Ste­fa­nia Ri­nal­di: «Con un buon son­no, an­che la crea­ti­vi­tà mi­glio­ra»

Costozero - - Sommario - In­ter­vi­sta a S. Ri­nal­di

La mis­sion del Ri­nal­di Group è ca­pi­re e an­ti­ci­pa­re i bi­so­gni dei con­su­ma­to­ri, og­gi sem­pre più in­for­ma­ti e at­ten­ti. Gra­zie a un pro­fon­do e se­rio im­pe­gno, l'azien­da di Gif­fo­ni Val­le Pia­na è in gra­do di of­fri­re al mer­ca­to ben 8 pro­dot­ti scien­ti­fi­ca­men­te te­sta­ti sull'er­go­no­mia e sul com­fort, 2 di que­sti do­ta­ti di una tec­no­lo­gia og­get­to di bre­vet­to

At­tor­no al son­no gi­ra­no le vi­ti del­le vi­te uma­ne. E pro­prio al son­no, la Ri­nal­di Group ha de­di­ca­to un ap­pro­fon­di­men­to scien­ti­fi­co lun­go due gior­ni. Co­me è na­ta que­sta ini­zia­ti­va e che ri­scon­tri ha ot­te­nu­to?

Que­sta ini­zia­ti­va è un so­gno nel cas­set­to, che da mol­ti an­ni ac­com­pa­gna il mio agi­re co­me “im­pren­di­tri­ce del son­no”. La mol­la che mi ha spin­to a far­lo di­ven­ta­re un pro­get­to, pe­rò, è scat­ta­ta du­ran­te un mio viag­gio a Cre­ta do­ve so­no ri­ma­sta af­fa­sci­na­ta da co­me si svol­ge­va la vi­ta nel pa­laz­zo di Cnos­so so­prat­tut­to nel­la zo­na not­te. La cu­rio­si­tà di sco­pri­re co­me dor­mis­se­ro nell'an­ti­chi­tà mi ha con­dot­to, al mio rien­tro in Ita­lia, più vol­te a Pae­stum per am­mi­ra­re i tem­pli e im­ma­gi­na­re co­me ri­po­sas­se­ro, nell'An­ti­ca Po­sei­do­nia, i co­lo­ni gre­ci ai tem­pi del lo­ro in­se­dia­men­to in Ita­lia. Suc­ces­si­va­men­te, in una del­le mie vi­si­te, so­no ri­ma­sta esta­sia­ta dal­la pas­sio­ne e dall'emo­zio­ne con cui il di­ret­to­re del Par­co Ar­cheo­lo­gi­co di Pae­stum, Ga­briel Zu­ch­trie­gel, pre­sen­ta­va la Tom­ba del Tuf­fa­to­re. Fon­da­men­ta­le per lo svi­lup­po e la rea­liz­za­zio­ne di que­sto pro­get­to, pe­rò, è sta­ta la col­la­bo­ra­zio­ne scien­ti­fi­ca che ab­bia­mo con l'Uni­ver­si­tà de­gli Stu­di di Sa­ler­no, al­la qua­le si è ag­giun­to lo spi­ri­to ar­den­te di di­vul­ga­zio­ne cul­tu­ra­le che è pro­prio del Par­co Ar­cheo­lo­gi­co di Pae­stum. Da un la­to, gra­zie al sup­por­to e al­le al­te com­pe­ten­ze tec­ni­che dei pro­fes­sor An­ge­lo Me­ria­ni e Ales­san­dro Nad­deo sia­mo riu­sci­ti a crea­re un co­mi­ta­to scien­ti­fi­co mul­ti­di­sci­pli­na­re, co­sì da ar­ti­co­la­re tre ses­sio­ni in­tor­no al te­ma del son­no; dall'al- tro la­to, gra­zie all'en­tu­sia­smo del di­ret­to­re Zu­ch­trie­gel e del re­spon­sa­bi­le dell'Uf­fi­cio Tu­te­la, Ri­cer­ca e Sca­vi, Fran­ce­sco Ulia­no Scel­za, sia­mo riu­sci­ti a far vi­ve­re una par­te di que­sto even­to nel cuo­re di Pae­stum, cul­la del­la no­stra ci­vil­tà. Mol­ti so­no sta­ti i con­tat­ti che ab­bia­mo ri­ce­vu­to da do­cen­ti, ri­cer­ca­to­ri e cul­to­ri di di­ver­se ma­te­rie che ap­pro­fon­di­sco­no gli stu­di sul son­no, dall'am­bi­to uma­ni­sti­co, a quel­li sto­ri­co-ar­ti­sti­co, scien­ti­fi­co e tec­no­lo­gi­co. Que­sta eco ci in­co­rag­gia a dar se­gui­to al so­gno nel cas­set­to, non so­lo a pro­por­re una nuo­va edi­zio­ne del work­shop ma an­che a dar vi­ta a qual­co­sa di più gran­de, che mi au­gu­ro di po­ter­vi rac­con­ta­re pre­sto.

Da un pun­to di vi­sta stret­ta­men­te tec­no­lo­gi­co, quan­to è cam­bia­to il no­stro mo­do di dor­mi­re?

Ne­gli ul­ti­mi 20 an­ni il mer­ca­to del ma­te­ras­so ha su­bi­to un'evo­lu­zio­ne im­pen­sa­bi­le, al­me­no fi­no al­la fi­ne de­gli an­ni '80. Si è pas­sa­ti dal tra­di­zio­na­le ma­te­ras­so com­pat­to, a mol­le, con i due la­ti cli­ma­tiz­za­ti ad un'of­fer­ta sem­pre più am­pia ed ete­ro­ge­nea, con tec­no­lo­gie avan­za­te e ma­te­ria­li in­no­va­ti­vi. L'at­tua­le trend, poi, ve­de i con­su­ma­to­ri di­vi­der­si tra i so­ste­ni­to­ri del­le ma­te­rie pri­me na­tu­ra­li - sia per i ri­ve­sti­men­ti, sia per le strut­tu­re in­ter­ne - e un sem­pre mag­gior nu­me­ro di uti­liz­za­to­ri di pro­dot­ti a tec­no­lo­gia ibri­da. Da con­si­de­ra­re che i con­su­ma­to­ri, og­gi, so­no sem­pre più in­for­ma­ti sui pro­dot­ti per­ché più con­sa­pe­vo­li dell'im­por­tan­za che il be­nes­se­re ri­ve­ste per la qua­li­tà del­la pro­pria vi­ta. So­no quin­di al­la ri­cer­ca di ma­te­ras­si per­for­man­ti dal pun­to di vi­sta del be­nes­se­re po­stu­ra­le, dell'er­go­no­mia, ma an­che del com­fort com­ples­si­vo per­ce­pi­to. Per in­ten­der­ci: sia­mo pas­sa­ti dall'im- pe­ra­ti­vo ca­te­go­ri­co del ma­te­ras­so ri­gi­do co­sid­det­to “or­to­pe­di­co” ad un ma­te­ras­so sem­pre più per­so­na­liz­za­bi­le nel gra­do di com­fort e ac­co­glien­za.

E i vo­stri pro­dot­ti? Ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni, ad esem­pio, quan­to si so­no evo­lu­ti?

La no­stra mis­sion è ca­pi­re e an­ti­ci­pa­re i bi­so­gni dei con­su­ma­to­ri. I no­stri sfor­zi e i no­stri pro­get­ti in Ri­cer­ca e Svi­lup­po so­no tut­ti orien­ta­ti al co­stan­te rag­giun­gi­men­to di que­sto obiet­ti­vo. Ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni ab­bia­mo in­tra­pre­so una so­li­da col­la­bo­ra­zio­ne scien­ti­fi­ca con l'Uni­ver­si­tà de­gli Stu­di di Sa­ler­no, stu­dian­do sia la ca­rat­te­riz­za­zio­ne dei ma­te­ria­li - po­li­me­ri, nel­lo spe­ci­fi­co - sia la lo­ro in­te­ra­zio­ne e com­bi­na­zio­ne ot­ti­ma­le per dar vi­ta a ma­te­ras­si che sod­di­sfi­no re­qui­si­ti di com­fort se­con­do pa­ra­me­tri og­get­ti­vi e mi­su­ra­bi­li, qua­li il pe­so, l'altezza e la po­stu­ra du­ran­te il son­no. Og­gi sia­mo in gra­do di of­fri­re al mer­ca­to ben 8 pro­dot­ti scien­ti­fi- ca­men­te te­sta­ti sull'er­go­no­mia e sul com­fort e ben 2 di que­sti so­no do­ta­ti di una tec­no­lo­gia og­get­to di bre­vet­to. Non man­ca­no, ov­via­men­te, nel­le no­stre col­le­zio­ni, ma­te­ras­si che co­pro­no le più di­spa­ra­te esi­gen­ze di ri­po­so dei con­su­ma­to­ri: ad ognu­no la sua tec­no­lo­gia, dal­le schiu­me po­li­me­ri­che ai mol­leg­gi in­di­pen­den­ti fi­no al­le mol­le tra­di­zio­na­li e al­le strut­tu­re ibri­de.

So­li­da e frut­tuo­sa è la col­la­bo­ra­zio­ne scien­ti­fi­ca del vo­stro Grup­po con il Di­par­ti­men­to di In­ge­gne­ria In­du­stria­le (DIIN) dell'Uni­ver­si­tà di Sa­ler­no. Al mo­men­to qua­li so­no i pro­get­ti di stu­dio in can­tie­re e qua­li le idee per il pros­si­mo fu­tu­ro?

Que­sta col­la­bo­ra­zio­ne è mo­ti­vo di gran­di sod­di­sfa­zio­ni per la Ri­nal­di Group. Ba­sti pen­sa­re che gli stu­di rea­liz­za­ti con­giun­ta­men­te ci so­no val­si la pub­bli­ca­zio­ne su di­ver­se ri­vi­ste ac­ca­de­mi­che, la re­gi­stra­zio­ne di due bre­vet­ti e la par­te­ci­pa­zio­ne co­me ca­se stu­dy nel Pri­mo In­ter­na­tio­nal Com­fort Con­gress, te­nu­to­si

nel 2017 pro­prio nel no­stro Ate­neo or­ga­niz­za­to dal pro­fes­sor Nad­deo del Di­par­ti­men­to di In­ge­gne­ria In­du­stria­le. La se­con­da edi­zio­ne si ter­rà pres­so l'Uni­ver­si­tà di DELFT nell'ago­sto del 2019. Un pro­get­to in di­ve­ni­re ri­guar­da uno stu­dio mol­to più am­pio, ap­pro­fon­di­to e mul­ti­di­sci­pli­na­re sul son­no: l'even­to-pi­lo­ta è sta­to il pri­mo work­shop sul Son­no“Più di ogni co­sa dor­mia­mo”, che ab­bia­mo avu­to il pia­ce­re di or­ga­niz­za­re e rea­liz­za­re lo scor­so ot­to­bre sia pres­so l'Uni­ver­si­tà di Sa­ler­no, sia pres­so il Par­co Ar­cheo­lo­gi­co di Pae­stum. Da non di­men­ti­ca­re, poi, che la ri­cer­ca pro­se­gue an­che sul­le ma­te­rie pri­me: il mer­ca­to è sem­pre più at­ten­to a te­ma­ti­che e pro­dot­ti green, eco­so­ste­ni­bi­li ed eco­com­pa­ti­bi­li. Eti­ca­men­te e pro­fes­sio­nal­men­te, ri­te­nia­mo un do­ve­re an­da­re an­che in que­sta di­re­zio­ne.

Og­gi si vi­ve più a lun­go, ma si ini­zia a vi­ve­re più tar­di. Dor­mi­re e far­lo be­ne è una ri­sor­sa per vi­ve­re me­glio?

Il son­no è uno dei tre se­gre­ti del be­nes­se­re, in­sie­me all'ali­men­ta­zio­ne e all'at­ti­vi­tà spor­ti­va. Sem­pre più il son­no è stu­dia­to da cen­tri di ri­cer­ca spe­cia­liz­za­ti e i ri­sul­ta­ti del­le in­da­gi­ni so­no sor­pren­den­ti. Per lo psi­co­lo­go Ma­slow, il son­no si col­lo­ca al­la ba­se del­la Ge­rar­chia dei Bi­so­gni dell'es­se­re uma­no: il son­no è un bi­so­gno pri­ma­rio, co­sì co­me il ci­bo, l'ac­qua, l'aria. Pe­rò men­tre sul ci­bo, sull'ac­qua, sull'aria sia­mo ben in­for­ma­ti, ver­reb­be da chie­der­si co­me mai non sia­mo co­sì tan­to in­for­ma­ti e in­te­res­sa­ti al te­ma del son­no. Se so­lo fos­si­mo più at­ten­ti al­la qua­li­tà del tem­po che de­di­chia­mo al ri­po­so, vi­sto che tra­scor­ria­mo in me­dia ven­ti­cin­que an­ni del­la no- stra vi­ta sul ma­te­ras­so, il feed­back che avrem­mo in cam­bio sa­reb­be di mi­glio­ra­re il no­stro be­nes­se­re quo­ti­dia­no! Dor­mi­re be­ne è una ri­sor­sa mol­to pre­zio­sa per vi­ve­re me­glio e sug­ge­ri­sco sem­pre a tut­ti di te­ne­re in con­si­de­ra­zio­ne il decalogo per la cor­ret­ta igie­ne del son­no. Un va­de­me­cum se­con­do me in­di­spen­sa­bi­le per man­te­ne­re sa­ne le abi­tu­di­ni di ri­po­so.

Ha so­lo 3 ag­get­ti­vi per rac­con­ta­re la sua azien­da. Qua­li sce­glie?

In­no­va­ti­va, ap­pas­sio­na­ta, ita­lia­na.

E la sua per­so­na­le e pro­fes­sio­na­le espe­rien­za nel Co­mi­ta­to Fem­mi­ni­le di Con­fin­du­stria Sa­ler­no co­me la de­scri­ve?

L'espe­rien­za co­me pre­si­den­te e pa­st pre­si­dent nel Co­mi­ta­to è in­de­scri­vi­bi­le ed en­tu­sia­sman­te e in ter­mi­ni di rap­por­ti uma­ni ir­ri­pe­ti­bi­le! Gli in­nu­me­re­vo­li per­cor­si for­ma­ti­vi or­ga­niz­za­ti nel tem­po han­no da­to l'op­por­tu­ni­tà di mi­glio­ra­re le skills in­di­vi­dua­li au­men­tan­do al con­tem­po il pub­bli­co di ami­che/i e colleghe/i con le qua­li ab­bia­mo con­di­vi­so mo­men­ti uni­ci e di gran­de sod­di­sfa­zio­ne. Im­pos­si­bi­le rac­con­ta­re tut­to in co­sì po­che ri­ghe. In­te­res­san­tis­si­mo il pro­get­to in­ter­na­zio­na­le R&I Peers sul­la Gen­der Equa­li­ty fi­nan­zia­to da Ho­ri­zon 2020, che con la pre­si­den­te Alessandra Pe­do­ne por­tia­mo avan­ti. Il pro­get­to ve­de la par­te­ci­pa­zio­ne di Oge­po - UNISA, in qua­li­tà di ca­po­fi­la, pre­sie­du­ta da Ma­ria Ro­sa­ria Pe­liz­za­ri e la par­te­ci­pa­zio­ne del­la pro­fes­so­res­sa In­car­na­to do­cen­te UNISA, gli al­tri part­ner so­no CNR e al­tri en­ti di ri­cer­ca e uni­ver­si­tà di Israe­le, Tu­ni­sia, Spa­gna, Ci­pro, Gre­cia, Bel­gio. Il 6/7 no­vem­bre scor­si sia­mo sta­ti a Ro­ma ospi­ti del CNR per con­ti­nua­re il no­stro per­cor­so di ap­pro­fon­di­men­to sul te­ma, che du­re­rà cir­ca quat­tro an­ni. Una nuo­va ex­per­ti­se è sta­to il Mu­tual Lear­ning, un me­to­do in­no­va­ti­vo che at­tra­ver­so un fa­ci­li­ta­tor e un soft­ware ac­ce­le­ra e sin­te­tiz­za il con­tri­bu­to di idee che ogni part­ner pro­po­ne com­bi­nan­do e in­te­gran­do le varie so­lu­zio­ni. Al­la fi­ne del con­te­st i part­ner se­le­zio­na­no l'idea che rac­co­glie più ade­sio­ni! Ap­pro­fit­to per rin­gra­zia­re quan­ti han­no cre­du­to e cre­do­no an­co­ra og­gi nel Co­mi­ta­to par­te­ci­pan­do al­le nu­me­ro­se ini­zia­ti­ve mes­se in cam­po dal­la no­stra pre­si­den­te Pe­do­ne.

Il prof. Clau­dio Az­za­ra e Ste­fa­nia Ri­nal­di in una fa­se del work­shop

Ste­fa­nia Ri­nal­di e il prof. Fe­ri­ni Stram­bi, di­ret­to­re del­lo Sleep Di­sor­der Cen­ter e mem­bro del Se­na­to Ac­ca­de­mi­co dell'Uni­ver­si­tà Vi­ta-Sa­lu­te San Raf­fae­le di Mi­la­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.