Il M5S non de­ci­de, il Pd si pre­pa­ra per l'elet­to­ra­to 'gril­li­no'

Dire Oggi - - Da Prima Pagina - di Ni­co Per­ro­ne

ROMA - Il tem­po è sca­du­to ma Vi­to Cri­mi, ca­po reg­gen­te del M5S, è con­ten­to per la de­ci­sio­ne di al­lun­ga­re il bro­do, par­don, i tem­pi per ar­ri­va­re a de­si­gna­re il nuo­vo lea­der del Mo­vi­men­to. In­fat­ti, do­po lo sfo­ga­to­io di ie­ri al­la riu­nio­ne dei grup­pi par­la­men­ta­ri, al­la fi­ne si è de­ci­so di co­min­cia­re un per­cor­so di con­fron­to a par­ti­re dai ter­ri­to­ri e poi... cam­pa ca­val­lo. In po­li­ti­ca, scu­sa­te la fran­chez­za, una si­mi­le de­ci­sio­ne ser­ve sol­tan­to a pren­de­re tem­po e a se­gna­la­re che si na­vi­ga a vi­sta, che poi si ve­drà. Al­cu­ni par­la­men­ta­ri 'gril­li­ni' ve­do­no in que­sta spin­ta im­pres­sa da Cri­mi «una mos­sa per re­sta­re al­tri sei me­si a fa­re il ca­po reg­gen­te». Cattiverie di po­chi, men­tre mol­ti so­no si­cu­ri che lo scet­tro tor­ne­rà pre­sto nel­le ma­ni di Lui­gi Di Ma­io, l'uni­co che do­po l'ubria­ca­tu­ra le­ghi­sta ha ca­pi­to che il ven­to ora spi­ra al­tro­ve... e si è po­si­zio­na­to chie­den­do di trat­ta­re su­bi­to col Pd per crea­re al­lean­ze in vi­sta del­le pros­si­me ele­zio­ni co­mu­na­li. «E' sta­to le­sto- di­ce una fon­te del M5S- si è mos­so co­me un vec­chio e na­vi­ga­to de­mo­cri­stia­no». Il tem­po è pre­zio­so, so­prat­tut­to ades­so in vi­sta dei pro­ble­mi, tan­ti, che so­no an­co­ra in at­te­sa di so­lu­zio­ne. Nel Pd, in­tan­to, qual­cu­no gon­go­la. Al­la fi­ne, è il lo­ro ra­gio­na­men­to, a fu­ria di non de­ci­de­re il M5S si scio­glie­rà da so­lo, si spac­che­rà in mil­le pez­zi. A quel pun­to, pro­se­gue il ra­gio­na­men­to «noi do­vre­mo es­se­re pron­ti a rac­co­glie­re i vo­ti dei tan­ti elet­to­ri gril­li­ni de­lu­si dal­le non scel­te dei di­ri­gen­ti. Dob­bia­mo so­lo aspet­ta­re, mo­stran­do­ci di­spo­ni­bi­li e ac­co­glien­ti». Un pri­mo se­gna­le di que­sta vo­glia mat­ta lo si ve­drà quan­do si apri­rà il ca­pi­to­lo del­la leg­ge elet­to­ra­le. Al mo­men­to l'ac­cor­do tro­va­to a mag­gio­ran­za è per un pro­por­zio­na­le con sbar­ra­men­to al 5%. Tra­dot­to, si­gni­fi­ca che ogni for­za po­li­ti­ca si bat­te­rà in cam­pa­gna elet­to­ra­le fi­no all'ul­ti­mo vo­to e il gior­no do­po, pe­sa­to il 'bot­ti­no', si for­me­rà l'al­lean­za di Go­ver­no. Ec­co, se col pas­sa­re dei me­si, in­ve­ce, si apri­rà un di­bat­ti­to su un pro­por­zio­na­le cor­ret­to da un for­te mag­gio­ri­ta­rio sa­rà il se­gna­le che il da­do è trat­to, che i mi­lio­ni di elet­to­ri de­lu­si del M5S so­no ben­ve­nu­ti... nel Pd.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.