OGNI CO­SA È IL­LU­MI­NA­TA

El­do­ra­do bu­co­li­co, tra api e rag­gi di so­le, ri­cor­di di non­na e un me­tal­lo shi­ne. Co­sì due de­si­gner ita­lia­ni fir­ma­no la pri­ma col­le­zio­ne di Pan­do­ra. Ri­vo­lu­zio­ne na­tu­ra­le

ELLE (Italy) - - Tète-À-Tète - Di MARTA SALADINO

EPOS E MI­TO. C’è un non so che di mi­to­lo­gi­co nel­la real­tà di Pan­do­ra, a par­ti­re dal no­me che rie­vo­ca l'enig­ma­ti­ca Dea gre­ca e il suo va­so, in que­sto ca­so fo­rie­ro di gio­ie ine­sau­ri­bi­li. Ma an­che di sto­ria, di rac­con­ti che si in­trec­cia­no e pren­do­no for­me ina­spet­ta­te, pro­prio co­me i gio­iel­li. A ti­ra­re le fi­la di que­sta pre­zio­sa poe­ti­ca ora­fa ora è ar­ri­va­to un duo di de­si­gner ita­lia­ni, Fi­lip­po Fi­ca­rel­li e Fran­ce­sco Ter­zo, che per fa­ta­li­tà del de­sti­no sem­bra­no pu­re due gio- va­ni Apol­lo: sta­tua­ri, con trat­ti del vi­so scol­pi­ti e una na­tu­ra­le in­cli­na­zio­ne al so­le. So­no in­fat­ti lo­ro le men­ti di Shi­ne, ul­ti­ma li­nea di Pan­do­ra e lo­ro pri­ma col­le­zio­ne in ve­ste di di­ret­to­ri creativi. La so­cie­tà da­ne­se di gio­iel­le­ria - fon­da­ta nel 1982 a Co­pe­na­ghen - pun­ta co­sì in al­to in tut­ti i sensi: crea, pro­du­ce e com­mer­cia­liz­za gio­iel­li ri­fi­ni­ti a ma­no ma a prez­zi ac­ces­si­bi­li, è quo­ta­ta in borsa con fat­tu­ra­ti bril­lan­ti e ora sdo­ga­na pu­re l’oro con que­sta nuo­va le­ga: un ar­gen­to ster­ling 925 plac­ca­to 18 ca­ra­ti. Una ve­ra “gold fe­ver” a co­sti de­mo­cra­ti­ci.

Per la cop­pia di sti­li­sti non è sta­ta una si­ner­gia na­ta a cal­do, ben­sì un cam­mi­no for­ma­ti­vo che ha incrociato le lo­ro vi­te in tem­pi non so­spet­ti. Si so­no in­con­tra­ti do­po gli stu­di, Fi­lip­po nel­la moda e Fran­ce­sco nel­la scuo­la d’ar­te a Milano, e lì han­no sco­per­to che le lo­ro af­fi­ni­tà elet­ti­ve po­te­va­no da­re il mas­si­mo in un “as­so­lo crea­ti­vo a due vo­ci”. Nel 2004 è na­to il lo­ro mar­chio di ab­bi­glia­men­to, Me­mi­ne, se­gui­to da con­su­len­ze sti­li­sti­che per pre­sti­gio­se grif­fe, per poi en­tra­re nel mon­do di

Pan­do­ra nel 2017.

Pre­gi e di­fet­ti nel la­vo­ra­re in cop­pia?

Fi­lip­po «Sia­mo com­ple­men­ta­ri: io so­no cu­rio­so e or­di­na­to, men­tre Fran­ce­sco è solare e pun­ti­glio­so. Sia­mo ro­da­ti e mol­to strut­tu­ra­ti nel la­vo­ro. L’espe­rien­za nel mon­do del­la moda ci ha per­mes­so di ave­re un pro­ces­so crea­ti­vo mol­to rit­ma­to: il moodboard, in­so­li­to nell’am­bien­te ora­fo, tra­di­sce in­fat­ti il no­stro pas­sa­to. Sia­mo de­gli os­ser­va­to­ri in­de­fes­si e ci ap­pas­sio­na par­ti­re da una sto­ria, un’ispi­ra­zio­ne, che sia ar­te, de­si­gn o un li­bro».

Qual è sta­to l’ap­proc­cio all’uni­ver­so Pan­do­ra?

«Crea­re sen­za sna­tu­ra­re. Il pun­to di par­ten­za è sta­to te­ne­re sal­do l’he­ri­ta­ge e rein­ter­pre­tar­lo con una va­ria­bi­le nuo­va: l’oro. Vo­le­va­mo un ma­te­ria­le pre­zio­so ma con un ap­proc­cio eti­co: co­sì è na­to l’ar­gen­to ster­ling 925 plac­ca­to 18 ca­ra­ti. Poi, non ab­bia­mo fat­to al­tro che de­cli­nar­lo nei co­di­ci del mar­chio. Ed è na­ta la col­le­zio­ne “Na­tu­re of Pan­do­ra”...».

La col­le­zio­ne è un in­no bu­co­li­co? Pri­ma­ve­ra

«Ci sia­mo la­scia­ti ispi­ra­re dal­la di Bot­ti­cel­li per di­se­gna­re, den­tro il qua­dro, il no­stro giar­di­no in­can­ta­to di gio­iel­li, in un moodboard con schiz­zi fat­ti a ma­no li­be­ra da Fran­ce­sco (la par­te più creativa del duo, ndr). In­som­ma, un la­to do­ra­to del­la na­tu­ra fat­to di lu­ma­chi­ne, li­bel­lu­le e so­prat­tut­to api, pro­ta­go­ni­ste del­la li­nea Bee Mi­ne di Shi­ne, o la li­nea Rag­gi di So­le omag­gio pro­prio al­la so­la­ri­tà».

Ape co­me sim­bo­lo di...

«L’ape è un sim­bo­lo sto­ri­co di Pan­do­ra. Rap­pre­sen­ta la re­ga­li­tà, la for­za di una don­na, ma an­che l’ope­ro­si­tà, il la­to più dol­ce le­ga­to al mie­le e al­la ri­na­sci­ta: con il suo ron­zio pre­an­nun­cia la pri­ma­ve­ra. Un gio­iel­lo ri­fi­ni­to a ma­no, con stri­sce di smal­to e pie­tre di zirconia che “vo­la” da un charm a un orecchino e ov­via­men­te si ab­bi­na al­la per­fe­zio­ne all’al­vea­re, ni­do geo­me­tri­co che esal­ta la me­ti­co­lo­sa ar­ti­gia­na­li­tà di Pan­do­ra. Ogni ani­ma­le è un’al­le­go­ria prêt-à-porter».

Qual è la fi­lo­so­fia del gio­iel­lo?

«Sin dal no­me rie­vo­ca una gio­ia che pe­rò non de­ve es­se­re sta­ti­ca ben­sì mo­bi­le e ver­sa­ti­le, pron­ta da per­so­na­liz­za­re da ogni don­na. Ec­co per­ché ogni det­ta­glio del­la col­le­zio­ne è tra­sfor­mi­sta e com­bi­na­bi­le, per gio­ca­re ad adat­tar­si a ogni fem­mi­ni­li­tà. Non so­lo i charms con cui sbiz­zar­rir­si, ma an­che i pen­den­ti, co­me quel­lo con chiu­su­ra scor­re­vo­le a li­bel­lu­la che di­ven­ta un cho­ker più se­xy, si può fer­ma­re a me­tà “stra­da” per va­lo­riz­za­re il dé­col­le­té o al­lun­gar­si nel più tra­di­zio­na­le cion­do­lo».

Ogni età e ogni fem­mi­ni­li­tà?

«Sì, il mo­del­lo che for­se ri­spec­chia più que­ste sfac­cet­ta­tu­re è l’anel­lo con co­ro­na. Lo si può im­pi­la­re e so­vrap­por­re, crean­do geo­me­trie a in­ca­stro, o la­sciar­lo sin­go­lo a in­co­ro­na­re la fa­lan­get­ta. Il mon­do di Pan­do­ra è una “fai­ry ta­le” do­ve ogni don­na di­ven­ta sti­li­sta dei suoi gio­iel­li».

La bel­lez­za è...?

«Nell’im­per­fe­zio­ne e nel­la di­ver­si­tà. È una vi­bra­zio­ne che dà emo­zio­ne».

Il vo­stro mo­del­lo pre­fe­ri­to?

Fi­lip­po «Il pen­den­te del­la li­nea Rag­gi di So­le, con uno smal­to tra­spa­ren­te da­to a ma­no e sfu­ma­to». Fran­ce­sco «Ol­tre all'ape mi di­ver­te Bel­la­bot: è un ro­bot­ti­no con maxi cuo­re, una sor­ta di “Pan­do­ra friends”, che rap­pre­sen­ta tut­to l'in­ge­gno e la for­za del­le don­ne».

Per voi un gio­iel­lo de­ve es­se­re...

«“Ti­me­ly”. Un ibri­do tra sen­za tem­po e su­per at­tua­le».

Il pri­mo ri­cor­do “pre­zio­so”?

Fi­lip­po «Mia non­na mi ha tra­man­da­to que­sta pas­sio­ne: ave­va una spil­la a fio­re che tra­sfor­ma­va con estro in­na­to da cho­ker a cion­do­lo. Ama­va rac­con­ta­re la sto­ria di ogni gio­iel­lo e ha per­si­no re­ga­la­to lei, a mio non­no, l’anel­lo di fi­dan­za­men­to che ora in­dos­so io al mi­gno­lo». Fran­ce­sco «Ho ere­di­ta­to da mio pa­dre l’ar­te di crea­re del­le collane con cion­do­li e me­da­gliet­te di bat­te­si­mo di fa­mi­glia. Qua­si un al­be­ro ge­nea­lo­gi­co for­ma­to gio­iel­lo...».

A de­stra, la mi­nu­zio­sa la­vo­ra­zio­ne del­la li­nea Rag­gi di So­le di Pan­do­ra Shi­ne. Ogni pre­zio­so di Pan­do­ra è in­fat­ti la­vo­ra­to in me­dia da 30 ar­ti­gia­ni. A de­stra, al­cu­ni schiz­zi rea­liz­za­ti dal duo di de­si­gner per la col­le­zio­ne Na­tu­re of Pan­do­ra, e il nuo­vo...

Al­cu­ne im­ma­gi­ni del­la li­nea Bee Mee, un’edi­zio­ne li­mi­ta­ta di Pan­do­ra Shi­ne de­di­ca­ta al mon­do del­le api, sim­bo­lo re­ga­le di Pan­do­ra; l’anel­lo co­ro­na com­po­ni­bi­le e, in bas­so, la li­nea Rag­gi di So­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.