A Na­ta­le non è mai una que­stio­ne di sol­di

Il re­ga­lo più bel­lo è quel­lo dav­ve­ro pen­sa­to per il de­sti­na­ta­rio, non quel­lo che ri­flet­te sol­tan­to le pas­sio­ni del mit­ten­te

Costozero - - Sommario - BON TON di N. San­ti­ni

Sce­glien­do, vent'an­ni fa, di fa­re del­la mia pas­sio­ne per le buo­ne ma­nie­re un me­stie­re, mi so­no fat­to una pro­mes­sa: non ren­de­re mai lo sti­le una que­stio­ne di sol­di. Seb­be­ne la pa­ro­la sti­le di per sé ven­ga spes­so spe­sa a spro­po­si­to, se la uso io, è sem­pre per de­scri­ve­re mo­di di fa­re, di espri­mer­si, di agi­re, mai per osan­na­re un out­fit o un in­ter­no di­se­gna­to con au­to­cad. A scan­so di equi­vo­ci: non lo use­rei mai co­me ha­sh­tag e, men che me­no, pro­cla­me­rei che la vi­ta è sol­tan­to una que­stio­ne di sti­le. Ma lad­do­ve si cer­ca di tra­sfor­ma­re una tra­di­zio­ne in un mo­men­to di al­to con­su­mo, non tro­vo una pa­ro­la più adat­ta per da­re il so­lo con­si­glio che di Na­ta­le in Na­ta­le non mi stan­co di ri­pe­te­re: i re­ga­li più bel­li non so­no mai una que­stio­ne di sol­di, so­no una que­stio­ne di sti­le. Quan­do uno non sa co­me di­sprez­za­re un re­ga­lo ha su­bi­to la fra­se pron­ta: “mi ser­vi­va pro­prio”. For­se per que­sto abor­ro i re­ga­li uti­li, per quel­li non c'è da aspet­ta­re il Na­ta­le; mi sca­te­no con quel­li fri­vo­li, per­ché nel­la vi­ta c'è bi­so­gno di leg­ge­rez­za: un vi­no par­ti­co­la­re, un for­mag­gio che vie­ne da lon­ta­no, un lan­cio col pa­ra­ca­du­te o una pas­seg­gia­ta a ca­val­lo. Sì, si re­ga­la an­che un'espe­rien­za, se pia­ce, se si ha cer­tez­za di fa­re cen­tro, se il re­ga­lo è dav­ve­ro pen­sa­to per il de­sti­na­ta­rio e non ri­flet­te sol­tan­to le pas­sio­ni del mit­ten­te. E poi c'è (e lo tro­via­mo) il tem­po: quel­lo di cuo­ce­re una te­glia di bi­scot­ti, di fa­re una fo­cac­cia in ca­sa per l'an­ti­vi­gi­lia, di ra­pi­re qual­cu­no per una gi­ta di un gior­no che non ne­ces­sa­ria­men­te con­tem­pli una not­te in al­ber­go (con re­la­ti­vi co­sti), o di met­te­re un na­stro a un ba­rat­to­lo di oli­ve ri­ci­cla­to che ospi­ta una mar­mel­la­ta fat­ta in ca­sa du­ran­te le sta­gio­ni più cal­de. É un tem­po pa­ren­te di emo­zio­ni, pas­sio­ni e de­di­zio­ne, più ele­gan­te, pre­zio­so e si­gni­fi­ca­ti­vo del tour de for­ce per ne­go­zi al­la ri­cer­ca del tut­to per tut­ti co­sì ran­dom da far pas­sa­re la vo­glia. Au­gu­ri di cuo­re.

ph/Ch­ri­stian Ciar­del­la Ni­co­la San­ti­ni esper­to di ga­la­teo, co­stu­me e so­cie­tà

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.