A ri­schio di nul­li­tà le fi­de­ius­sio­ni ri­la­scia­te sullo sche­ma ABI

I giu­di­ci del­la Su­pre­ma Cor­te han­no ri­te­nu­to che l'ac­cer­ta­ta vio­la­zio­ne del­la nor­ma­ti­va an­ti­tru­st, in se­gui­to all'ado­zio­ne di una mo­du­li­sti­ca con­for­me allo sche­ma pre­di­spo­sto dall'Associazione Ban­ca­ria Ita­lia­na, si ri­per­cuo­te anche sui con­trat­ti sti­pu­la­ti

Costozero - - Sommario - Di M. Ma­ri­na­ro

In te­ma di ac­cer­ta­men­to dell'esi­sten­za di in­te­se an­ti­con­cor­ren­zia­li vie­ta­te dal­la leg­ge an­ti­tru­st, la sti­pu­la­zio­ne "a val­le" di con­trat­ti o ne­go­zi che co­sti­tui­sca­no l'ap­pli­ca­zio­ne di quel­le in­te­se il­le­ci­te con­clu­se "a mon­te" (in par­ti­co­la­re quel­le re­la­ti­ve alle nor­me ban­ca­rie uni­for­mi ABI in ma­te­ria di con­trat­ti di fi­de­ius­sio­ne, in quan­to con­te­nen­ti clau­so­le con­tra­rie a nor­me im­pe­ra­ti­ve) com­pren­do­no anche i con­trat­ti sti­pu­la­ti an­te­rior­men­te all'ac­cer­ta­men­to dell'in­te­sa da par­te dell'Au­to­ri­tà in­di­pen­den­te pre­po­sta alla re­go­la­zio­ne o al con­trol­lo di quel mer­ca­to (nel­la spe­cie, per quel­lo ban­ca­rio, la Ban­ca d'Ita­lia, con le fun­zio­ni di Au­to­ri­tà ga­ran­te del­la con­cor­ren­za tra isti­tu­ti cre­di­ti­zi, ai sen­si del­la L. n. 287 del 1990, artt. 14 e 20, in vi­go­re fi­no al tra­sfe­ri­men­to dei po­te­ri all'AGCM, con la L. n. 262 del 2005, a far da­ta dal 12 gen­na­io 2016) a con­di­zio­ne che quell'in­te­sa sia sta­ta po­sta in es­se­re ma­te­rial­men­te pri­ma del ne­go­zio de­nun­cia­to co­me nul­lo, con­si­de­ra­to anche che rien­tra­no sot­to quel­la di­sci­pli­na an­ti­con­cor­ren­zia­le tut­te le vi­cen­de suc­ces­si­ve del rapporto che co­sti­tui­sca­no la rea­liz­za­zio­ne di pro­fi­li di di­stor­sio­ne del­la con­cor­ren­za.

Si trat­ta del prin­ci­pio te­stual­men­te af­fer­ma­to dal­la Pri­ma Se­zio­ne Ci­vi­le del­la Cas­sa­zio­ne con l'or­di­nan­za n. 29810 del 12 dicembre 2017. In so­stan­za i giu­di­ci del­la Su­pre­ma Cor­te, nel ri­for­ma­re la sen­ten­za del­la Cor­te di Ap­pel­lo di Ve­ne­zia aven­te ad og­get­to una fi­de­ius­sio­ne ri­la­scia­ta in fa­vo­re di un isti­tu­to ban­ca­rio, han­no ri­te­nu­to che l'ac­cer­ta­ta vio­la­zio­ne del­la nor­ma­ti­va an­ti­tru­st in se­gui­to all'ado­zio­ne di una mo­du­li­sti­ca con­for­me allo sche­ma pre­di­spo­sto dal­la ABI (Associazione Ban­ca­ria Ita­lia­na) si ri­per­cuo­te anche sui con­trat­ti sti­pu­la­ti pre­ce­den­te­men­te a ta­le ac­cer­ta­men­to (il prov­ve­di­men­to del­la Ban­ca d'Ita­lia n. B423 è del 2 mag­gio 2005). Al ri­guar­do, oc­cor­re pre­li­mi­nar­men­te evi­den­zia­re che le Se­zio­ni Uni­te del­la Cas­sa­zio­ne (sen­ten­za n. 2207 del 2005) han­no da tem­po pre­ci­sa­to che la leg­ge an­ti­tru­st (leg­ge n. 287 del 1990) ha po­sto re­go­le a tu­te­la del­la li­ber­tà di con­cor­ren­za aven­ti co­me de­sti­na­ta­ri non sol­tan­to gli im­pren­di­to­ri, ma anche gli al­tri sog­get­ti del mer­ca­to, ov­ve­ro chiun­que ab­bia in­te­res­se alla con­ser­va­zio­ne del suo ca­rat­te­re com­pe­ti­ti­vo al pun­to da po­ter al­le­ga­re uno spe­ci­fi­co pre­giu­di­zio con­se­guen­te alla rot­tu­ra o alla di­mi­nu­zio­ne di ta­le ca­rat­te­re per ef­fet­to di un'in­te­sa vie­ta­ta. In­fat­ti, un'in­te­sa re­strit­ti­va del­la li­ber­tà di con­cor­ren­za pre­giu­di­ca il con­su­ma­to­re qua­le ac­qui­ren­te finale del prodotto of­fer­to dal mer­ca­to che ve­de elu­so il pro­prio di­rit­to ad una scelta ef­fet­ti­va tra pro­dot­ti in con­cor­ren­za, per cui il con­trat­to“a val­le” co­sti­tui­sce lo sboc­co dell'in­te­sa vie­ta­ta, es­sen­zia­le a rea­liz­zar­ne e ad at­tuar­ne gli ef­fet­ti.

Eb­be­ne, nel ca­so giun­to all'esame dei giu­di­ci ve­ne­ti e poi del­la Cas­sa­zio­ne, il con­su­ma­to­re (fi­de­ius­so­re)

ave­va chia­ma­to in giu­di­zio la ban­ca chie­den­do di ac­cer­ta­re la nul­li­tà dell'ac­cor­do con­trat­tua­le in quan­to con­for­me alle NBU (nor­me ban­ca­rie uni­for­mi pre­di­spo­ste dall'ABI), oltre al ri­sar­ci­men­to dei dan­ni.

La Su­pre­ma Cor­te sul pun­to pun­tua­liz­za che, una vol­ta ac­cer­ta­ta la vio­la­zio­ne del­la leg­ge an­ti­tru­st, non è pos­si­bi­le esclu­de­re la nul­li­tà di quel con­trat­to per il solo fat­to del­la sua an­te­rio­ri­tà ri­spet­to all'in­da­gi­ne del­la Ban­ca d'Ita­lia e alle sue ri­sul­tan­ze, poi­ché se la vio­la­zio­ne "a mon­te" è sta­ta con­su­ma­ta an­te­rior­men­te alla ne­go­zia­zio­ne "a val­le", l'il­le­ci­to an­ti­con­cor­ren­zia­le con­su­ma­to­si pri­ma del­la sti­pu­la del­la fi­de­ius­sio­ne tra­vol­ge ne­ces­sa­ria­men­te il con­trat­to con­clu­so "a val­le", per la vio­la­zio­ne dei prin­cì­pi e del­le di­spo­si­zio­ni re­go­la­ti­ve del­la ma­te­ria.

Se da un la­to, quin­di, è am­mes­sa la nul­li­tà dei con­trat­ti“a val­le”, dall'altro non può es­se­re esclu­sa ta­le nul­li­tà per­ché la sti­pu­la è pre­ce­den­te all'ac­cer­ta­men­to del­la vio­la­zio­ne con­cor­ren­zia­le ac­cer­ta­ta dall'Au­to­ri­tà com­pe­ten­te. Con­si­de­ra­to dun­que che la fi­de­ius­sio­ne sot­to­scrit­ta“a val­le” (con­for­me­men­te a quan­to pre­vi­sto dal­le NBU) co­sti­tui­sce lo sboc­co dell'in­te­sa di­chia­ra­ta an­ti­con­cor­ren­zia­le qua­le estrin­se­ca­zio­ne e at­tua­zio­ne del­la stes­sa, il giudice è chia­ma­to a va­lu­tar­ne la potenziale nul­li­tà. La giu­ri­spru­den­za di me­ri­to sul­la questione sem­bra orien­ta­ta ad una ri­go­ro­sa ap­pli­ca­zio­ne di quan­to espres­so dal­la Cas­sa­zio­ne in quan­to le pri­me pro­nun­ce, do­po aver ri­le­va­to la nul­li­tà del­la fi­de­ius­sio­ne per lo più in giu­di­zi nei qua­li il fi­de­ius­so­re si era op­po­sto al de­cre­to in­giun­ti­vo ot­te­nu­to dal­la ban­ca cre­di­tri­ce, se in ta­lu­ni ca­si ne­ga­no la concessione del­la prov­vi­so­ria ese­cu­zio­ne al de­cre­to op­po­sto (Tri­bu­na­le di Ro­ma, or­di­nan­za del 26 lu­glio 2018) per l'altro ac­col­go­no la ri­chie­sta di so­spen­sio­ne del­la ese­cu­ti­vi­tà del­la sen­ten­za di pri­mo gra­do (pe­ral­tro con ec­ce­zio­ne di nul­li­tà pro­po­sta per la pri­ma vol­ta in se­de di gra­va­me; in tal sen­so si è espres­sa la Cor­te di Ap­pel­lo di Fi­ren­ze, or­di­nan­za del 18 lu­glio 2018), si­no a giun­ge­re alla de­cla­ra­to­ria di nul­li­tà in­te­gra­le del­la fi­de­ius­sio­ne (Tri­bu­na­le di Salerno, sen­ten­za n. 3016 del 23 ago­sto 2018) che pur tro­va opi­nio­ni dis­sen­zien­ti da par­te del­la dot­tri­na quan­to me­no nel suo au­to­ma­ti­smo ap­pli­ca­ti­vo e anche in giu­ri­spru­den­za (se­con­do il Tri­bu­na­le di Tre­vi­so, sen­ten­za del 30 lu­glio 2018, non può es­se­re di­chia­ra­ta la nul­li­tà né in ter­mi­ni di nul­li­tà de­ri­va­ta, né per il­li­cei­tà del­la cau­sa, né ai sen­si dell'art. 1418 co. 1 c.c.). La questione in­ter­pre­ta­ti­va tra­spa­re nel­la sua estre­ma de­li­ca­tez­za anche per­ché ap­pa­io­no

«La questione in­ter­pre­ta­ti­va tra­spa­re nel­la sua estre­ma de­li­ca­tez­za anche per­ché ap­pa­io­no po­ten­zial­men­te espo­ste alla san­zio­ne del­la nul­li­tà tut­te quel­le fi­de­ius­sio­ni ri­la­scia­te in fa­vo­re del­le ban­che se re­dat­te in con­for­mi­tà alle nor­me ban­ca­rie uni­for­mi pre­di­spo­ste dall'ABI»

po­ten­zial­men­te espo­ste alla san­zio­ne del­la nul­li­tà tut­te quel­le fi­de­ius­sio­ni ri­la­scia­te in fa­vo­re del­le ban­che se re­dat­te in con­for­mi­tà alle nor­me ban­ca­rie uni­for­mi pre­di­spo­ste dall'ABI. Nul­li­tà che, pe­ral­tro, può es­se­re ec­ce­pi­ta anche nei pro­ces­si pen­den­ti e in qua­lun­que gra­do del giu­di­zio (es­sen­do al­tre­sì ri­le­va­bi­le ex of­fi­cio dal giudice); questione ri­mes­sa dun­que alla prudente in­ter­pre­ta­zio­ne dei giu­di­ci di me­ri­to che so­no chia­ma­ti a de­ci­de­re sem­pre più fre­quen­te­men­te sul­la de­dot­ta nul­li­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.