Ogni gior­no fuo­ri uno... riu­sci­rà Sal­vi­ni a rom­pe­re sen­za rom­per­si?

Dire Oggi - - DA PRIMA PAGINA - Di Ni­co Per­ro­ne

RO­MA - «Qui ogni gior­no i ma­gi­stra­ti ce ne pren­do­no uno...», di­ce una fon­te del­la Le­ga. Ca­pi­tan Sal­vi­ni, pur aven­do stra­vin­to fin qui tut­te le ele­zio­ni, mai co­me ades­so è sot­to as­se­dio. Tut­ti lo spin­go­no a rom­pe­re col M5S, a man­da­re a ca­sa «Conte, Tria e tut­ti i 'lor si­gno­ri' di Bru­xel­les». Ma Sal­vi­ni re­sta sul "no", ha an­co­ra bi­so­gno di un po' di tem­po. Sull'oriz­zon­te si sta­glia­no nu­bi ne­re, che den­tro la Le­ga spie­ga­no co­sì: «Pu­re Gior­get­ti è sot­to bot­ta con la vicenda Ara­ta e con una pen­den­za in Lom­bar­dia, lui non ne può più, vuo­le an­dar­se­ne, ma­ga­ri a fa­re il Com­mis­sa­rio a Bru­xel­les... E sa­reb­be un gros­so gua­io per la Le­ga». Co­me mai? «Sen­za con­ta­re quel­lo che de­ci­de­rà l'Eu­ro­pa il 9 lu­glio - ri­spon­de la fon­te del­la Le­ga - noi ab­bia­mo per­so Sa­vo­na, Si­ri, Ri­xi, il 17 lu­glio, con la sen­ten­za che è già scrit­ta, sa­rà fuo­ri an­che il vi­ce­mi­ni­stro Ga­ra­va­glia. A quel pun­to la Le­ga non avrà più nes­su­no all'eco­no­mia. Una si­tua­zio­ne in­ge­sti­bi­le che, sal­vo un mi­ra­co­lo, cree­rà le con­di­zio­ni per apri­re la cri­si di Go­ver­no». Ma a quel pun­to, al­me­no stan­do al­le vo­ci che gi­ra­no den­tro i pa­laz­zi del­la po­li­ti­ca, sa­rà tar­di per vo­ta­re in au­tun­no. Chi fa­rà la ma­no­vra? Un go­ver­no tec­ni­co, del Pre­si­den­te? E chi avrà il co­rag­gio di vo­tar­lo quan­do di lì a qual­che me­se si do­vrà tor­na­re al­le urne? Ve­ro che tra le al­tre for­ze po­li­ti­che c'è una sor­ta di con­ve­nien­za tra­sver­sa­le a ti­ra­re più a lun­go pos­si­bi­le. Di Ma­io ha bi­so­gno di un Pd an­co­ra "ren­zia­no", con il qua­le non si pos­so­no fa­re ac­cor­di e quin­di... Ren­zi ha bi­so­gno del ne­mi­co Di Ma­io per­ché se si tor­na a vo­ta­re dif­fi­ci­le ri­can­di­da­re tut­ti i par­la­men­ta­ri che pro­prio lui ave­va scel­to... Non par­lia­mo di For­za Italia, an­co­ra in mez­zo al gua­do e con Gio­van­ni To­ti che sta la­vo­ran­do di pa­la per sot­ter­ra­re il vec­chio (par­ti­to). Ma a Sal­vi­ni ser­ve an­co­ra un po' di tem­po: que­sto fi­ne set­ti­ma­na vo­la ne­gli Sta­ti Uni­ti. Lunedì in­con­tre­rà i due Mi­ke, il vi­ce­pre­si­den­te Pen­ce e il Se­gre­ta­rio di Sta­to Pom­peo, pez­zi da no­van­ta dell'am­mi­ni­stra­zio­ne Trump. Agli Usa fa co­mo­do un'Eu­ro­pa de­bo­le... Chis­sà che pro­prio su que­sto non ar­ri­vi un ac­cor­do e la "pa­ten­te" di af­fi­da­bi­li­tà ne­ces­sa­ria per di­ven­ta­re premier in Italia. A quel pun­to le urne fa­ran­no pau­ra a tut­ti ma non a Sal­vi­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.