Pro­te­si an­ca, 30% in­ter­ven­ti do­vu­ti a man­ca­ta dia­gno­si da bam­bi­ni

Dire Oggi - - Pediatria -

RO­MA - «Il 30% de­gli in­ter­ven­ti per pro­te­si dell'an­ca fat­ti in per­so­ne al di sot­to dei 40 an­ni so­no esi­to di una ma­lat­tia con­ge­ni­ta non ri­co­no­sciu­ta nei pri­mi pe­rio­di del­la vi­ta». A dir­lo è Ri­no Ago­sti­nia­ni, mem­bro del con­si­glio di­ret­ti­vo del­la Sip, che pre­sen­te­rà al 75esi­mo con­gres­so di Pe­dia­tria, dal 29 mag­gio all'1 giu­gno a Bo­lo­gna, un do­cu­men­to di con­sen­so sui com­por­ta­men­ti più op­por­tu­ni per una dia­gno­si pre­co­ce del­la di­spla­sia evo­lu­ti­va dell'an­ca. Un la­vo­ro frut­to di una ta­sk for­ce che rag­grup­pa mem­bri del­la So­cie­tà ita­lia­na di pe­dia­tria, del­la So­cie­tà Ita­lia­na di ra­dio­lo­gia me­di­ca e del­la So­cie­tà Ita­lia­na di or­to­pe­dia pe­dia­tri­ca. «La di­spla­sia evo­lu­ti­va dell'an­ca, una pa­to­lo­gia le­ga­ta a una non cor­ret­ta ar­ti­co­la­zio­ne del­la te­sta fe­mo­ra­le nell'ileo, può com­por­ta­re nelle si­tua­zio­ni più gra­vi ad­di­rit­tu­ra una zop­pia che si evi­den­zia pre­co­ce­men­te. In quel­le me­no gra­vi- continua ilo me­di­co - può por­ta­re a un'ar­tro­si pre­co­ce che può co­strin­ge­re l'in­di­vi­duo ad es­se­re sot­to­po­sto a un in­ter­ven­to di pro­te­si dell'an­ca, già in età re­la­ti­va­men­te gio­va­ni­le». At­tual­men­te in Ita­lia «la si­tua­zio­ne è mol­to con­fu­sa per quel che ri­guar­da l'at­teg­gia­men­to più op­por­tu­no da se­gui­re per fa­re una dia­gno­si pre­co­ce del­la pa­to­lo­gia. Esi­ste una mo­da­li­tà cli­ni­ca, di vi­si­ta del neo­na­to at­tra­ver­so la ma­no­vra di Or­to­la­ni (dal no­me del pe­dia­tra fer­ra­re­se che l'ha idea­ta) fat­ta al­la na­sci­ta a tut­ti i neo­na­ti, che con­sen­te di fa­re una dia­gno­si in un cer­to nu­me­ro di ca­si. Tut­ta­via sap­pia­mo che una quo­ta di si­tua­zio­ni può sfug­gi­re all'esa­me cli­ni­co», ri­ba­di­sce Ago­sti­nia­ni. Nel cor­so de­gli an­ni è sta­ta poi pro­po­sta una tec­ni­ca di ti­po eco­gra­fi­co «per ave­re una dia­gno­si più ac­cu­ra­ta in tem­pi mol­to pre­co­ci- ri­cor­da - e il pre­co­ce è estre­ma­men­te im­por­tan­te. Più e' pre­co­ce la dia­gno­si, più è tem­pe­sti­va la te­ra­pia e mol­to più fa­ci­le e bre­ve sa­rà la ri­so­lu­zio­ne del pro­ble­ma». Sull'uso dell'eco­gra­fia si è «di­scus­so mol­to - pre­ci­sa il mem­bro del con­si­glio di­ret­ti­vo del­la Sip - se uti­liz­zar­la co­me stru­men­to da ri­vol­ge­re a tut­ti i bam­bi­ni, a tut­ti i nuo­vi na­ti, se ri­ser­var­la so­lo al­la ca­te­go­ria più a ri­schio che so­no le femmine, se ri­ser­var­la a tut­ti o an­co­ra so­lo a quel­le si­tua­zio­ni che pre­sen­ta­no fat­to­ri di ri­schio. Nel no­stro pae­se la si­tua­zio­ne è estre­ma­men­te va­rie­ga­ta e le dif­fe­ren­ze non so­no so­lo da re­gio­ne a re­gio­ne, ma da pun­to na­sci­ta a pun­to na­sci­ta. Il ten­ta­ti­vo di que­sta con­sen­sus- fa sa­pe­re Ago­sti­nia­ni - è di met­te­re in­sie­me le co­no­scen­ze mi­glio­ri che at­tual­men­te ci so­no gra­zie al sup­por­to di va­ri spe­cia­li­sti che si oc­cu­pa­no di que­sto pro­ble­ma, per cer­ca­re di da­re una rac­co­man­da­zio­ne di com­por­ta­men­to che con­sen­ta di strut­tu­ra­re un si­ste­ma di dia­gno­si pre­co­ce di que­sta pa­to­lo­gia- con­clu­de- più omo­ge­neo pos­si­bi­le in Ita­lia».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.