e coor­di­na­ta uno dei trat­ti di­stin­ti­vi del­la no­stra iden­ti­tà cul­tu­ra­le e del “Mar­chio Ita­lia”: l'ec­cel­len­za del­le no­stre fi­lie­re agro-ali­men­ta­ri e lo straor­di­na­rio pa­tri­mo­nio rap­pre­sen­ta­to dal­la tra­di­zio­ne cu­li­na­ria ita­lia­na, am­bi­ti in cui anche la pro­vin­cia di Salerno espri­me sto­rie di suc­ces­so em­ble­ma­ti­che»

sa­re da un pia­no straor­di­na­rio per il Ma­de in Ita­ly a un pia­no stra­te­gi­co per il ma­de in Ita­ly. Anche in ter­mi­ni di so­ste­gno fi­nan­zia­rio ri­te­nia­mo che il grup­po Cas­sa De­po­si­ti e Pre­sti­ti, anche gra­zie al suo po­lo per l'ex­port rap­pre­sen­ta­to da SACE e SIMEST, pos­sa dare un con­tri­bu­to si­gni­fi­ca­ti­vo alle im­pre­se che espor­ta­no, mol­ti­pli­can­do­ne la“po­ten­za di fuo­co”. In­fi­ne, dob­bia­mo con­ti­nua­re la va­lu­ta­zio­ne di im­pat­to del­le mi­su­re adot­ta­te, per ve­ri­fi­ca­re sia l'ef­fi­ca­cia e l'ef­fi­cien­za dell'investimento pub­bli­co, sia la por­ta­ta in ter­mi­ni di crescita, pro­dut­ti­vi­tà e oc­cu­pa­zio­ne in Ita­lia.

Qua­li Pae­si e set­to­ri so­no sta­ti in­di­vi­dua­ti co­me prio­ri­ta­ri dal Pia­no? Se l'obiet­ti­vo ul­ti­mo è la com­pe­ti­ti­vi­tà tra­sver­sa­le del Paese, pri­vi­le­gian­do solo al­cu­ni com­par­ti non si ri- schia di la­scia­re in­die­tro mol­te Pmi? L'iden­ti­fi­ca­zio­ne dei mer­ca­ti av­vie­ne con­si­de­ran­do sia le esi­gen­ze del­le im­pre­se, sia il più am­pio qua­dro di in­te­res­si del Paese a par­ti­re dal­le que­stio­ni di po­li­ti­ca este­ra e di si­cu­rez­za. Oltre i mer­ca­ti ma­tu­ri o tra­di­zio­na­li per il no­stro Paese (Europa, Nord Ame­ri­ca, Me­di­ter­ra­neo) vo­glia­mo pun­ta­re, per il 2019, su mer­ca­ti che pos­sa­no dare im­pul­so alla no­stra crescita per via del potenziale tut­to­ra po­co esplo­ra­to, in pri­mis Rus­sia, Ci­na e In­dia, che rap­pre­sen­ta­no anche mer­ca­ti di un'am­piez­za ta­le da do­ver­si ne­ces­sa­ria­men­te pre­sen­ta­re co­me si­ste­ma Paese, e non co­me sin­go­le im­pre­se per raf­for­za­re la pro­pria pre­sen­za. Anche la scelta dei set­to­ri prio­ri­ta­ri è sta­ta frut­to di un pro­ces­so con­di­vi­so con le stes­se as­so­cia­zio­ni im­pren­di­to­ria­li

e con gli ope­ra­to­ri eco­no­mi­ci e com­pren­de i com­par­ti tra­di­zio­na­li del no­stro tes­su­to eco­no­mi­co e quel­li a più al­to potenziale: dal­la ma­ni­fat­tu­ra mec­ca­ni­ca all'agroa­li­men­ta­re, dall'ener­gia e in­fra­strut­tu­re alle tec­no­lo­gie ver­di, dal­le in­du­strie crea­ti­ve e cul­tu­ra­li al set­to­re far­ma­ceu­ti­co e sa­ni­ta­rio. Una buo­na ini­zia­ti­va pro­mo­zio­na­le è ta­le se…

So­no mol­te­pli­ci i fat­to­ri de­ter­mi­nan­ti per il suc­ces­so del­le iniziative di pro­mo­zio­ne del“Ma­de in Ita­ly” sui mer­ca­ti glo­ba­li. Tra i prin­ci­pa­li iden­ti­fi­che­rei si­cu­ra­men­te la ca­pa­ci­tà di de­fi­ni­re gli obiet­ti­vi con­cre­ti che si in­ten­do­no con­se­gui­re, la co­no­scen­za ap­pro­fon­di­ta dei punti di for­za e di de­bo­lez­za del“prodotto” che si in­ten­de pro­muo­ve­re e un'ana­li­si obiet­ti­va del­le ca­rat­te­ri­sti­che dei mer­ca­ti tar­get.

Sul­la ba­se di que­ste pre­mes­se, è es­sen­zia­le poi av­va­ler­si di tutti gli stru­men­ti uti­li a mas­si­miz­za­re i ri­sul­ta­ti, co­me ad esem­pio una strut­tu­ra or­ga­niz­za­ti­va, mo­ti­va­ta e in gra­do di espri­me­re ele­va­te pro­fes­sio­na­li­tà; una so­li­da re­te di part­ner e di con­tat­ti; un'at­ten­ta cu­ra de­gli aspet­ti co­mu­ni­ca­ti­vi, anche at­tra­ver­so le nuo­ve tec­no­lo­gie.

Fac­cia­mo un esem­pio pra­ti­co. Dal 19 al 26 no­vem­bre pros­si­mi, giun­ge­rà alla sua ter­za edi­zio­ne la “Set­ti­ma­na del­la cu­ci­na ita­lia­na nel mon­do”, un pro­get­to spe­cia­le idea­to dal­la Far­ne­si­na nel 2016 per pro­muo­ve­re in ma­nie­ra in­te­gra­ta e coor­di­na­ta uno dei trat­ti di­stin­ti­vi del­la no­stra iden­ti­tà cul­tu­ra­le e del “Mar­chio Ita­lia”: l'ec­cel­len­za del­le no­stre fi­lie­re agro-ali­men­ta­ri e lo straor­di­na­rio pa­tri­mo­nio rap­pre­sen­ta­to dal­la tra­di­zio­ne cu­li­na­ria ita­lia­na, am­bi­ti in cui anche la pro­vin­cia di Salerno espri­me sto­rie di suc­ces­so em­ble­ma­ti­che. Pun­to di par­ten­za è sta­ta l'am­bi­zio­sa idea di pro­va­re a rea­liz­za­re un brand uni­vo­co sot­to cui riu­ni­re tan­te iniziative di pro­mo­zio­ne dell'eno­ga­stro­no­mia ita­lia­na all'este­ro, ma­ga­ri sor­te in ma­nie­ra spon­ta­nea ma pri­ve del ca­rat­te­re di si­ste­ma­ti­ci­tà.

Pro­prio in fun­zio­ne di que­sto obiet­ti­vo, il MAECI ha de­ci­so sin da su­bi­to di ope­ra­re in re­te, coin­vol­gen­do le isti­tu­zio­ni nazionali, gli en­ti ter­ri­to­ria­li, le as­so­cia­zio­ni di ca­te­go­ria, il si­ste­ma ca­me­ra­le, i con­sor­zi di tu­te­la, le scuo­le di cu­ci­na, i cuo­chi e i som­me­lier e ca­na­liz­zan­do le idee emer­se da que­sto confronto at­tra­ver­so la re­te di­plo­ma­ti­co-con­so­la­re e de­gli Isti­tu­ti Ita­lia­ni di Cul­tu­ra, la qua­le - gra­zie all'ele­va­to gra­do di co­no­scen­za del ter­ri­to­rio con­sen­te di adat­ta­re il pro­get­to alle spe­ci­fi­ci­tà del­le sin­go­le real­tà lo­ca­li. I frut­ti di que­sto in­ten­so la­vo­ro di squa­dra non si so­no fat­ti at­ten­de­re: nel­le pri­me due edi­zio­ni ab­bia­mo rea­liz­za­to oltre 2400 even­ti in 110 Pae­si, tra con­fe­ren­ze, work­shop, iniziative de­sti­na­te al gran­de pub­bli­co e ap­pun­ta­men­ti eno­ga­stro­no­mi­ci di va­ria na­tu­ra, nel cor­so dei qua­li le ec­cel­len­ze del­la no­stra fi­lie­ra agro-in­du­stria­le e le ca­rat­te­ri­sti­che del­la no­stra im­men­sa tra­di­zio­ne cu­li­na­ria, in­dis­so­lu­bil­men­te le­ga­ta all'uni­ci­tà e alla bel­lez­za dei no­stri ter­ri­to­ri, so­no sta­te il­lu­stra­te agli ope­ra­to­ri del set­to­re, al mon­do ac­ca­de­mi­co, al gran­de pub­bli­co e ai me­dia lo­ca­li.

Ma oltre ai numeri, pur im­por­tan­ti, i ri­sul­ta­ti so­no sta­ti vincenti sot­to il pro­fi­lo qua­li­ta­ti­vo. Si pen­si ad esem­pio al net­work di con­tat­ti che que­ste iniziative han­no con­sen­ti­to di svi­lup­pa­re tra real­tà pro­dut­ti­ve ita­lia­ne e ope­ra­to­ri lo­ca­li, all'at­ten­zio­ne su­sci­ta­ta su que­sto te­ma nel­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni at­tra­ver­so cam­pa­gne di co­mu­ni­ca­zio­ne mi­ra­te o an­co­ra all'im­ma­gi­ne co­ra­le e po­si­ti­va del no­stro Paese che è sta­to pos­si­bi­le vei­co­la­re con­tem­po­ra­nea­men­te in tutto il mon­do at­tra­ver­so i me­dia e le re­ti so­cia­li. In de­fi­ni­ti­va, un esem­pio di coo­pe­ra­zio­ne win-win tra isti­tu­zio­ni pub­bli­che e set­to­re pri­va­to che con­ti­nue­rà anche nei pros­si­mi an­ni a pro­muo­ve­re – in ma­nie­ra in­te­gra­ta - un ele­men­to iden­ti­ta­rio del­la no­stra eco­no­mia e del­la no­stra cul­tu­ra.

Qua­li so­no gli osta­co­li che an­co­ra in­con­tra­no le im­pre­se nel­la pe­ne­tra­zio­ne dei mer­ca­ti este­ri?

Le im­pre­se ita­lia­ne scon­ta­no un vin­co­lo di­men­sio­na­le che, da un la­to, non con­sen­te di crea­re al pro­prio in­ter­no strut­tu­re per­ma­nen­ti de­di­ca­te all'in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne e, dall'altro, non per­met­te di di­ver­si­fi­ca­re il ri­schio sui mer­ca­ti. Con­si­de­ra­to che il 42% del­le im­pre­se ita­lia­ne che espor­ta, lo fa su un solo mer­ca­to, spes­so l'azien­da si le­ga stret­ta­men­te alla do­man­da del sin­go­lo Paese in cui espor­ta. Il vin­co­lo di­men­sio­na­le può es­se­re pe­rò su­pe­ra­to crean­do re­ti di im­pre­se e fi­lie­re che con­sen­ta­no di au­men­ta­re la“mas­sa cri­ti­ca”. Un altro osta­co­lo che le im­pre­se in­con­tra­no è quel­lo re­la­ti­vo ai ca­na­li di­stri­bu­ti­vi. Per que­sto mo­ti­vo, uno sfor­zo si­gni­fi­ca­ti­vo di si­ste­ma si sta fa­cen­do nel so­ste­ne­re l'in­gres­so dei pro­dot­ti ita­lia­ni sia all'in­ter­no del­la gran­de di­stri­bu­zio­ne or­ga­niz­za­ta, sia

sul­le piat­ta­for­me di­gi­ta­li di e-com­mer­ce.

La sfida glo­ba­le si gio­ca sul fron­te dell'attrazione de­gli in­ve­sti­men­ti este­ri, com­pe­ti­zio­ne che ci ve­de an­co­ra nel­la par­te bas­sa del­la clas­si­fi­ca. Su que­sto aspet­to, qua­li so­no le am­bi­zio­ni del Pia­no?

L'attrazione de­gli in­ve­sti­men­ti è un'at­ti­vi­tà stra­te­gi­ca per l'in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne a cui il Pia­no 2018 de­di­ca ri­sor­se spe­ci­fi­che, pro­prio con il fi­ne di sca­la­re le clas­si­fi­che di cui par­la­te e sfrut­ta­re le po­ten­zia­li­tà del no­stro Paese. Le no­stre am­bi­zio­ni pun­ta­no a far fron­te ai pro­ble­mi con­cre­ti che gli in­ve­sti­to­ri este­ri pos­so­no in­con­tra­re quan­do ar­ri­va­no in Ita­lia e a se­le­zio­na­re que­gli in­ve­sti­men­ti che pos­so­no ave­re un mag­gio­re im­pat­to di lun­go pe­rio­do. Un pri­mo pun­to del pia­no è raf­for­za­re l'at­tua­le go­ver­nan­ce dell'attrazione de­gli in­ve­sti­men­ti che ha il suo per­no nell'at­ti­vi­tà del Co­mi­ta­to per l'Attrazione de­gli In­ve­sti­men­ti Este­ri. L'obiet­ti­vo è for­ni­re all'in­ve­sti­to­re un iter chia­ro e in­ter­lo­cu­to­ri qua­li­fi­ca­ti de­fi­ni­ti quan­do si ap­proc­cia all'Ita­lia.

Un altro pun­to è la sbu­ro­cra­tiz­za­zio­ne e la sem­pli­fi­ca­zio­ne del­le procedure am­mi­ni­stra­ti­ve. So­no mi­su­re pon­de­ra­te e fun­zio­na­li. Di­ver­si stu­di, da ul­ti­mo uno studio di AIBE pro­prio di quest'anno han­no, di­fat­ti, in­di­vi­dua­to le cri­ti­ci­tà del no­stro Paese per gli in­ve­sti­men­ti: ca­ri­co nor­ma­ti­vo, bu­ro­cra­ti­co e fi­sca­le e cer­tez­za e chia­rez­za del qua­dro nor­ma­ti­vo so­no ai primi po­sti. Tor­no, pe­rò, sul di­scor­so del­le clas­si­fi­che. Anche su que­sto stia­mo la­vo­ran­do co­me si­ste­ma. Non sem­pre gli in­di­ca­to­ri in­ter­na­zio­na­li ci col­lo­ca­no in po­si­zio­ni cor­ri­spon­den­ti

«Con­si­de­ra­to che il 42% del­le im­pre­se ita­lia­ne che espor­ta, lo fa su un solo mer­ca­to, spes­so l'azien­da si le­ga stret­ta­men­te alla do­man­da del sin­go­lo Paese in cui espor­ta. Il vin­co­lo di­men­sio­na­le può es­se­re pe­rò su­pe­ra­to crean­do re­ti di im­pre­se e fi­lie­re che con­sen­ta­no di au­men­ta­re la “mas­sa cri­ti­ca”»

ai rea­li da­ti ma­croe­co­no­mi­ci del no­stro Paese. Per que­sto ab­bia­mo co­sti­tui­to quest'anno un grup­po di la­vo­ro con l'obiet­ti­vo di iden­ti­fi­ca­re le clas­si­fi­che in cui mi­glio­ra­re il no­stro po­si­zio­na­men­to, con par­ti­co­la­re riferimento a quel­le più pe­na­liz­zan­ti per il no­stro Paese. Na­tu­ral­men­te, è anche im­por­tan­te saper pro­muo­ve­re ade­gua­ta­men­te l'Ita­lia che re­sta, co­mun­que, la 7° eco­no­mia ma­ni­fat­tu­rie­ra e la 2° in Europa, con un sur­plus com­mer­cia­le che ci col­lo­ca tra i primi 5 dei Pae­si G20 e un mar­chio Paese, quel­lo del “Ma­de in Ita­ly”, che è il ter­zo brand più no­to al mon­do. In que­sto le no­stre Am­ba­scia­te e i no­stri Con­so­la­ti so­no in pri­ma li­nea, non solo per­ché so­no il pri­mo pun­to di con­tat­to per i gran­di in­ve­sti­to­ri isti­tu­zio­na­li all'este­ro, ma anche per­ché la­vo­ra­no ca­pil­lar­men­te e co­stan­te­men­te per co­mu­ni­ca­re i punti di for­za e le pro­spet­ti­ve po­li­ti­co-eco­no­mi­che del no­stro Paese. Ci so­no poi de­gli obiet­ti­vi di po­li­ti­ca in­du­stria­le su cui pun­tia­mo: da un la­to, au­men­ta­re il nu­me­ro di nuovi pro­get­ti di im­pre­se mul­ti­na­zio­na­li in Ita­lia, i c.d. green­field e bro­wn­field, che han­no un im­pat­to evi­den­te su oc­cu­pa­zio­ne e crescita eco­no­mi­ca. Dall'altro la­to, at­ti­ra­re part­ner in­du­stria­li e fi­nan­zia­ri per le no­stre azien­de, in par­ti­co­la­re le PMI, nel­la mi­su­ra in cui que­ste col­la­bo­ra­zio­ni sia­no fi­na­liz­za­te a raf­for­za­re il no­stro si­ste­ma im­pren­di­to­ria­le, in­cre­men­tan­do oc­cu­pa­zio­ne, di­spo­ni­bi­li­tà fi­nan­zia­ria e op­por­tu­ni­tà di sboc­co per i no­stri pro­dot­ti e non mi­ri­no, in­ve­ce, all'ac­qui­sto di nuo­ve tec­no­lo­gie. In­fi­ne, pun­te­re­mo sui pro­get­ti le­ga­ti al set­to­re del­le in­fra­strut­tu­re e dei tra­spor­ti, in par­ti­co­la­re por­ti e sno­di lo­gi­sti­ci, per le ri­ca­du­te che que­sti han­no sul no­stro si­ste­ma eco­no­mi­co. Una mi­glio­re in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne con­cor­re a una più ele­va­ta oc­cu­pa­zio­ne nel no­stro Paese?

Dal 2010 al 2017, le espor­ta­zio­ni so­no la com­po­nen­te del PIL che ha con­sen­ti­to di mi­ti­ga­re gli ef­fet­ti del­la cri­si pri­ma e, in se­gui­to, ri­lan­cia­re il gra­dua­le pro­ces­so di crescita. D'al­tra par­te, se­con­do re­cen­ti in­da­gi­ni, il fat­tu­ra­to “espor­ta­to” dal­le im­pre­se ita­lia­ne è au­men­ta­to di oltre un quar­to tra il 2010 e il 2017 (+26,3%), men­tre nel 2017 il fat­tu­ra­to in­ter­no del­le im­pre­se non ave­va an­co­ra recuperato i li­vel­li di fat­tu­ra­to del 2010 (-3,3%). L'in­ter­na­zio­na­liz­za­zio­ne ha poi con­sen­ti­to, non solo alle im­pre­se di­ret­ta­men­te coin­vol­te di cre­sce­re, ma anche di at­ti­va­re pro­ces­si di fi­lie­ra che han­no in­ne­sca­to un cir­co­lo vir­tuo­so. Co­me Far­ne­si­na, ab­bia­mo com­mis­sio­na­to uno studio in­di­pen­den­te sul­le com­mes­se e i con­trat­ti as­se­gna­ti a im­pre­se ita­lia­ne all'este­ro che han­no be­ne­fi­cia­to del so­ste­gno del­le no­stre Am­ba­scia­te: l'im­pat­to po­si­ti­vo in ter­mi­ni oc­cu­pa­zio­na­li in Ita­lia è sta­to di 307mi­la po­sti di la­vo­ro so­ste­nu­ti.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.