Prof Pa­ler­mo, Bus­set­ti: re­vo­ca­re so­spen­sio­ne? Non è mia com­pe­ten­za

Dire Oggi - - News - Di Ugo Ca­ta­lud­di

RO­MA - Non si pla­ca­no le po­le­mi­che in­tor­no al­la vi­cen­da del­la pro­fes­so­res­sa di Pa­ler­mo so­spe­sa cir­ca un me­se fa per non aver vi­gi­la­to su un ela­bo­ra­to dei suoi stu­den­ti che pa­ra­go­na­va­no il de­cre­to si­cu­rez­za di Mat­teo Sal­vi­ni al­le leg­gi raz­zia­li dell'epo­ca fa­sci­sta. In­ter­pel­la­to du­ran­te il Que­stion ti­me al­la Ca­me­ra, dai de­pu­ta­ti di op­po­si­zio­ne il mi­ni­stro dell'Istru­zio­ne Mar­co Bu­set­ti, è tor­na­to sul te­ma spie­gan­do che, «re­vo­ca­re o ap­pli­ca­re san­zio­ni ai di­pen­den­ti pub­bli­ci», non è di com­pe­ten­za del mi­ni­stro ma "dei di­ri­gen­ti". Tutt'al più, il di­ca­ste­ro può (e co­sì fa­rà), ve­ri­fi­ca­re, con i le­ga­li del­la pro­fes­so­res­sa del­la stes­sa Dell’Aria, e tra­mi­te gli uf­fi­ci com­pe­ten­ti, «la pra­ti­ca­bi­li­tà giu­ri­di­ca di una con­ci­lia­zio­ne del­la ver­ten­za». Spie­ga­zio­ne che, ov­via­men­te, non ha sod­di­sfat­to le op­po­si­zio­ni che, tra­mi­te la dem An­na Asca­ni, han­no de­fi­ni­to il mi­ni­stro «il so­li­to Pon­zio Pi­la­to». Se­con­do que­st'ul­ti­ma, «i do­cen­ti han­no la re­spon­sa­bi­li­tà di vi­gi­la­re sull'in­co­lu­mi­tà dei lo­ro alun­ni, non sul con­te­nu­to dei lo­ro la­vo­ri. L'edu­ca­zio­ne ci­vi­ca - ha con­clu­so Asca­ni - ser­vi­reb­be al mi­ni­stro Bus­set­ti e al suo Go­ver­no più che agli stu­den­ti».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.