Ca­len­da: Wu Ming e Ven­do­la? Io ho sem­pre di­fe­so il la­vo­ro

Dire Oggi - - Politica - Di Re­da­zio­ne

RO­MA - «La si­ni­stra è di­fen­de­re il la­vo­ro. Non è un'espres­sio­ne to­po­gra­fi­ca». Carlo Ca­len­da ri­spon­de al col­let­ti­vo Wu Ming e a Ni­chi Ven­do­la. I pri­mi han­no ri­fiu­ta­to a ma­lo mo­do un con­fron­to sul­le po­li­ti­che pro­gres­si­ste. «Non ce ne fre­ga nien­te», han­no det­to. Ven­do­la ha fat­to di Ca­len­da ("Si­ni­stra Ca­len­da est") il sim­bo­lo del­la si­ni­stra che tradisce se stes­sa. In­ter­vi­sta­to dal­la Di­re Ca­len­da, capolista del­la li­sta Pd-Sia­mo eu­ro­pei nel­la cir­co­scri­zio­ne Nord est, re­pli­ca con du­rez­za: «Non en­tra­no mai nel me­ri­to. Es­se­re di si­ni­stra o di cen­tro­si­ni­stra è in­ve­sti­re sul la­vo­ro, sul­la pro­du­zio­ne, sul­le com­pe­ten­ze. È quel­lo che fat­to io da mi­ni­stro, pe­ral­tro ri­sol­ven­do 88 cri­si azien­da­li e sal­va­guar­dan­do 107mi­la po­sti di la­vo­ro. Que­sti ra­ra­men­te han­no fat­to qual­co­sa per i la­vo­ra­to­ri». Il col­let­ti­vo di scrit­to­ri, e l'ex lea­der di Sel «si riem­pio­no la boc­ca di una pa­ro­la, "si­ni­stra", che è un'espres­sio­ne to­po­gra­fi­ca più che un'espres­sio­ne di con­te­nu­to. E quan­do co­me nel ca­so di Wu Ming di­co "be­ne fac­cia­mo un con­fron­to", ri­spon­do­no: «Noi ce ne fot­tia­mo di sa­pe­re co­sa pen­si». E al­lo­ra bi­so­gna sta­re at­ten­ti. Per­ché che i di­fen­so­ri del­la de­mo­cra­zia ri­fiu­ti­no il con­fron­to sa un po' di fal­so».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.