Un ra­gaz­zo pa­ra­liz­za­to, una don­na bru­cia­ta... è la lo­gi­ca del giu­sti­zie­re

Dire Oggi - - Da Prima Pagina - Di Ni­co Per­ro­ne

RO­MA - Si­gni­fi­che­rà pu­re qual­co­sa. I ca­si or­mai non si con­ta­no più, ogni gior­no ac­ca­de qual­co­sa di ter­ri­bi­le. Una re­la­zio­ne in­ter­rot­ta e non ac­cet­ta­ta che fi­ni­sce con l'uc­ci­sio­ne di chi ha det­to ba­sta. Una ris­sa den­tro un pub o una di­sco­te­ca, che fi­ni­sce fuo­ri a col­pi di col­tel­lo o di pi­sto­la. Ul­ti­me vit­ti­me la gio­va­ne com­mes­sa di Ver­cel­li bru­cia­ta nel­la sua au­to dall'ex aman­te, mai ras­se­gna­to e più vol­te de­nun­cia­to, e la gio­va­ne pro­mes­sa del nuo­to ita­lia­no che ri­mar­rà pa­ra­liz­za­ta do­po es­se­re sta­ta fe­ri­ta a col­pi di pi­sto­la per­ché scam­bia­ta per un al­tro ra­gaz­zo. Tan­ti ca­si, che si mol­ti­pli­ca­no. Ve­ro che or­mai c'è ma­les­se­re, rab­bia, una di­spe­ra­zio­ne che al­cu­ne for­ze po­li­ti­che ca­val­ca­no a sco­po elet­to­ra­le. Ma più pri­ma che poi bi­so­gne­rà fa­re ar­gi­ne a que­sta de­ri­va, in­ter­ve­ni­re a ogni li­vel­lo per fer­ma­re que­sta lo­gi­ca del giu­sti­zie­re. La­vo­ra­re nel­le scuo­le, far ca­pi­re ai no­stri gio­va­ni co­me ge­sti­re e con­trol­la­re la rab­bia, co­me rea­gi­re an­che a un tor­to su­bi­to. Che la vi­ta, la sa­lu­te di qual­sia­si per­so­na è im­por­tan­te, va sal­va­guar­da­ta. Ma sta­se­ra co­min­cia San­re­mo, e per quat­tro gior­ni pen­se­re­mo so­lo a can­ta­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.