La­vo­ro sem­pre più pre­ca­rio Tri­pli­ca­no le fu­ghe all'este­ro

Dire Oggi - - News - Di Fe­de­ri­co Sor­ren­ti­no

RO­MA - Di la­vo­ro è sem­pre più dif­fi­ci­le vi­ve­re. Ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni l'Ita­lia ha in­cre­men­ta­to l'oc­cu­pa­zio­ne di 125mi­la uni­tà ma si trat­ta di po­si­zio­ni «a bas­sa in­ten­si­tà la­vo­ra­ti­va»; tri­pli­ca in­ve­ce la fet­ta di co­lo­ro che scel­go­no la fu­ga all'este­ro (115mi­la ri­spet­to ai 40mi­la del 2008). Con­tem­po­ra­nea­men­te, inol­tre, cre­sce la sot­toc­cu­pa­zio- ne. A dir­lo è il rap­por­to sul mer­ca­to del la­vo­ro 2018 re­dat­to da Istat, Inps, Inail, An­pal e mi­ni­ste­ro del La­vo­ro. Tra co­lo­ro che "fug­go­no" spic­ca­no i più qua­li­fi­ca­ti: il 18,8% dei dot­to­ri di ri­cer­ca nel 2014 si è già tra­sfe­ri­to, nel 2010 era il 14,7%. «La quan­ti­tà di la­vo­ro uti­liz­za­to è an­co­ra in­fe­rio­re ai li­vel­li pre-cri­si», ha av­ver­ti­to il re­spon­sa­bi­le del­le sta­ti­sti­che Istat Ro­ber­to Mon­duc­ci. Un oc­cu­pa­to su quat­tro è so­vra-istriui­to, con un'in­ci­den­za che si at­te­nua so­lo con l'età e con l'espe­rien­za la­vo­ra­ti­va. Tra i gio­va­ni, l'età me­dia per il pri­mo in­gres­so nel mer­ca­to del la­vo­ro si at­te­sta at­tor­no ai 22 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.