In Pie­mon­te da so­lo, Sal­vi­ni ten­ta­to dal­lo scac­co a Ber­lu­sco­ni

Dire Oggi - - Da Prima Pagina - di Ni­co Per­ro­ne

RO­MA - Un bi­sbi­glio, tra i par­la­men­ta­ri in­te­res­sa­ti, quel­li che se­guo­no la vi­cen­da. Il lea­der del­la Le­ga in Pie­mon­te po­treb­be cor­re­re da so­lo al­le pros­si­me re­gio­na­li che si ter­ran­no in­sie­me al­le ele­zio­ni Eu­ro­pee del 26 mag­gio. Un az­zar­do che se­gne­reb­be la rot­tu­ra con la vec­chia con­ce­zio­ne del cen­tro­de­stra. So­prat­tut­to, ed è quel­lo che in­te­res­sa a Mat­teo Sal­vi­ni, po­treb­be ren­de­re im­me­dia­ta­men­te evi­den­te che Sil­vio Ber­lu­sco­ni non ti­ra più, che il suo elet­to­ra­to po­treb­be tor­na­re a con­ta­re sot­to le in­se­gne del­la Le­ga. «In Pie­mon­te il cen­tro­de­stra è da­to al 50%, con il cen­tro­si­ni­stra al 25% - ra­gio­na un par­la­men­ta­re di For­za Ita­lia - la Le­ga è al 35% da so­la, noi non ar­ri­via­mo al 10. Sal­vi­ni può vin­ce­re da so­lo e per me ci sta pen­san­do, ec­co­me». Ma per­ché do­vreb­be pre­sen­tar­si da so­lo? In­tan­to per­ché al­le Eu­ro­pee si cor­re con la pro­pria li­sta, quin­di non si fa con­fu­sio­ne; poi per­ché in Pie­mon­te ci so­no con­di­zio­ni che non ri­ca­pi­te­ran­no: Pd an­co­ra de­bo­le, M5S sot­to bot­ta con la Tav, For­za Ita­lia che, si è vi­sto al­le ul­ti­me re­gio­na­li, na­vi­ga sot­to le due ci­fre. Co­sì fa­cen­do, se l'az­zar­do riu­scis­se, si ri­tro­ve­reb­be an­che a da­re una ma­no all'al­lea­to Lui­gi Di Ma­io. In ca­so di vit­to­ria, in­fat­ti, sa­reb­be evi­den­te che il Go­ver­no va avan­ti, che i due re­ste­ran­no in­sie­me an­co­ra a lun­go. Per Sal­vi­ni sa­reb­be an­che una mos­sa vin­cen­te sul fron­te in­ter­no al­la Le­ga. Tra i par­la­men­ta­ri 'gril­li­ni' che dia­lo­ga­no con i col­le­ghi le­ghi­sti è chia­ro che Gior­get­ti la­vo­ra in pro­prio: lui ri­spon­de al­la Le­ga tra­di­zio­na­le dei va­ri Za­ia e Fon­ta­na... quel­la a cui sta­reb­be be­ne an­che ri­tor­na­re al­la vec­chia coa­li­zio­ne di cen­tro­de­stra pur di go­ver­na­re a lun­go. «Gior­get­ti si pre­pa­ra a fa­re il pre­si­den­te del Con­si­glio - di­co­no vo­ci cat­ti­ve - è vo­la­to ne­gli Usa a ras­si­cu­ra­re per se stes­so vi­sto che Sal­vi­ni lì è con­si­de­ra­to al­lea­to di Pu­tin». Per Mat­teo me­glio da­re scac­co, spa­ri­glia­re... per du­ra­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.