Gior­get­ti non ne può più del M5S e si pre­pa­ra a mol­la­re il Go­ver­no

Dire Oggi - - DA PRIMA PAGINA - Di Ni­co Per­ro­ne

RO­MA - Per 10 an­ni è sta­to se­gre­ta­rio del­la Le­ga lom­bar­da. Gian­car­lo Gior­get­ti ha an­ten­ne sen­si­bi­li e co­no­sce tut­to e tut­ti nei suoi ter­ri­to­ri. E se og­gi ha spa­ra­to con­tro il M5S e il pre­si­den­te del Con­si­glio, Giu­sep­pe Con­te, si­gni­fi­ca che «si pre­pa­ra ad usci­re dal Go­ver­no, ma­ga­ri per fa­re il Com­mis­sa­rio in Eu­ro­pa» di­ce una fon­te qua­li­fi­ca­ta del­la Le­ga su al Nord, che pro­se­gue: «In que­sti ul­ti­mi tem­pi ab­bia­mo avu­to già mol­ti se­gna­li cri­ti­ci qui da noi il reddito di cittadinan­za pro­prio non va giù co­me quo­ta 100 e i tan­ti no del M5S. Nel­la Le­ga in Lom­bar­dia, for­se an­che in Ve­ne­to, c'è pre­oc­cu­pa­zio­ne per­ché al­le Eu­ro­pee si te­me un ri­sul­ta­to in con­tro­ten­den­za, che ci sia una fles­sio­ne». Man­ca una set­ti­ma­na per sa­pe­re i ri­sul­ta­ti, se il Go­ver­no an­drà avan­ti o ci sa­rà una cri­si. Tra le for­ze po­li­ti­che i son­dag­gi con­ti­nua­no a gi­ra­re. La Le­ga sta­reb­be sot­to il 30, men­tre Pd e M5S se la gio­ca­no con i de­ci­ma­li at­tor­no al 22%. Chia­ro che con un ri­sul­ta­to sot­to il 30% per Ca­pi­tan Sal­vi­ni non sa­rà una pas­seg­gia­ta. Po­trà chie­de­re un rimpasto, ma se sa­rà con­fer­ma­ta l'usci­ta di Gior­get­ti an­che que­sto pe­se­rà sul­la te­nu­ta del­la mag­gio­ran­za. I 'gril­li­ni' aspet­ta­no, stan­no a guar­da­re: «A noi un Sal­vi­ni che li­ti­ga con tut­ti, an­che con Pa­pa Fran­ce­sco, che sta sem­pre so­pra le ri­ghe, ci aiu­ta a re­cu­pe­ra­re con­sen­si. La no­stra li­nea di mo­de­ra­ti sta pa­gan­do e con­ti­nue­re­mo», di­ce una fon­te qua­li­fi­ca­ta del M5S. Sul fron­te Pd an­che il nuo­vo se­gre­ta­rio Ni­co­la Zin­ga­ret­ti fa­ti­ca do­po l'in­cre­di­bi­le vol­ta­fac­cia del­la pre­si­den­te del­la Re­gio­ne Um­bria, in­cap­pa­ta nel­lo scan­da­lo con­cor­si in sa­ni­tà, che pri­ma si è di­mes­sa e poi ha vo­ta­to lei stes­sa per ri­ma­ne­re al suo po­sto. Zi­ga­ret­ti de­ve spin­ge­re con for­za. Il 26 mag­gio si vo­ta a Mo­de­na, Reg­gio Emi­la, Fer­ra­ra, For­lì e Ce­se­na, cit­tà gra­na­io Pd in Emi­lia-Ro­ma­gna. E se que­ste do­ves­se­ro ' ca­de­re' sa­reb­be un col­po dif­fi­ci­le da as­sor­bi­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.