In Ve­ne­to è ca­ren­za di pe­dia­tri Due pro­po­ste per col­ma­re gap

Dire Oggi - - News -

RO­MA - In ma­te­ria di pe­dia­tria la Regione Ve­ne­to sta pro­van­do a ri­sol­ve­re l'ec­ces­si­va ca­ren­za di pe­dia­tri. Due le pro­po­ste car­di­ne per sa­na­re que­sto gap: il Pia­no so­cio­sa­ni­ta­rio re­gio­na­le 2019-2023 (Ps­sr), ap­pro­va­to dal Con­si­glio nel di­cem­bre 2018, e ora la «fre­sca pro­po­sta del­la giun­ta re­gio­na­le del Ve­ne­to sul­le nuo­ve sche­de di do­ta­zio­ne ospe­da­lie­ra». Que­ste ul­ti­me pre­ve­do­no, in sin­te­si, 68 ospe­da­li, 754 re­par­ti con al­tret­tan­ti pri­ma­ri, 19.800 po­sti let­to com­ples­si­vi, dei qua­li 17.852 per acu­ti e 1.948 nel­le strut­tu­re in­ter­me­die, co­me ospe­da­li di co­mu­ni­tà, ho­spi­ce e uni­tà ria­bi­li­ta­ti­ve ter­ri­to­ria­li. Se­con­do Si­mo­ne Ru­go­lot­to, pre­si­den­te del­la se­zio­ne Ve­ne­to del­la So­cie­tà ita­lia­na di Pe­dia­tria (Sip), in­ter­vi­sta­to dall'agen­zia Di­re, le no­vi­tà si tro­va­no all'in­ter­no di que­sti due do­cu­men­ti. «Il Ps­sr pre­ve­de che, an­che in ospe­da­li non ti­pi­ca­men­te uni­ver­si­ta­ri, sia ef­fet­tua­ta la for­ma­zio­ne del nuo­vo per­so­na­le neo-lau­rea­to che non è en­tra­to nel­le scuo­le di spe­cia­liz­za­zio­ne, ma che po­treb­be es­se­re di fat­to as­sun­to per ac­qui­si­re la spe­cia­liz­za­zio­ne du­ran­te il la­vo­ro ne­gli ospe­da­li». Su que­sto il pe­dia­tra fa sa­pe­re che «so­no in at­to al mo­men­to ta­vo­li di ac­cor­do tra uni­ver­si­tà, regione e al­tri por­ta­to­ri di in­te­res­se». È una si­tua­zio­ne cri­ti­ca quel­la in cui la regione si tro­va con «gra­ve cri­si di per­so­na­le, che du­ra­no da tem­po. Da qual­che an­no ri­chia­mia­mo i pen­sio­na­ti – ha con­ti­nua­to Ru­go­lot­to - e, re­cen­te­men­te, ne ab­bia­mo avu­ti di­ver­si nel­le uni­tà che per­so­nal­men­te di­ri­go. Lo stes­so ac­ca­de già nel­la regione Tren­ti­no. Non è una no­vi­tà per noi, la no­vi­tà sta nell'au­men­to espo­nen­zia­le del fe­no­me­no». Il pro­ble­ma, a det­ta del pe­dia­tra, ha ra­di­ci sto­ri­che: «Fi­no agli an­ni '90 il con­trat­to del me­di­co ospe­da­lie­ro non pre­ve­de­va spe­cia­liz­za­zio­ne. Un me­di­co po­te­va es­se­re as­sun­to an­che sen­za spe­cia­li­tà, suc­ces­si­va­men­te in­se­ri­ta co­me ob­bli­ga­to­ria per en­tra­re nel ra­mo ospe­da­lie­ro. Per ora le uni­ver­si­tà han­no au­men­ta­to il nu­me­ro del­le bor­se di stu­dio, ma ne ve­dre­mo gli ef­fet­ti sol­tan­to tra 5 an­ni, quan­do la ca­ren­za sa­rà più gra­ve», con­ti­nua Ru­go­lot­to. Pas­san­do al­la pe­dia­tria del ter­ri­to­rio, il Ps­sr del Ve­ne­to pre­ve­de «la pos­si­bi­li­tà di ero­ga­re cu­re pri­ma­rie sia co­me medici di­pen­den­ti che co­me medici ac­cre­di­ta­ti, op­pu­re co­me medici con­ven­zio­na­ti. Ve­dre­mo la regione quan­do de­ci­de­rà co­me ap­pli­ca­re que­sta nor­ma – ha con­clu­so - che di fat­to è già pre­sen­te nel si­ste­ma sa­ni­ta­rio na­zio­na­le, nel­la sua leg­ge che lo re­go­la da­gli an­ni '70». Giu­di­zio po­si­ti­vo quin­di quel­lo del pre­si­den­te del­la Sip se­zio­ne Ve­ne­to in me­ri­to ai cam­bia­men­ti so­cio­sa­ni­ta­ri che la Regione sta ten­tan­do di por­ta­re a ter­mi­ne. Si at­ten­do­no gli svi­lup­pi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.