Preu­so di un mar­chio (di fat­to) e in­va­li­di­tà di quel­lo suc­ces­si­va­men­te re­gi­stra­to

In vir­tù del prin­ci­pio di uni­ta­rie­tà dei se­gni di­stin­ti­vi, il preu­so di un mar­chio, co­sì co­me quel­lo di al­tri se­gni di­stin­ti­vi, può com­por­ta­re l'in­va­li­di­tà, per man­can­za del re­qui­si­to di no­vi­tà, di un mar­chio suc­ces­si­va­men­te re­gi­stra­to

Costozero - - Sommario - Di M. Ga­lar­do

Una in­te­res­san­te sen­ten­za del Tri­bu­na­le di Bo­lo­gna, Sez. Im­pre­se n. 159/2018, ha af­fron­ta­to il pro­ble­ma del­la coe­si­sten­za del preu­so di un se­gno di­stin­ti­vo con i mar­chi si­mi­la­ri suc­ces­si­va­men­te re­gi­stra­ti da un'al­tra im­pre­sa. Nel ca­so di spe­cie, la so­cie­tà at­tri­ce chie­de­va alT­ri­bu­na­le di ac­cer­ta­re e di­chia­ra­re che l'uti­liz­zo da par­te del­la con­ve­nu­ta di un de­ter­mi­na­to mar­chio co­sti­tui­va una con­traf­fa­zio­ne dei mar­chi re­gi­stra­ti dall'at­tri­ce stes­sa, non­ché vio­la­zio­ne del­la pro­pria de­no­mi­na­zio­ne so­cia­le e at­to di con­cor­ren­za slea­le.A sua vol­ta la con­ve­nu­ta chie­de­va in via ri­con­ven­zio­na­le di­chia­rar­si, nei con­fron­ti dell'at­tri­ce, la nul­li­tà di un mar­chio nazionale fi­gu­ra­ti­vo e di un mar­chio nazionale de­no­mi­na­ti­vo suc­ces­si­va­men­te este­so con mar­chio in­ter­na­zio­na­le, non­ché sot­to altro pro­fi­lo, ac­cer­ta­re la nul­li­tà dei mar­chi at­to­rei per evi­den­te ma­la­fe­de del de­po­si­tan­te. La so­cie­tà at­tri­ce in­ve­ro de­du­ce­va di ave­re uti­liz­za­to sin dal 1990 uno spe­ci­fi­co se­gno di­stin­ti­vo qua­le mar­chio per con­trad­di­stin­gue­re par­te dei pro­pri pro­dot­ti, lo stes­so avreb­be co­sì ac­qui­si­to nel tem­po no­te­vo­le

no­to­rie­tà, anche gra­zie all'at­ti­vi­tà com­mer­cia­le e pro­mo­zio­na­le svol­ta, e di ave­re re­gi­stra­to nell'anno 2000 una se­rie di mar­chi nazionali e co­mu­ni­ta­ri, aven­ti ad og­get­to ta­le se­gno di­stin­ti­vo. Espo­ne­va al­tre­sì l'at­tri­ce che la so­cie­tà con­ve­nu­ta ave­va de­po­si­ta­to il 19.9.2013 do­man­da di un mar­chio nazionale fi­gu­ra­ti­vo per con­trad­di­stin­gue­re un'am­pia se­rie di pro­dot­ti e ser­vi­zi per i qua­li i mar­chi del­la pri­ma era­no sta­ti re­gi­stra­ti; chie­de­va per­tan­to, ai sen­si del­la nor­ma­ti­va in ma­te­ria di pro­prie­tà in­du­stria­le nazionale e co­mu­ni­ta­ria, di ac­cer­ta­re la vio­la­zio­ne da par­te del­la con­ve­nu­ta, dei di­rit­ti sui suoi mar­chi re­gi­stra­ti e sul­la sua de­no­mi­na­zio­ne so­cia­le, non­ché l'ac­cer­ta­men­to del­la sus­si­sten­za di una fat­ti­spe­cie di con­cor­ren­za slea­le per con­fu­sio­ne ai sen­si dell'art. 2598 n. 1 c.c., e di­spor­si l'ini­bi­to­ria dall'uti­liz­zo del se­gno di­stin­ti­vo, il ri­ti­ro dal com­mer­cio dei re­la­ti­vi pro­dot­ti e la pub­bli­ca­zio­ne del­la sen­ten­za su due no­ti quo­ti­dia­ni nazionali; non­ché la con­dan­na del­la con­ve­nu­ta al ri­sar­ci­men­to del dan­no e alla re­tro­ver­sio­ne de­gli uti­li ex art. 125 CPI, de­du­cen­do co­me l'at­ti­vi­tà po­sta in es­se­re dal­la stes­sa aves­se cau­sa­to un dan­no da“di­lui­zio­ne” al pro­prio mar­chio, sia sot­to il pro­fi­lo dell'in­fan­ga­men­to, che sot­to quel­lo del­la per­di­ta di uni­ci­tà di­stin­ti­va. La so­cie­tà con­ve­nu­ta, co­sti­tuen­do­si in giu­di­zio, pre­ci­sa­va di ope­ra­re inin­ter­rot­ta­men­te da 38 an­ni nel set­to­re del­la pro­du­zio­ne e com­mer­cio di uten­si­li ma­nua­li e pro­fes­sio­na­li per l'in­du­stria e per l'af­ter mar­ket e, do­po ave­re chia­ri­to di ave­re sem­pre ef­fet­tua­to in­gen­ti in­ve­sti­men­ti per la pro­mo­zio­ne dei pro­pri pro­dot­ti, espo­ne­va di aver sin dall'inizio del­la pro­pria at­ti­vi­tà im­pren­di­to­ria­le, ri­sa­len­te al 1977, uti­liz­za­to, sia co­me de­no­mi­na­zio­ne so­cia­le che co­me mar­chio di fat­to, il se­gno di­stin­ti­vo il cui uti­liz­zo era og­get­to di con­te­sta­zio­ne, co­sì ac­qui­sen­do, con riferimento allo stes­so, una no­to­rie­tà este­sa e qua­li­fi­ca­ta, ido­nea a fon­da­re il di­rit­to all'uso esclu­si­vo del se­gno co­me mar­chio di fat­to e co­me de­no­mi­na­zio­ne so­cia­le, pe­ral­tro suc­ces­si­va­men­te fat­to og­get­to di do­man­da di re­gi­stra­zio­ne pres­so le com­pe­ten­ti au­to­ri­tà co­me no­me a do­mi­nio (nel 1999) e co­me mar­chio re­gi­stra­to (nel 2013). La con­ve­nu­ta de­du­ce­va inol­tre, in via ri­con­ven­zio­na­le, che la con-

dot­ta te­nu­ta dall'at­tri­ce, che ave­va re­gi­stra­to il nuovo se­gno di­stin­ti­vo, pro­ce­den­do nel 2011 anche alla mo­di­fi­ca del­la de­no­mi­na­zio­ne so­cia­le, in­te­gra­va una con­dot­ta scor­ret­ta, sia con riferimento al pro­fi­lo del­la con­cor­ren­za slea­le per con­fu­sio­ne ai sen­si dell'art. 2598 n. 1) c.c., che con ri­guar­do alla fat­ti­spe­cie di cui all'art. 2598 n. 3) c.c. , qua­le ipo­te­si di ado­zio­ne di mez­zi non con­for­mi alla cor­ret­tez­za pro­fes­sio­na­le. Ne con­se­gui­va per­tan­to se­con­do la con­ve­nu­ta in pri­mo luo­go la nul­li­tà dei mar­chi nazionali e co­mu­ni­ta­ri re­gi­stra­ti dal­la so­cie­tà at­tri­ce aven­ti ad og­get­to il se­gno di­stin­ti­vo og­get­to di con­te­sta­zio­ne, in quan­to uti­liz­za­to di fat­to e pre­ven­ti­va­men­te co­me mar­chio del­la con­ve­nu­ta; in se­con­do luo­go, as­se­ri­va la nul­li­tà de­gli stes­si se­gni, in quan­to re­gi­stra­ti in ma­la­fe­de, in vio­la­zio­ne del­la nor­ma­ti­va nazionale e co­mu­ni­ta­ria. Or­be­ne, l'art. 20 del CPI, san­ci­sce, al pri­mo com­ma lett. b), «che il ti­to­la­re del mar­chio ha fa­col­tà di uso esclu­si­vo e può vie­ta­re a ter­zi di usa­re nell'at­ti­vi­tà eco­no­mi­ca un se­gno iden­ti­co o si­mi­le al mar­chio re­gi­stra­to per pro­dot­ti o ser­vi­zi iden­ti­ci o af­fi­ni, se a cau­sa dell'iden­ti­tà o so­mi­glian­za fra i se­gni e dell'iden­ti­tà o af­fi­ni­tà tra pro­dot­ti o ser­vi­zi, pos­sa de­ter­mi­nar­si un ri­schio di con­fu­sio­ne per il pub­bli­co, che può con­si­ste­re anche in un ri­schio di associazione fra i due se­gni». Nel­lo spe­ci­fi­co la te­si del­la con­ve­nu­ta di ave­re pre-usa­to il pro­prio mar­chio, è sta­ta con­si­de­ra­ta fon­da­ta da­lT­ri­bu­na­le, il qua­le ha ri­te­nu­to sus­si­ste­re in ca­po alla stes­sa, il preu­so con no­to­rie­tà ge­ne­ra­le per pro­dot­ti di fer­ra­men­ta sin da epo­ca an­te­ce­den­te alla do­man­da di re­gi­stra­zio­ne del mar­chio del­la so­cie­tà at­tri­ce. Il Tri­bu­na­le evi­den­zia, in par­ti­co­la­re, che la no­to­rie­tà del se­gno co­me mar­chio, im­pli­ca che il mar­chio di fat­to, per co­sti­tui­re an­te­rio­ri­tà in­va­li­dan­te del suc­ces­si­vo mar­chio re­gi­stra­to, de­ve, in pri­mo luo­go, es­se­re sta­to pre-uti­liz­za­to ef­fet­ti­va­men­te co­me mar­chio per i pro­dot­ti in­te­res­sa­ti; in se­con­do luo­go, il preu­so de­ve es­se­re ca­rat­te­riz­za­to da no­to­rie­tà non solo lo­ca­le; in­fi­ne l'uso ef­fet­ti­vo del se­gno de­ve es­se­re sta­to omo­ge­neo e co­stan­te nel tem­po. Nel ca­so di spe­cie è sta­ta ri­te­nu­ta rag­giun­ta la pro­va do­cu­men­ta­le che il se­gno di­stin­ti­vo og­get­to di con­te­sta­zio­ne fos­se sta­to pre­u­ti­liz­za­to dal­la con­ve­nu­ta con le mo­da­li­tà so­pra de­scrit­te.Ac­cer­ta­to per­tan­to il preu­so, se­con­do ilT­ri­bu­na­le ne con­se­gue l'im­pos­si­bi­li­tà di ac­cer­ta­re la con­traf­fa­zio­ne dei mar­chi re­gi­stra­ti dall'at­tri­ce. Per quan­to ri­guar­da in­ve­ce la do­man­da pro­po­sta in via ri­con­ven­zio­na­le dal­la so­cie­tà con­ve­nu­ta, oc­cor­re evi­den­zia­re che: l'art. 28.1 del CPI (con­va­li­da­zio­ne) pre­ve­de al suo pri­mo com­ma che «Il ti­to­la­re di un mar­chio di im­pre­sa an­te­rio­re e il ti­to­la­re di un di­rit­to di preu­so che im­por­ti no­to­rie­tà non pu­ra­men­te lo­ca­le, i qua­li ab­bia­no, du­ran­te cin­que an­ni con­se­cu­ti­vi, tol­le­ra­to, es­sen­do­ne a co­no­scen­za, l'uso d un mar­chio posteriore re­gi­stra­to ugua­le o si­mi­le, non pos­so­no do­man­da­re la di­chia­ra­zio­ne di nul­li­tà del mar­chio posteriore né op­por­si all'uso del­lo stes­so per i pro­dot­ti o ser­vi­zi in re­la­zio­ne ai qua­li il det­to mar­chio è sta­to usa­to sul­la ba­se del pro­prio mar­chio an­te­rio­re o del pro­prio preu­so, sal­vo il ca­so in cui il mar­chio posteriore sia sta­to do­man­da­to in ma­la fede, il ti­to­la­re del mar­chio posteriore non può op­por­si all'uso di quel­lo an­te­rio­re o alla con­ti­nua­zio­ne del preu­so». Per quan­to at­tie­ne in­ve­ce al mar­chio fi­gu­ra­ti­vo co­mu­ni­ta­rio, l'art.54 del Regolamento (CE) n. 207/2009 del 26 feb­bra­io 2009 pre­ve­de che: «1. Il ti­to­la­re di un mar­chio co­mu­ni­ta­rio che, per cin­que an­ni con­se­cu­ti­vi, ab­bia tol­le­ra­to l'uso di un mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore nel­la Co­mu­ni­tà, es­sen­do al cor­ren­te di ta­le uso, sul­la ba­se del mar­chio an­te­rio­re non può più do­man­da­re la nul­li­tà del mar­chio posteriore né op­por­si all'uso di quest'ul­ti­mo con riferimento ai pro­dot­ti o ai ser­vi­zi per i qua­li es­so è sta­to uti­liz­za­to, a me­no che il de­po­si­to del mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore non sia sta­to ef­fet­tua­to in ma­la­fe­de. 2. Il ti­to­la­re di un mar­chio an­te­rio­re di cui all'ar­ti­co­lo 8, pa­ra­gra­fo 2, o di un altro con­tras­se­gno an­te­rio­re di cui all'ar­ti­co­lo 8, pa­ra­gra­fo 4 che, per cin­que an­ni con­se­cu­ti­vi, ab­bia tol­le­ra­to l'uso di un mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore nel­lo Sta­to mem­bro in cui il mar­chio an­te­rio­re ov­ve­ro l'altro con­tras­se­gno an­te­rio­re è tu­te­la­to, es­sen­do al cor­ren­te di ta­le uso, sul­la ba­se del mar­chio o dell'altro con­tras­se­gno an­te­rio­re non può più do­man­da­re la nul­li­tà né op­por­si all'uso del mar­chio posteriore con riferimento ai pro­dot­ti o ai ser­vi­zi per i qua­li il mar­chio posteriore è sta­to uti­liz­za­to, a me­no che il de­po­si­to del mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore non sia sta­to ef­fet­tua­to in ma­la­fe­de. 3.

Nei ca­si di cui ai pa­ra­gra­fi 1 o 2, il ti­to­la­re di un mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore non ha la fa­col­tà di op­por­si all'eser­ci­zio del di­rit­to an­te­rio­re, ben­ché ta­le di­rit­to non pos­sa più es­se­re fat­to va­le­re nei con­fron­ti del mar­chio co­mu­ni­ta­rio posteriore». Le con­si­de­ra­zio­ni so­pra svol­te com­por­ta­no nel ca­so di spe­cie una le­git­ti­ma coe­si­sten­za tra i due se­gni; tut­ta­via, il Tri­bu­na­le ha ri­te­nu­to che ta­le coe­si­sten­za deb­ba in­dur­re all'in­se­ri­men­to, da par­te di en­tram­bi i ti­to­la­ri, di mo­di­fi­che ai ri­spet­ti­vi se­gni, al fi­ne di esclu­de­re le con­se­guen­ze del­la con­fu­sio­ne sul mer­ca­to.

Il Tri­bu­na­le giun­ge in de­fi­ni­ti­va al ri­get­to del­le do­man­de pro­po­ste dal­la par­te at­tri­ce nei con­fron­ti del­la par­te con­ve­nu­ta e all'ac­co­gli­men­to par­zia­le del­la do­man­da ri­con­ven­zio­na­le pro­po­sta dal­la so­cie­tà con­ve­nu­ta nei con­fron­ti dell'at­tri­ce, di­chia­ran­do, tra l'altro la nul­li­tà di un mar­chio de­no­mi­na­ti­vo e di uno fi­gu­ra­ti­vo dell'at­tri­ce.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.