Ma­gi­stra­tu­ra e bu­ro­cra­zia ita­lia­na, tra ma­li en­de­mi­ci e at­ti­vi­tà am­mi­ni­stra­ti­va «di­fen­si­va»

Costozero - - Sommario - Di L. M. D'An­gio­lel­la

Ciò che sul pia­no giu­di­zia­rio è fi­sio­lo­gi­co, a vol­te non lo è su quel­lo eco­no­mi­co, per­ché ta­lu­ne in­da­gi­ni han­no por­ta­to mol­ti im­pren­di­to­ri a chiu­de­re l'at­ti­vi­tà per poi ve­ni­re as­sol­ti e mol­ti fun­zio­na­ri a te­me­re di es­se­re coin­vol­ti, crean­do in un cor­po bu­ro­cra­ti­co, ral­len­ta­to da leg­gi com­ples­se, un tas­so di pa­vi­di­tà che ren­de il si­ste­ma Ita­lia in de­cli­no

Ci si è oc­cu­pa­ti già in pas­sa­to del ral­len­ta­men­to dell'in­ce­de­re del­la P.A., e la si è in­di­vi­dua­ta nel­la com­ples­si­tà di leg­gi e re­go­la­men­ti, e chie­den­do che la po­li­ti­ca espri­ma dav­ve­ro una for­te vo­lon­tà di sem­pli­fi­ca­zio­ne.

Cer­to sem­pli­fi­ca­re un am­mas­so di bu­ro­cra­zie di­ver­si­fi­ca­te (a più stra­ti cen­tra­li e lo­ca­li in Ita­lia, per non par­la­re di quel­le eu­ro­pee) è dif­fi­ci­le, né la sem­pli­fi­ca­zio­ne può es­se­re sol­tan­to (se fos­se sem­pre pos­si­bi­le) una ri­du­zio­ne quan­ti­ta­ti­va dei pro­ce­di­men­ti, o ad­di­rit­tu­ra del nu­me­ro del­le nor­me.

Ne­gli ul­ti­mi tem­pi le ri­fles­sio­ni ri­guar­da­no pe­rò an­che al­tri ele­men­ti che ca­rat­te­riz­za­no in negativo il Si­ste­ma Ita­lia, ri­spet­to agli al­tri pae­si eu­ro­pei (o al­la mag­gio­ran­za di es­si) e cioè al rap­por­to tra bu­ro­cra­zia e ma­gi­stra­tu­ra sia es­sa pe­na­le o con­ta­bi­le.

Nel ca­so di in­chie­ste per le gran­di in­fra­strut­tu­re, es­se tal­vol­ta sup­por­ta­no l'agi­re del­la Pub­bli­ca Am­mi­ni­stra­zio­ne. È suc­ces­so per ri­co­strui­re il Pon­te Mo­ran­di, ad esem­pio, con il Sindaco/Com­mis­sa­rio di Go­ver­no, che può far uso di­sin­vol­to de­gli ap­pal­ti a trat­ta­ti­va pri­va­ta. Al­lo stes­so mo­do è suc­ces­so per l'EX­PO di Mi­la­no.

È un pri­mo se­gna­le: l'in­da­gi­ne pe­na­le o por­ta a con­se­guen­ze ir­re­ver­si­bi­li (ma so­prat­tut­to per pic­co­le e me­die im­pre­se) op­pu­re, ma per le gran­di in­fra­strut­tu­re o azien­de, tal­vol­ta sbloc­ca la si­tua­zio­ne, fa ac­cet­ta­re ri­me­di straor­di­na­ri, al­tri­men­ti vi­sti con so­spet­to. L'espe­rien­za di ogni gior­no, poi, evi­den­zia un mo­do di am­mi­ni­stra­re “di­fen­si­vo” da par­te di fun­zio­na­ri e di­ri­gen­ti.

Non si am­mi­ni­stra o si bloc­ca la pra­ti­ca pre­oc­cu­pan­do­si più del

«Non si am­mi­ni­stra o si bloc­ca la pra­ti­ca pre­oc­cu­pan­do­si più del Giudice pe­na­le che di un'azio­ne ri­sar­ci­to­ria del pri­va­to»

Giudice pe­na­le che di un'azio­ne ri­sar­ci­to­ria del pri­va­to. Ma al­lo­ra in Ita­lia am­mi­ni­stra­no le Pro­cu­re?

Ri­te­nia­mo che sia an­che que­sta una par­te del pro­ble­ma, as­sie­me ad al­tri che ral­len­ta­no i pro­ces­si, in un'epo­ca in cui la di­na­mi­ca tem­pi spes­so è de­ci­si­va per idee, ini­zia­ti­ve e im­pre­se.

Ciò per una po­li­ti­ca de­bo­le.

A vol­te, ad­di­rit­tu­ra al­la po­li­ti­ca ha fat­to co­mo­do l'in­ter­ven­to del­le Pro­cu­re e tut­to­ra la sup­plen­za dell'ap­pa­ra­to giu­di­zia­rio è in­vo­ca­ta e il re­cen­te ca­so dell'IL­VA di Ta­ran­to in­se­gna.

E poi, al­tri ef­fet­ti a ca­te­na.

Le so­li­te di­chia­ra­zio­ni del­le im­pre­se che de­lo­ca­liz­za­no san­no di ipo­cri­sia se e quan­do la giu­sti­fi­ca­zio­ne so­no le mi­no­ri ali­quo­te fi­sca­li, o il mi­nor co­sto del la­vo­ro. In real­tà mol­te scap­pa­no an­che al­la ri­cer­ca di una ma­gi­stra­tu­ra me­no in­va­si­va. Ciò che sul pia­no giu­di­zia­rio è fi­sio­lo­gi­co, a vol­te non lo è sul pia­no eco­no­mi­co, per­ché ta­lu­ne in­da­gi­ni han­no por­ta­to mol­ti im­pren­di­to­ri a chiu­de­re

«For­se è giun­to il mo­men­to che la Po­li­ti­ca prov­ve­da a far sì che l'ini­zia­ti­va eco­no­mi­ca sia pro­tet­ta, scin­den­do le re­spon­sa­bi­li­tà de­gli am­mi­ni­stra­to­ri dal­le at­ti­vi­tà azien­da­li e quel­le dei fun­zio­na­ri dai pro­ce­di­men­ti am­mi­ni­stra­ti­vi da adot­ta­re»

l'at­ti­vi­tà per poi ve­ni­re as­sol­ti e mol­ti fun­zio­na­ri a te­me­re di es­se­re coin­vol­ti, crean­do in un cor­po bu­ro­cra­ti­co, già di per sé non straor­di­na­rio per cul­tu­ra e for­za (con le do­vu­te na­tu­ra­li ec­ce­zio­ni), ral­len­ta­to da leg­gi com­ples­se, un tas­so di pa­vi­di­tà che ren­de il si­ste­ma Ita­lia di­ver­so, e per for­za in de­cli­no. For­se è giun­to il mo­men­to che la Po­li­ti­ca (vo­lu­ta­men­te so­lo ora si usa l'ini­zia­le ma­iu­sco­la) prov­ve­da a far sì che l'ini­zia­ti­va eco­no­mi­ca sia pro­tet­ta, scin­den­do le re­spon­sa­bi­li­tà de­gli am­mi­ni­stra­to­ri dal­le at­ti­vi­tà azien­da­li, e quel­le dei fun­zio­na­ri dai pro­ce­di­men­ti am­mi­ni­stra­ti­vi da adot­ta­re.

È ora che pro­mul­ghi leg­gi che fa­vo­ri­sca­no di più san­zio­ni pa­tri­mo­nia­li per­so­na­li ri­spet­to a quel­le azien­da­li, che so­no il cuo­re e i pol­mo­ni dell'Ita­lia. È il mo­men­to, an­che di raf­for­za­re, cer­to, la Ma­gi­stra­tu­ra pe­na­le e con­ta­bi­le per per­met­te­re pro­ces­si ve­lo­ci e giu­sti, ma an­che per im­pe­di­re pe­ri­co­lo­se in­va­sio­ni di cam­po ed ef­fet­ti col­la­te­ra­li che van­no al di là del­la cor­ret­ta azio­ne giu­di­zia­ria.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.