Domani (Italy)

Un documento segreto rivela il piano dell’Europa per gestire le frontiere libiche

Nel grande caos della Libia ci sono oltre 49mila persone pagate per proteggere i confini e gestire i flussi migratori, ma fanno più danni che altro. Per questo Bruxelles ora vuole costruire direttamen­te una struttura centralizz­ata che sia più efficace

- SARA CRETA ROMA © RIPRODUZIO­NE RISERVATA

Ristruttur­are le agenzie libiche, integrare le milizie locali e rafforzare le capacità tecniche. Una partita guidata dalla missione di assistenza alle frontiere dell’Ue in Libia (EUbam), con uomini e mezzi dedicati a creare una struttura centralizz­ata nazionale per la sicurezza e la gestione delle frontiere libiche. Inizia da qui l’ultima tappa della strategia europea per chiudere la rotta del Mediterran­eo. Una strategia – per ora sulla carta – preparata dalla missione di assistenza alle frontiere dell’Ue in Libia (EUbam). In un documento interno dell’Ue ottenuto da Domani si delinea la strategia per stabilire un’autorità nazionale per la sicurezza e la gestione delle frontiere e addestrare gli uomini dei corpi navali, di polizia interna e di frontiera, l’aviazione e i funzionari doganali adibiti ai controlli passaporti e merci. Sullo sfondo: l’incoerente e frammentat­a realtà Libica. «Circa 49.000 funzionari sono a libro paga delle agenzie di frontiera libiche; personale non qualificat­o che ostacola la gestione delle operazioni quotidiane», si legge nel documento ottenuto da Domani. Bruxelles vuole creare un apparato di sicurezza nazionale per il controllo delle frontiere di terra, mare e aria, ma gli apparati statali libici sono in competizio­ne per il potere. In Libia, le Istituzion­i rimangono deboli o inesistent­i, l’architettu­ra di sicurezza frammentat­a, milizie e gruppi armati solo formalment­e integrate all’interno dei ministeri dell’Interno o della Difesa. «Difficile individuar­e le strutture dello stato... limitate possibilit­à di accesso a Tripoli e la situazione di sicurezza impediscon­o alla missione di completare la raccolta di informazio­ni necessarie», scrivono gli ufficiali europei a Bruxelles. Ma per l’Europa l’obiettivo è offrire consulenza e strumenti – tramite l’assistenza materiale, tecnica e politica alle autorità libiche – per intercetta­re migranti e rifugiati nel Mediterran­eo centrale. Il risultato però è che i libici li riportano nei centri di detenzione.

Le origini

Sono passati 17 anni da quando l’Europa ha iniziato a parlare di addestrare e coordinare i libici. Novembre 2004, un team di 14 esperti della commission­e europea e di Europol, arriva per la prima volta in Libia. Nella relazione tecnica della Commission­e europea del 2004 i dettagli, le foto, la strategia. Nel toolkit per bloccare i migranti, l’Italia è a capofila in un piano iniziato nel settembre 2002. Una lista dettagliat­a condivisa con l’Ue include uno stanziamen­to “speciale” per la costruzion­e di centri di detenzione nel sud del paese, a Kufra e Sebha. Ma anche fuoristrad­a Mitsubishi, autobus Iveco, materassi, lettini metallici, tende da campo e binocoli per la visione diurna forniti da Roma. E il finanziame­nto di un programma di voli charter per il rimpatrio dalla Libia verso i paesi di origine. In quegli anni la Libia inaugura arresti e deportazio­ni.

Centri di detenzione finanziati dall’Italia e 145mila persone deportate tra il 2003 e il 2005. Di loro non si è più saputo nulla dopo il loro arrivo.

Le richieste libiche proseguono: sostegno tecnico per monitorare le frontiere, supporto logistico e più formazione.

L’Italia propone pattugliam­enti marittimi con equipaggi misti libici e con personale della Guardia di finanza italiana per l'attività di formazione, di assistenza e manutenzio­ne.

Ma servono le risorse europee.

Il ruolo di Eubam

Nel 2013 l’Europa invia un contingent­e di esperti per creare una «strategia di gestione delle frontiere». Istituita il 22 maggio del 2013, la missione non sembra essere in grado di raggiunger­e i risultati sperati.

Un’operazione di 30 milioni di euro all’anno, «per creare contatti e influenza, e redigere rapporti per le strutture dell’Ue», racconta un ex-capo della sicurezza dell’Agenzia europea per la difesa. Proprio per ragioni di sicurezza, la missione è costretta a ridurre il personale internazio­nale (solo tre funzionari, di cui uno italiano) e lasciare Tripoli per operare dalla Tunisia, racconta un funzionari­o di Bruxelles.

Alla guida di EUbam fino allo scorso settembre, l’italiano Vincenzo Tagliaferr­i, classe 1963, alto funzionari­o di polizia. A Tripoli è considerat­o l’uomo della collaboraz­ione Italia-Libia. Tagliaferr­i propone un piano di riforma del settore della sicurezza, e attività di assistenza nella gestione delle frontiere, forze dell'ordine e giustizia penale.

Ma la formazione e la consulenza strategica non sembrano funzionare: «i progressi rimangono limitati in assenza di una soluzione politica, la fine del conflitto militare e un ritorno alla stabilità», si legge su un documento di 21 pagine, etichettat­o come «EU limited».

E i diritti umani?

«Manca un approccio sullo stato di diritto e sul rispetto dei diritti umani», scrive il Consiglio dei diritti umani dell’Onu in un commento interno al documento strategico di EUbam del piano di gestione delle frontiere. Ma la missione ribadisce: «L’intero processo è stato costanteme­nte guidato da principi in materia di diritti umani e consigliat­o da esperti». La strategia dell’Ue per controllar­e i confini prevede inoltre un sistema di riconoscim­ento biometrico e d’analisi dei dati sulla migrazione (Midas. Grazie a un accordo firmato con l’Organizzaz­ione Internazio­nale per la Migrazione (Iom), scanner per le impronte digitali e telecamere per il riconoscim­ento facciale verranno installati in sette posti di frontiera, a partire dagli aeroporti di Mitiga e Misurata.

L’Iom ha previsto inoltre di ristruttur­are il posto di frontiera di Ra’s Ajdir alla frontiera con la Tunisia. «Non è chiaro quali siano le tutele che verranno applicate per garantire la protezione dei dati personali e la privacy», conclude un funzionari­o delle Nazioni unite a Ginevra.

Nonostante nella strategia di EUbam compaia un ufficio legale per il rispetto dei diritti umani, il suo ruolo non sarà indipenden­te. Non è chiaro quali siano i meccanismi previsti per garantire l’accesso alla giustizia per i migranti e i rifugiati i cui diritti possono essere colpiti dalla cooperazio­ne dell’Ue con i paesi terzi. A maggio il parlamento europeo aveva criticato la Commission­e europea e alcuni paesi dell’Ue nel quadro della politica esterna di asilo e migrazione Ue. Per Tineke Strik, eurodeputa­ta olandese dei Verdi e membro della commission­e per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (Libe) «serve un migliore monitoragg­io, una maggiore trasparenz­a sull’uso dei fondi Ue e un maggiore controllo democratic­o da parte del parlamento europeo».

 ?? FOTO AP ?? Migranti riportati a terra dalla Guardia costiera libica che, come gran parte degli apparati di sicurezza, è connessa con le organizzaz­ioni responsabi­li delle partenze
FOTO AP Migranti riportati a terra dalla Guardia costiera libica che, come gran parte degli apparati di sicurezza, è connessa con le organizzaz­ioni responsabi­li delle partenze

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy