MY WAY

ELLE (Italy) - - Ritratto - Di SIL­VIA LOCATELLI

FOR­SE LA FRA­SE

che lo de­scri­ve me­glio è quel­la di un vec­chio compagno di scuo­la: “Gli pia­ce­va en­tra­re sem­pre da un’al­tra por­ta”. Di­re o fa­re la co­sa che non ti aspet­ta­vi, me­glio se inop­por­tu­na. Un vul­ca­no di ca­ri­sma, de­ter­mi­na­zio­ne e fu­ro­re crea­ti­vo: fo­to­gra­fo, in­ven­to­re, de­si­gner... La sua na­tu­ra era se­dur­re, chiun­que, an­che la ta­bac­ca­ia che gli ven­de­va le si­ga­ret­te. Odia­va le con­ven­zio­ni e i cli­ché ma più di tut­to gli snob. Buf­fo che uno co­me lui sia fi­ni­to a cor­te. An­to­ny Arm­stron­g­jo­nes è sta­to il pri­mo com­mo­ner a spo­sa­re un mem­bro del­la fa­mi­glia rea­le in­gle­se in tem­pi mo­der­ni (do­po Eli­za­be­th Wood­vil­le nel lon­ta­no 1464): il 6 mag­gio del 1960 si unì in ma­tri­mo­nio a Mar­ga­ret, so­rel­la di Elisabetta II, il pri­mo royal wed­ding tra­smes­so in tv. L’an­no suc­ces­si­vo di­ven­tò “Lord Sno­w­don” e, per in­ci­so, sua mae­stà la co­gna­ta, lo ado­ra­va.

IL FI­GLIO BRUT­TO

L’ab­bia­mo co­no­sciu­to nel­la se­con­da sta­gio­ne di The Cro­wn (Net­flix) e lo ri­ve­dre­mo nel­la ter­za. Com­mo­ner sì ma na­to be­ne, con va­ri Sir da par­te di pa­dre (av­vo­ca­to scoz­ze­se) e fa­mi­glia di ban­chie­ri dal la­to ma­ter­no. Ron­nie e An­ne era­no bel­li, gio­va­ni, ric­chi ma scom­bi­na­ti. Lei tut­ta am­bi­zio­ne so­cia­le, fe­ste e bel mon­do; lui che ama­va la cac­cia e la pe­sca e con gen­te co­me Ce­cil Bea­ton si sen­ti­va un pe­sce fuor d’ac­qua. Du­rò po­chis­si­mo, giu­sto il tem­po di qual­che tra­slo­co in ca­se sem­pre più gran­di, e la na­sci­ta di due fi­gli: Su­san (nel 1927) e An­to­ny (nel 1930). Nel 1933 si se­pa­ra­no. Ron-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.