Con­cor­da­to in con­ti­nui­tà: at­ten­zio­ne al ri­por­to del­le per­di­te fi­sca­li

Costozero - - Sommario - Di M. Fio­ren­ti­no

In ogni ti­po­lo­gia di con­cor­da­to qua­li­fi­ca­bi­le co­me “in con­ti­nui­tà in­di­ret­ta”, nes­sun pre­ven­ti­vo scom­pu­to di per­di­te pre­gres­se, ACE o in­te­res­si pas­si­vi, do­vrà es­se­re ef­fet­tua­to, per l'in­trin­se­ca as­sen­za di im­po­ni­bi­li fu­tu­ri e, per­tan­to, le so­prav­ve­nien­ze da esde­bi­ta­zio­ne sa­ran­no in­te­gral­men­te de­tas­sa­te

«Il con­cor­da­to li­qui­da­to­rio aven­do, co­me det­to, l'obiet­ti­vo del­la estin­zio­ne dell'im­pre­sa, non può mai ge­ne­ra­re pre­oc­cu­pa­zio­ni sull'even­tua­le uti­liz­zo fu­tu­ro di per­di­te pre­gres­se, po­sto che, ap­pun­to, l'azien­da al ter­mi­ne del pro­ce­di­men­to (al­me­no in li­nea di prin­ci­pio) ces­sa»

L'ef­fet­to per­du­ran­te del­la cri­si dei mer­ca­ti ha pro­vo­ca­to, co­me è no­to, un mas­sic­cio ri­cor­so da par­te del­le im­pre­se in dif­fi­col­tà alle procedure pa­ra­con­cor­sua­li pre­vi­ste dal­la nor­ma­ti­va (RD 267/42), per scon­giu­ra­re il ri­schio di fal­li­men­to e la con­se­guen­te chiu­su­ra del­le at­ti­vi­tà.

In par­ti­co­la­re, gra­zie anche alla re­cen­te ri­for­ma (e in at­te­sa di quel­la nuo­va e com­ples­si­va dell'in­te­ra di­sci­pli­na), per com­por­re (o ten­ta­re di com­por­re) ta­li si­tua­zio­ni di dif­fi­col­tà, lar­go uso è sta­to e vie­ne tutt'ora fat­to dell'isti­tu­to del con­cor­da­to, sia nel­la fat­ti­spe­cie li­qui­da­to­ria, sia nel­la ver­sio­ne cc.dd.“di ri­sa­na­men­to” o “in con­ti­nui­tà”. Ov­via­men­te la nor­ma­ti­va tri­bu­ta­ria di­sci­pli­na, dif­fu­sa­men­te e non sem­pre sen­za in­cer­tez­ze, le ri­ca­du­te fi­sca­li de­gli ef­fet­ti giu­ri­di­ci del­le sud­det­te procedure e le di­spo­si­zio­ni più ri­le­van­ti han­no ad og­get­to sen­za dub­bio il trat­ta­men­to ai fi­ni IRES/IR­PEF del­le so­prav­ve­nien­ze at­ti­ve de­ri­van­ti dal­lo stral­cio dei de­bi­ti ver­so ter­zi. A tal pro­po­si­to, si ri­cor­da che il com­ma 4ter dell'art. 88 TUIR, co­me mo­di­fi­ca­to dal D.lgs. 147/2015, sta­bi­li­sce che le com­po­nen­ti po­si­ti­ve di red­di­to ori­gi­na­te dall'esde­bi­ta­zio­ne non de­vo­no, in li­nea di prin­ci­pio, ave­re ri­le­van­za fi­sca­le, co­sì da evitare che l'ele­va­to am­mon­ta­re del­le im­po­ste da pa­ga­re (che de­ri­ve­reb­be dal­lo stral­cio con­ta­bi­le di de­bi­ti) com­pro­met­ta ogni ten­ta­ti­vo di com­po­ni­men­to.

Ciò det­to, il sud­det­to prin­ci­pio di ir­ri­le­van­za fi­sca­le non è assoluto, ma si de­cli­na in mo­do di­ver­so a se­con­da del­la ti­po­lo­gia di con­cor­da­to adot­ta­to.

In sin­te­si, le so­prav­ve­nien­ze da esde­bi­ta­zio­ne: in pre­sen­za di un con­cor­da­to pre­ven­ti­vo li­qui­da­to­rio (anche fal­li­men­ta­re), so­no in­te­gral­men­te de­tas­sa­te; in ca­so di con­cor­da­to di ri­sa­na­men­to (vol­to quin­di alla con­ti­nua­zio­ne dell'at­ti­vi­tà dell'im­pre­sa), so­no de­tas­sa­te per la quo­ta del lo­ro am­mon­ta­re che ec­ce­de le per­di­te fi­sca­li (sen­za te­ner con­to del no­to li­mi­te dell'80%) e le al­tre de­du­zio­ni di cui in se­gui­to. Le mo­ti­va­zio­ni di que­sto dif­fe­ren­te trat­ta­men­to fi­sca­le pos­so­no co­sì rias­su­mer­si.

Il con­cor­da­to li­qui­da­to­rio aven­do, co­me det­to, l'obiet­ti­vo del­la estin­zio­ne dell'im­pre­sa, non può mai ge­ne­ra­re pre­oc­cu­pa­zio­ni sull'even­tua­le uti­liz­zo fu­tu­ro di per­di­te pre­gres­se, po­sto che, ap­pun­to, l'azien­da al ter­mi­ne del pro­ce­di­men­to (al­me­no in li­nea di prin­ci­pio) ces­sa.

Nel con­cor­da­to di ri­sa­na­men­to, in­ve­ce, l'azien­da so­prav­vi­ve e quin­di oc­cor­re evitare che que­sta pos­sa con­se­gui­re una im­pro­pria ot­ti­miz­za­zio­ne fi­sca­le, uti­liz­zan­do le per­di­te fi­sca­li for­ma­te­si du­ran­te il pe­rio­do di cri­si, non già a scom­pu­to dei com­po­nen­ti po­si­ti­vi in­tra­con­cor­da­to, ma a de­du­zio­ne dei red­di­ti che si for­me­ran­no nei pe­rio­di d'im­po­sta in cui es­sa sarà ritornata pro­dut­ti­va.

Per que­ste ra­gio­ni “an­ti­e­lu­si­ve”, quin­di, le so­prav­ve­nien­ze at­ti­ve de­vo­no es­se­re tas­sa­te nel ci­ta­to li­mi­te dell'am­mon­ta­re del­le per­di­te fi­sca­li pre­gres­se, del­le de­du­zio­ni ACE, non­ché dell'ec­ce­den­za de­gli in­te­res­si pas­si­vi di cui all'ar­ti­co­lo 96, com­ma 4 TUIR (il fa­mo­so mec­ca­ni­smo del ROL). Nel­la pra­ti­ca pro­fes­sio­na­le, il con­cor­da­to di ri­sa­na­men­to ha avu­to mol­to più suc­ces­so ri­spet­to a quel­lo li­qui­da­to­rio, in vir­tù dell'as­sen­za di per­cen­tua­li mi­ni­me da ri­co­no­sce­re ai cre­di­to­ri chi­ro­gra­fa­ri e que­sta van­tag­gio­sa cir­co­stan­za ha fat­to sì che, nel tem­po, si sia­no svi­lup­pa­ti va­ri sche­mi di “con­ti­nui­tà” al­ter­na­ti­vi alla mo­da­li­tà li­qui­da­to­ria, che, nel­la so­stan­za, pre­ve­do­no l'ab­ban­do­no del­la con­ce­zio­ne da (chi con­ti­nua è la so­cie­tà in cri­si) e lo spo­sta­men­to sul con­cet­to di azien­da (ciò che con­ti­nua è il bu­si­ness). Que­sta evo­lu­zio­ne ha par­to­ri­to, in par­ti­co­la­re, quel­lo che ora vie­ne co­mu­ne­men­te definito con­cor­da­to in “con­ti­nui­tà in­di­ret­ta”, do­ve la so­cie­tà in cri­si: a) tra­sfe­ri­sce (in va­ri mo­di) l'azien­da (tut­ta o par­te) a ter­zi, che con­ti­nue­ran­no a ge­stir­la; b) ces­sa la sua at­ti­vi­tà.

Ta­le pro­ce­du­ra, de­fi­ni­ta in dot­tri­na co­me “ibri­da”, ha tut­ta­via in­ge­ne­ra­to in­cer­tez­ze sul suo in­qua­dra­men­to fi­sca­le, re­la­ti­va­men­te al trat­ta­men­to dei be­ne­fi­ci del­la esde­bi­ta­zio­ne, con riferimento sia all'am­mon­ta­re sia al sog­get­to be­ne­fi­cia­rio, in quan­to il già ci­ta­to art.88 di­sci­pli­na in mo­do net­to gli ef­fet­ti fi­sca­li solo del con­cor­da­to in con­ti­nui­tà di­ret­ta stric­tu sen­su e di quel­lo li­qui­da­to­rio, ma non con­tie­ne al­cu­na pre­vi­sio­ne per le ver­sio­ni “mi­ste”.

In Te­le­fi­sco 2018 l'AGE die­de già una pri­ma ri­spo­sta som­ma­ria, af­fer­man­do che, in ca­so di con­ti­nui­tà in­di­ret­ta, la de­tas­sa­zio­ne in­te­gra­le (e non per l'ec­ce­den­za sul­le per­di­te pre­gres­se) è su­bor­di­na­ta alla con­di­zio­ne che il pia­no con­cor­da­ta­rio pre­ve­da espres­sa­men­te la ces­sa­zio­ne dell'im­pren­di­to­re, per­ché, co­me so­pra ac­cen­na­to, solo in ta­le sce­na­rio non pos­so­no ve­ri­fi­car­si ma­li­zio­si uti­liz­zi fu­tu­ri del­le per­di­te pre­gres­se che il le­gi­sla­to­re vuo­le evitare. L'ul­te­rio­re no­vi­tà sul­la te­ma­ti­ca è da­ta dal­la re­cen­te ri­spo­sta all'in­ter­ro­ga­zio­ne par­la­men­ta­re pro­po­sta dall'ono­re­vo­le Fo­ti, del­lo scor­so 20 set­tem­bre, con la qua­le il MEF ha fi­nal­men­te ri­sol­to il dub­bio, chia­ren­do che sot­to il pro­fi­lo del­la de­tas­sa­zio­ne del­le so­prav­ve­nien­ze at­ti­ve, il con­cor­da­to in con­ti­nui­tà in­di­ret­ta e quel­lo li­qui­da­to­rio so­no per­fet­ta­men­te iden­ti­ci, pro­prio per­ché in en­tram­bi

«Nel­la pra­ti­ca pro­fes­sio­na­le, il con­cor­da­to di ri­sa­na­men­to ha avu­to mol­to più suc­ces­so ri­spet­to a quel­lo li­qui­da­to­rio, in vir­tù dell'as­sen­za di per­cen­tua­li mi­ni­me da ri­co­no­sce­re ai cre­di­to­ri chi­ro­gra­fa­ri e que­sta van­tag­gio­sa cir­co­stan­za ha fat­to sì che, nel tem­po, si sia­no svi­lup­pa­ti va­ri sche­mi di “con­ti­nui­tà” al­ter­na­ti­vi alla mo­da­li­tà li­qui­da­to­ria, che, nel­la so­stan­za, pre­ve­do­no l'ab­ban­do­no del­la con­ce­zio­ne da le­gal en­ti­ty (chi con­ti­nua è la so­cie­tà in cri­si) e lo spo­sta­men­to sul con­cet­to di azien­da (ciò che con­ti­nua è il bu­si­ness)»

gli sce­na­ri le im­pre­se per­do­no di fat­to la pro­pria ope­ra­ti­vi­tà e ces­sa­no di esi­ste­re.

Ne con­se­gue quin­di che, in ogni ti­po­lo­gia di con­cor­da­to qua­li­fi­ca­bi­le co­me “in con­ti­nui­tà in­di­ret­ta”, nes­sun pre­ven­ti­vo scom­pu­to di per­di­te pre­gres­se, ACE o in­te­res­si pas­si­vi, do­vrà es­se­re ef­fet­tua­to, per l'in­trin­se­ca as­sen­za di im­po­ni­bi­li fu­tu­ri e per­tan­to le so­prav­ve­nien­ze da esde­bi­ta­zio­ne sa­ran­no in­te­gral­men­te de­tas­sa­te. Que­sta con­di­vi­si­bi­le ri­spo­sta da par­te del Mef ne con­tie­ne in real­tà anche un'al­tra, re­la­ti­va a chi sia, nel con­cor­da­to in con­ti­nui­tà in­di­ret­ta, il sog­get­to “ti­to­la­re” del­la fi­sca­li­tà pre­gres­sa. Vie­ne in­fat­ti con­fer­ma­to il di­nie­go alla pos­si­bi­li­tà che il su­ben­tro da par­te del ter­zo as­sun­to­re/ac­qui­ren­te dell'azien­da si­gni­fi­chi anche su­ben­tro nel­le po­si­zio­ni fi­sca­li dell'im­pre­sa in con­cor­da­to (per­di­te pre­gres­se, ecc.), che quin­di re­sta­no di com­pe­ten­za esclu­si­va di quest'ul­ti­ma.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.