Com­pli­ca­to sem­pli­fi­ca­re

Dire Oggi - - Da Prima Pagina - di Al­fon­so Rai­mo

RO­MA - For­se è pre­sto per chia­mar­lo dl com­pli­ca­zio­ni, ma al ter­zo ver­ti­ce di mag­gio­ran­za e al­la ter­za boz­za, il de­cre­to che con­tie­ne la "ma­dre di tut­te le ri­for­me" co­me di­ce il pre­mier Giu­sep­pe Con­te è an­co­ra lon­ta­no dal­la ver­sio­ne de­fi­ni­ti­va. Do­po due ore po­chi pro­gres­si nel cor­so del ter­zo ta­vo­lo a Palazzo Chi­gi. I rap­pre­sen­tan­ti dei par­ti­ti di mag­gio­ran­za, so­no dis­so­nan­ti, al pun­to che si an­drà in pre­con­si­glio sen­za un'in­te­sa di mas­si­ma. Per il Pd con Fran­co Mi­ra­bel­li e Chia­ra Bra­ga è sta­to «rag­giun­to un ac­cor­do di mas­si­ma sul te­ma dell'abu­so d'uf­fi­cio». Il Pd smen­ti­sce fon­ti che all'agen­zia Di­re ri­fe­ri­va­no uno scon­tro al ta­vo­lo di palazzo Chi­gi sul­la nor­ma che cir­co­scri­ve l'abu­so d'uf­fi­cio ai so­li ca­si che non pre­ve­do­no di­scre­zio­na­li­tà in­ter­pre­ta­ti­ve. In ipo­te­si si trat­ta di un mo­do per sol­le­va­re gli am­mi­ni­stra­to­ri da pro­ce­di­men­ti giu­di­zia­ri che poi so­lo in mi­ni­ma par­te ter­mi­na­no con una con­dan­na. Ita­lia vi­va avreb­be obiet­ta­to che si sta­va can­cel­lan­do un rea­to pe­ral­tro con de­cre­to e con il for­te so­spet­to che la nor­ma ad per­so­nas ser­vis­se ai sin­da­ci pen­ta­stel­la­ti Ap­pen­di­no e Rag­gi, ac­cu­sa­ti del rea­to og­get­to del­la ri­for­ma con il dl sem­pli­fi­ca­zio­ni. Mi­ra­bel­li smen­ti­sce e ag­giun­ge che il te­sto è cam­bia­to con la pre­vi­sio­ne di una esi­men­te che pre­scri­ve la chia­ra sus­si­sten­za dell'in­te­res­se pub­bli­co pre­mi­nen­te.

Non del­lo stes­so pa­re­re Lo­re­da­na De Pe­tris, ca­po­grup­po di Leu al Se­na­to. «Non ab­bia­mo fat­to pas­si avan­ti. Sull'abu­so d'uf­fi­cio sia­mo al­la si­tua­zio­ne di ie­ri», spie­ga de Pe­tris. Se per il Pd re­sta so­stan­zia­men­te da de­fi­ni­re so­lo la que­stio­ne de­gli ap­pal­ti so­pra so­glia, Leu ve­de an­co­ra nu­me­ro­se que­stio­ni aper­te. A co­min­cia­re dall'ar­ti­co­lo 10, che in ori­gi­ne con­te­ne­va le nor­me sul con­do­no. «E che ora con­ti­nua a ospi­ta­re nor­me per noi inac­cet­ta­bi­li co­me quel­le che con­sen­to­no le ri­co­stru­zio­ni in de­ro­ga, sen­za man­te­ne­re le stes­se sa­go­me: non c'è l'esclu­sio­ne dei cen­tri sto­ri­ci e di tes­su­ti ur­ba­ni con­so­li­da­ti. Si ca­pi­sce be­ne che im­pat­to può ave­re. Poi ci so­no an­che al­tre nor­me che van­no si­ste­ma­te. Su­gli ap­pal­ti c'è sta­ta una ri­for­mu­la­zio­ne, si è la­vo­ra­to que­sta mat­ti­na, ma an­co­ra ci so­no opi­nio­ni di­ver­se». Per quan­to ri­guar­da l'abu­so d'uf­fi­cio «la di­scus­sio­ne è sta­ta so­spe­sa per­ché non c'era il mi­ni­stro».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.