Gli an­zia­ni e il dia­be­te/II par­te

Un even­to acu­to, che in un sog­get­to in buo­na sa­lu­te può es­se­re ra­pi­da­men­te ed ef­fi­ca­ce­men­te con­trol­la­to, in uno fra­gi­le può por­ta­re a gra­vi con­se­guen­ze

Costozero - - Sommario - Di G. Fa­ta­ti

La ma­lat­tia dia­be­ti­ca è in co­stan­te au­men­to e rap­pre­sen­ta, se­con­do l'OMS, un ri­le­van­te pro­ble­ma di sa­lu­te pub­bli­ca tan­to da far par­te di quel ri­stret­to no­ve­ro di ma­lat­tie cro­ni­che di­ve­nu­te prio­ri­ta­rie nell'agen­da dei de­ci­so­ri mon­dia­li. I ca­si di dia­be­te so­no per il 90% del ti­po 2 - che in­sor­ge pre­va­len­te­men­te in età adul­ta - e, quin­di, de­sti­na­ti ad au­men­ta­re con­si­de­ran­do l'in­cre­men­to del­la vi­ta me­dia. Il mi­glio­ra­men­to del­le te­ra­pie, l'al­lun­ga­men­to del­la so­prav­vi­ven­za del­le per­so­ne con dia­be­te, la qua­li­tà dell'as­si­sten­za e la pos­si­bi­li­tà di an­ti­ci­pa­re la dia­gno­si so­no al­tri fat­to­ri che in­ci­do­no sull'in­cre­men­to dei sog­get­ti dia­be­ti­ci. In Ita­lia su 100 per­so­ne af­fet­te da dia­be­te, 70 han­no più di 65 e 40 più di 75 an­ni. Nell'an­zia­no la“fra­gi­li­tà” è con­di­zio­ne ca­rat­te­riz­za­ta da una ri­du­zio­ne del­la ri­ser­va fun­zio­na­le con in­cre­men­to del­la vul­ne­ra­bi­li­tà età-di­pen­den­te. Que­sto si­gni­fi­ca che un even­to acu­to, che in un sog­get­to in buo­na sa­lu­te può es­se­re ra­pi­da­men­te ed ef­fi­ca­ce­men­te con­trol­la­to, in un sog­get­to fra­gi­le può por­ta­re a gra­vi con­se­guen­ze. È il ca­so del­lo scom­pen­so gli­co-me­ta­bo­li­co acu­to, sia in­te­so co­me iper­gli­ce­mia, sia so­prat­tut­to co­me ipo­gli­ce­mia. Per ipo­gli­ce­mia si in­ten­de un va­lo­re di gli­ce­mia in­fe­rio­re a 70 mg/dl. La va­lu­ta­zio­ne del ri­schio di ipo­gli­ce­mia e la sua pre­ven­zio­ne so­no stru­men­ti fon­da­men­ta­li per un cor­ret­to per­cor­so di dia­gno­si e te­ra­pia, da va­lo­riz­za­re in con­si­de­ra­zio­ne del­le ri­ca­du­te pra­ti­che. I prin­ci­pa­li fat­to­ri di ri­schio di ipo­gli­ce­mia nell'an­zia­no so­no l'età avan­za­ta, la mal­nu­tri­zio­ne, le ma­lat­tie acu­te in­ter­cor­ren­ti, l'iso­la­men­to so­cia­le, l'as­sun­zio­ne di po­li­te­ra­pia e la de­pres­sio­ne. Al con­tra­rio di quan­to av­vie­ne per al­tri fat­to­ri di ri­schio, l'ipo­gli­ce­mia ha ef­fet­ti de­ci­sa­men­te ne­ga­ti­vi sull'ap­pa­ra­to car­dio­va­sco­la­re. Po­trem­mo di­re che nel pa­zien­te an­zia­no si ma­ni­fe­sta la co­sid­det­ta“sin­dro­me me­ta­bo­li­ca in­ver­sa”: l'iper­gli­ce­mia, l'obe­si­tà, l'iper­ten­sio­ne ar­te­rio­sa e l'in­su­li­no­re­si­sten­za non so­no più pre­dit­to­ri di mor­ta­li­tà ma al con­tra­rio di so­prav­vi­ven­za.

Es­sen­do il ri­schio di ipo­gli­ce­mia più ele­va­to nei pa­zien­ti più an­zia­ni, una scelta ocu­la­ta dei tar­get te­ra­peu­ti­ci può es­se­re un ele­men­to chia­ve per modificare la pro­gno­si car­dio­va­sco­la­re.

Per que­sti mo­ti­vi so­no sta­ti pro­po­sti stan­dard di emo­glo­bi­na gli­ca­ta (HBA1c) me­no ri­gi­di per le per­so­ne con dia­be­te non più giovani. L'emo­glo­bi­na gli­ca­ta per­met­te di sa­pe­re se la gli­ce­mia ha su­pe­ra­to i li­mi­ti ac­cet­ta­bi­li. Se­con­do i nuovi stan­dard ita­lia­ni, gli obiet­ti­vi di emo­glo­bi­na gli­ca­ta po­tran­no es­se­re più am­bi­zio­si per pa­zien­ti au­to­suf­fi­cien­ti, in con­di­zio­ni ge­ne­ra­li buo­ne e aspet­ta­ti­va di vi­ta di al­me­no 8-10 an­ni (HbA1c% 7.0 – 7.5%).

Ne­gli an­zia­ni fra­gi­li, nei qua­li il ri­schio di ipo­gli­ce­mia è al­to, è ap­pro­pria­to un obiet­ti­vo me­no re­strit­ti­vo, pari ad un va­lo­re di HbA1c% tra 8.0 e 8.5%. Estre­ma­men­te in­te­res­san­te la pro­po­sta sta­tu­ni­ten­se del De­part­ment of Ve­te­ran Affairs, che di­re­zio­na gli obiet­ti­vi gli­ce­mi­ci sul­la gui­da del­le co­mor­bi­di­tà e del­le com­pli­can­ze mi­cro­va­sco­la­ri ar­ri­van­do a con­si­de­ra­re ac­cet­ta­bi­li, in par­ti­co­la­ri ca­si, anche va­lo­ri di HBa1c fi­no al 9%.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.