Ca­ra­vag­gio a Fi­de­ne con Mon­ta­na­ri La dialettica ba­roc­ca tra lu­ce e om­bra

Dire Oggi - - Teatro | Musica | Incontri -

RO­MA - To­ma­so Mon­ta­na­ri, cer­to «che gli sto­ri­ci dell’ar­te ser­va­no a fa­re en­tra­re le ope­re d’ar­te nel­la vi­ta in­tel­let­tua­le ed emo­ti­va di chi si oc­cu­pa di tutt’al­tro», do­ma­ni nell'Isti­tu­to Com­pren­si­vo Fi­de­nae, ac­com­pa­gne­rà il pub­bli­co in un viag­gio nei qua­dri e nel­le vi­cis­si­tu­di­ni di Mi­che­lan­ge­lo Me­ri­si, det­to Ca­ra­vag­gio. Mon­ta­na­ri, per nul­la in­tri­ga­to dal pet­te­go­lez­zo di quell'uo­mo col­le­ri­co e tur­bo­len­to che si mac­chiò di omi­ci­dio, pun­te­rà i ri­flet­to­ri sul ge­nio del pit­to­re che riu­sci­va a ve­de­re la pie­tà, la pau­ra e la pas­sio­ne e a met­ter­le su te­la. «La sua fa­ma - com­men­ta Mon­ta­na­ri nel do­cu­men­ta­rio La ve­ra na­tu­ra di Ca­ra­vag­gio - è una fa­ma oscil­lan­te, in cer­ti mo­men­ti è sta­to con­dan­na­to co­me un gran­de ere­ti­co, co­me un di­strut­to­re dell'ar­te, co­me una pe­ste. Og­gi in­ve­ce un'enor­me fol­la osan­na Ca­ra­vag­gio co­me una pop­star, so­prat­tut­to co­me un gran­de pro­dot­to di mer­ca­to». L'in­con­tro, a in­gres­so li­be­ro, è or­ga­niz­za­to dal mo­vi­men­to cit­ta­di­no "Gran­de co­me una cit­tà".

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.