VI­TA LI­BE­RA

Liv si­gni­fi­ca “vi­ta” e lei cer­ca di ono­ra­re il suo no­me ogni gior­no. La Ull­mann par­la di com­pli­ci­tà tra don­ne, di ma­dri e fi­glie, di Trump, di Woo­dy Al­len e del suo gran­de amo­re e ami­co Ing­mar Berg­man

ELLE (Italy) - - Intervista - di SIL­VIA LOCATELLI

QUAN­DO LA VE­DO

per la pri­ma vol­ta è stret­ta in un lun­go ab­brac­cio con An­ge­lo Si­gno­rel­li, il di­ret­to­re del Bergamo Film Mee­ting, che lei chia­ma “An­ge­li­co” per­ché ha una pes­si­ma me­mo­ria per i no­mi. Liv Ull­mann si rac­con­ta con la li­ber­tà di chi ha su­pe­ra­to una cer­ta età – a di­cem­bre ne com­pie 80 – e l’one­stà di chi ha sa­pu­to ascol­tar­si e dia­lo­ga­re con le pro­prie emo­zio­ni. A vol­te, vor­reb­be riav­vol­ge­re il na­stro, co­me all’in­con­tro con il pub­bli­co, il gior­no suc­ces­si­vo al­la no­stra in­ter­vi­sta, quan­do le chie­do­no un ri­cor­do dell’ami­ca In­grid Thu­lin e lei rac­con­ta di una vol­ta che ven­ne a tro­var­la nel­la sua ca­sa in Ita­lia: «C’era la pi­sci­na, In­grid mi dis­se di met­ter­mi il co­stu­me. Mi cam­biai nel bo­sco e già che c’ero fe­ci pi­pì... Do­po il ba­gno, In­grid ci dis­se: “E ora an­dia­mo tut­ti a man­gia­re le fra­go­le”», ri­de, si met­te la ma­no al­la boc­ca: «Non so per­ché vi sto rac­con­tan­do que­sta co­sa... Le fra­go­le era­no do­ve ave­vo fat­to pi­pì».

Di­men­ti­ca­te i per­so­nag­gi fem­mi­ni­li che ha in­ter­pre­ta­to per Ing­mar Berg­man, Liv è lu­mi­no­sa, allegra. E scor­da­te an­che i luo­ghi co­mu­ni sui nor­ve­ge­si. Quan­do par­la è mol­to espres­si­va, a trat­ti en­fa­ti­ca, si aiu­ta con il cor­po, scop­pia a ri­de­re... È ar­ri­va­ta da­gli Sta­ti Uni­ti – do­ve vi­ve col ma­ri­to Do­nald Saun­ders – ac­com­pa­gna­ta so­lo da una va­li­gia enor­me. Nes­su­na se­gre­ta­ria o ad­det­ta stam­pa. Avreb­be ri­nun­cia­to vo­len­tie­ri an­che al truc­co: «Non è trop­po pe­san­te?», si pre­oc­cu­pa. «Sin­ce­ra. Io mi pre­fe­ri­sco al na­tu­ra­le, con tut­te le mie ru­ghe...». Uni­sce le ma­ni in se­gno di sorpresa, al ri­cor­do: «An­ni fa, a Can­nes, ho in­con­tra­to una vec­chia ami­ca che si era ri­fat­ta com­ple­ta­men­te, ho pen­sa­to “Mio Dio, co­me si è ro­vi­na­ta”. Pe­rò poi, nel­le fo­to, lei era bel­lis­si­ma e io sem­bra­vo sua mam­ma... Ep­pu­re, so­prat­tut­to ora che mi si ve­de me­no sul­lo scher­mo, vo­glio es­se­re più ve­ra pos­si­bi­le per la gen­te che in­con­tro, so­lo con una fac­cia one­sta può scat­ta­re una cor­ri­spon­den­za di sen­ti­men­ti».

Ha per­so il pa­pà quan­do ave­va 5 an­ni e ha sem­pre cer­ca­to di dar­gli un vol­to: a un cer­to pun­to si era con­vin­ta che suo pa­dre po­tes­se es­se­re Ja­mes Stewart e che la ma­dre do­ves­se man­te­ne­re il se­gre­to per­ché lui era una star. L’immaginazione non le è mai man­ca­ta: la mam­ma era una li­bra­ia e Liv è cre­sciu­ta tra i li­bri. Ne ave­va uno nel­le pau­se del­le pro­ve a tea­tro e sui set. An­che sull’iso­la di Få­rö, quan­do gi­rò Per­so­na, il pri­mo film con Ing­mar Berg­man. Ogni tan­to al­za­va gli oc­chi dal­le pa­gi­ne e lui la sta­va guar­dan­do. Fu al­lo­ra che si in­na­mo­ra­ro­no. La par­te di Liv era sta­ta pen­sa­ta per Max von Sy­dow, poi Berg­man, nel 1964, in­con­trò lei. «Non cre­do di aver sof­fia­to ruo­li a Bi­bi An­ders­son, Har­riet An­ders­son o In­grid Thu­lin. Piut­to­sto a Max e a Er­land Jo­se­ph­son, al­me­no nei pri­mi film che ab­bia­mo gi­ra­to in­sie­me. Mi sen­ti­vo la ver­sio­ne fem­mi­ni­le di Ing­mar; in Per­so­na, ero lui in quel mo­men­to del­la sua vi­ta: so­li­ta­rio e spa­ven­ta­to... Non ne ab­bia­mo mai par­la­to», al­za le brac­cia al cie­lo: «Per­do­na­mi Ing­mar se non ho ca­pi­to nien­te».

Liv ha scrit­to due li­bri au­to­bio­gra­fi­ci, che han­no ven­du­to tantissimo e Linn, la fi­glia sua e di Berg­man, è una scrit­tri­ce. «I li­bri so­no il mio con­for­to. Quan­do fac­cio fa­ti­ca a vi­ve­re pren­do un li­bro e en­tro nei pensieri di qual­cun al­tro: mi sen­to sol­le­va­ta e la tri­stez­za pas­sa. Va­le an­che per un con­cer­to dal vi­vo di mu­si­ca clas­si­ca ma il li­bro è un pia­ce­re che puoi gu­sta­re nel­la pol­tro­na di ca­sa: ini­zi a leg­ge­re e a un cer­to pun­to ti sen­ti ri­co­no­sciu­ta, ti ri­tro­vi... Ho let­to di tut­to, in Nor­ve­gia ab­bia­mo gran­di scrit­to­ri». Quan­do le no­mi­no Karl Ove Knau­sgård, pri­ma si ac­cer­ta che stia­mo par­lan­do del­la stes­sa per­so­na poi ha uno scop­pio di gio­ia im­prov­vi­sa: «Sì, è lui, so­lo che tu lo pro­nun­ci “all’ita­lia­na”.

All’ini­zio ero pre­ve­nu­ta, lo chia­ma­va­no il Prou­st nor­ve­ge­se e io che con­si­de­ro Un amo­re di Swann uno dei li­bri più bel­li mai scrit­ti ho rea­gi­to un po’ da snob... An­che noi nor­ve­ge­si pos­sia­mo es­ser­lo, non so­lo gli sve­de­si», sor­ri­de. «Poi ho ascol­ta­to al­cu­ne sue con­fe­ren­ze e mi ha stre­ga­to. Ho ri­pre­so in ma­no i suoi li­bri e l’ho ama­to. È pro­fon­do, di­ver­ten­te, au­toi­ro­ni­co e... mol­to af­fa­sci­nan­te», ri­de. «È ras­si­cu­ran­te, ti puoi ri­co­no­sce­re».

Co­sa ha pen­sa­to quan­do ha sa­pu­to che Bergamo, una cit­tà che si chia­ma qua­si co­me Berg­man, vo­le­va de­di­ca­re una re­tro­spet­ti­va a lei, mu­sa e com­pa­gna del re­gi­sta sve­de­se? «Mi so­no emo­zio­na­ta per­ché ho sco­per­to che pro­prio qui vi­ci­no han­no gi­ra­to uno dei miei film pre­fe­ri­ti, L’al­be­ro de­gli zoc­co­li: ero in giu­ria a Can­nes quan­do vin­se la Pal­ma d’oro ed ero in giu­ria quan­do vin­se un al­tro ita­lia­no, Nanni Mo­ret­ti». Da pic­co­la, ve­de Mi­ra­co­lo a Milano di Vit­to­rio De Si­ca e sco­pre co­sa può es­se­re il mon­do fuo­ri dal suo mi­cro­co­smo: «C’era gen­te mol­to po­ve­ra che nes­su­no aiu­ta­va e che poi, per mi­ra­co­lo, an­da­va ver­so una vi­ta mi­glio­re, do­ve c’è una “di­gni­tà uma­na su­pe­rio­re”. Berg­man di­ce­va sem­pre: “Quel­lo che mi spa­ven­ta di più è l’in­dif­fe­ren­za del­la gen­te, ho pau­ra che di­men­ti­chia­mo la no­stra uma­ni­tà”. Per que­sto nei suoi film c’era­no at­mo­sfe­re cu­pe e fred­de: ri­flet­te­va­no il suo ti­mo­re più gran­de».

Qua­si trent’an­ni fa, Liv ha fon­da­to la Wo­men’s Re­fu­gee Com­mis­sion, un’as­so­cia­zio­ne che si oc­cu­pa di pro­teg­ge­re le don­ne ri­fu­gia­te e i lo­ro bam­bi­ni nel­le aree di cri­si. «In Si­ria si stan­no mas­sa­cran­do da an­ni, e i bam­bi­ni che non so­no mor­ti vi­vo­no ta­li or­ro­ri che sa­ran­no trau­ma­tiz­za­ti per sem­pre. Per­ché non fac­cia­mo nien­te? Dai cam­pi pro­fu­ghi ar­ri­va­no sto­rie spa­ven­to­se... Pen­so al mo­vi­men­to Me Too che io so­sten­go. Dob­bia­mo aiu­ta­re tut­te le don­ne vit­ti­me di vio­len­za. È ter­ri­bi­le an­da­re a un in­con­tro di la­vo­ro e tro­va­re il pro­dut­to­re nu­do che ap­pro­fit­ta del suo po­te­re. Ma le ri­fu­gia­te nei cam­pi in Si­ria non pos­so­no nean­che an­da­re a pren­de­re l’ac­qua per i fi­gli per­ché san­no che per stra­da ver­ran­no stu­pra­te o uc­ci­se. An­che quel­lo è Me Too. Ave­va ra­gio­ne Ing­mar e lo di­ce­va an­che Ein­stein: il mon­do ver­rà di­strut­to dal­la no­stra in­dif­fe­ren­za, non dal­la cat­ti­ve­ria de­gli uo­mi­ni. Sia­mo di­ven­ta­ti egoi­sti, con­se­gnia­mo il mon­do nel­le ma­ni di po­li­ti­ci che ali­men­ta­no l’odio. E ci sen­tia­mo sem­pre più in­si­cu­ri e vul­ne­ra­bi­li. Co­sa pos­sia­mo fa­re? Pos­sia­mo par­la­re, cer­ta­men­te da­re sol­di ma so­prat­tut­to, sai co­sa pos­sia­mo fa­re io e te?», si av­vi­ci­na: «Es­se­re at­ten­te al­le per­so­ne che incontriamo, mo­stra­re lo­ro ca­lo­re e gen­ti­lez­za. Com­bat­tia­mo que­sta rab­bia. So­lo l’em­pa­tia ci può sal­va­re». Ca­the­ri­ne De­neu­ve è sta­ta at­tac­ca­ta per aver det­to di te­me­re un nuo­vo pu­ri­ta­ne­si­mo nei rap­por­ti tra uo­mi­ni e don­ne e Liv met­te in guar­dia dal ri­schio di un in­te­gra­li­smo: «Non dev’es­ser­ci per for­za una vo­ce so­la, Ca­the­ri­ne ha il di­rit­to di di­re quel­lo che vuo­le, e io ho il di­rit­to di cre­de­re nel­la giu­sti­zia che, 25 an­ni fa, non ha con­dan­na­to Woo­dy Al­len per le ac­cu­se che gli so­no sta­te mos­se... E in que­sti 25 an­ni...», si fer­ma. Fa un ge­sto con la ma­no, co­me a di­re: in tan­ti han­no sgo­mi­ta­to per la­vo­ra­re con lui... «Fac­cia­mo at­ten­zio­ne a non la­sciar­ci ac­ce­ca­re dall’odio». Il suo no­me vuol di­re “vi­ta”: «Quan­do so­no tri­ste mi di­co: “Liv, de­vi ono­ra­re il si­gni­fi­ca­to del tuo no­me”. Ogni mat­ti­na, so­no gra­ta al­la vi­ta per quel­lo che ho».

Le chie­do di Linn. In un me­ra­vi­glio­so do­cu­men­ta­rio sul­la sto­ria d’amo­re tra lei e Berg­man (Liv & Ing­mar) l’at­tri­ce rac­con­ta del rap­por­to qua­si sim­bio­ti­co con la lo­ro bam­bi­na, che si chia­ma Ull­mann («Io e Ing­mar non era­va­mo spo­sa­ti, le ho da­to il mio co­gno­me... Non ho pre­so il co­gno­me del mio pri­mo ma­ri­to, che ave­vo spo­sa­to pri­ma di in­con­tra­re Ing­mar, e nean­che dell’at­tua­le. Non mi pia­ce que­sta con­sue­tu­di­ne»). Liv si fer­ma, cer­ca di ri­pren­de­re il con­trol­lo del­la vo­ce. «È dif­fi­ci­le par­la­re di lei», di­ce, gli oc­chi lu­ci­di: «Ing­mar ha scrit­to Sin­fo­nia d’au­tun­no pen­san­do a noi. Io in­ter­pre­to una qua­ran­ten­ne che in­col­pa la ma­dre per co­me è an­da­ta la sua vi­ta. In­grid Berg­man – la ma­dre – è una pia­ni­sta fa­mo­sa, spes­so as­sen­te. Sia­mo sta­te mol­to vi­ci­ne io e Linn, poi ab­bia­mo avu­to qual­che dif­fi­col­tà... È ve­ro, il rap­por­to con la ma­dre è spes­so con­flit­tua­le ma al­cu­ne que­stio­ni non si pos­so­no ri­sol­ve­re per­ché for­se non ri­guar­da­no noi ma­dri ma voi fi­glie.

“LA CO­SA PIÙ GRAN­DE CHE ING­MAR MI HA LA­SCIA­TO? LA FI­DU­CIA IN ME STES­SA. UNA VOL­TA MI DIS­SE: TU SEI IL MIO STRADIVARI”

“SIA­MO DI­VEN­TA­TI CO­SÌ EGOI­STI, NON RIUSCIAMO PIÙ A SEN­TI­RE IL DO­LO­RE DI CHI CI PAS­SA AC­CAN­TO”

Le mam­me non pos­so­no es­se­re sem­pre mam­me, sai, a vol­te so­no sem­pli­ce­men­te es­se­ri uma­ni. La amo al­la fol­lia e fa­rei qua­lun­que co­sa per mia fi­glia. È una scrit­tri­ce me­ra­vi­glio­sa, un’in­se­gnan­te me­ra­vi­glio­sa, le au­gu­ro tut­ta la fe­li­ci­tà pos­si­bi­le».

In Sin­fo­nia d’au­tun­no i rap­por­ti tra Ing­mar e In­grid non fu­ro­no fa­ci­li: «Lei, che tro­va­va il ri­trat­to del­la ma­dre trop­po se­ve­ro, cer­cò di cor­reg­ge­re la sce­neg­gia­tu­ra ma Ing­mar te­ne­va mol­to al­la scrit­tu­ra. In una sce­na do­ve la fi­glia ac­cu­sa­va la ma­dre di es­se­re la fon­te di tut­ti i suoi pro­ble­mi In­grid do­ve­va ri­spon­de­re: “Ab­brac­cia­mi”, in­ve­ce si ri­fiu­tò: “Non rie­sco, la pren­de­rei a schiaf­fi”. Si al­lon­ta­na­ro­no per 20 mi­nu­ti poi lei fece la sce­na co­me la vo­le­va Ing­mar. Ne­gli oc­chi, le leg­ge­vi il sen­so di col­pa del per­so­nag­gio. Im­men­sa. Io mi im­pe­gnai per ren­de­re an­ti­pa­ti­ca la fi­glia al­me­no nel look, con gli oc­chia­lo­ni ro­ton­di e l’ac­con­cia­tu­ra con le due trec­ce rac­col­te...

Ogni tan­to mi vie­ne vo­glia di chia­mar­lo, Ing­mar, di dir­gli che era dav­ve­ro bra­vo: sof­fri­va per non es­se­re sta­to ri­co­no­sciu­to co­me scrit­to­re. Gli di­rei che so­lo ora ca­pi­sco al­cu­ne sce­neg­gia­tu­re che all’epo­ca mi sem­bra­va­no oscu­re, co­me L’ora del lu­po. Ri­cor­do che, il gior­no do­po la pri­ma, ci fer­mam­mo a comprare il gior­na­le. Mi sta­va ac­com­pa­gnan­do all’ae­ro­por­to, mi chie­se di leg­ger­gli la re­cen­sio­ne: era ter­ri­bi­le. Al­lo­ra in­ven­tai tut­to, dal­la pri­ma all’ul­ti­ma pa­ro­la. E lui pian­ge­va... Era com­mos­so per il mio amo­re o per­ché ci ave­va cre­du­to? Mi so­no sem­pre chie­sta se l’ab­bia mai sco­per­to, non ne ab­bia­mo più par­la­to».

Si il­lu­mi­na pen­san­do ai ni­po­ti: «Sia­mo mol­to le­ga­ti. Hal­fdan ha 27 an­ni e ha co­min­cia­to a gi­ra­re i pri­mi cor­ti. Si chia­ma Ull­mann an­che lui, ne va­do fie­ra. Han­na ne ha 14 ed è la ra­gaz­zi­na più dol­ce e allegra del mon­do: bal­la, scri­ve... Se­con­do me di­ven­te­rà at­tri­ce».

Ado­ra i gos­sip, so­prat­tut­to quel­li su Trump: «Spe­ro che tro­vi­no qual­co­sa di...», ab­bas­sa la vo­ce, con le ma­ni fi­ni­sce la fra­se: qual­co­sa di ve­ra­men­te com­pro­met­ten­te. «Ma non lo scri­ve­re o non mi per­met­te­rà di rien­tra­re a Bo­ston». La leg­ge­rez­za di cer­te se­ra­te con le ami­che so­no im­pa­ga­bi­li, di­ce. A spet­te­go­la­re, ma an­che a par­la­re d’amo­re e di li­bri. Sul set di Sus­sur­ri e gri­da, lei, Har­riet e In­grid si ubria­ca­ro­no tan­to che la mat­ti­na Har­riet si fece truc­ca­re sdra­ia­ta sul pa­vi­men­to e fu co­sì in­ten­sa nel gi­ra­re una sce­na de­li­ca­tis­si­ma che Berg­man non si ac­cor­se di nul­la: «Se non fos­si­mo sta­te co­sì vi­ci­ne, quel­la not­te, lei non avreb­be vo­la­to co­sì al­to... C’era qual­co­sa di sa­cra­le», di­ce.

Quan­do la­sciò Berg­man, nel ’69, tra­scor­se una not­ta­ta “con le ra­gaz­ze”, a chiac­chie­ra­re e be­re vi­no. Non a ca­so, una del­le sue serie pre­fe­ri­te è Sex & the Ci­ty. Le pro­po­se­ro un ca­meo ma ri­fiu­tò per pau­ra di ro­vi­na­re tut­to: «Do­ve­vo es­se­re l’ex mo­glie di Ba­ry­sh­ni­kov ma avreb­be­ro det­to: od­dio, chi è quel­la vec­chia?», ri­de. «Mi han­no of­fer­to an­che una par­te in Ocean’s Ele­ven», rac­con­ta: «“È bra­va, ci ho pas­sa­to una not­te tem­po fa”, avreb­be det­to di me... co­me si chia­ma l’at­to­re spo­sa­to con l’av­vo­ca­tes­sa Ala­mud­din?». Non pos­so fa­re a me­no di sor­ri­de­re: so­lo un’at­ti­vi­sta im­pe­gna­ta a fa­vo­re dei di­rit­ti ci­vi­li del­le don­ne de­fi­ni­reb­be Geor­ge Cloo­ney “il ma­ri­to di Amal Ala­mud­din”. «Im­ma­gi­na­te la di­spe­ra­zio­ne», con­ti­nua: «Scen­do dall’ae­reo e non so­no più la Liv del­le fo­to... Vo­glio tor­na­re a re­ci­ta­re ma aspet­to un bel ruo­lo da ot­tan­ten­ne...».

Ha un ri­cor­do dol­cis­si­mo di Spe­ria­mo che sia femmina, il film di Mo­ni­cel­li sul­la com­pli­ci­tà fem­mi­ni­le: «Era il 1985 e spo­sai il mio at­tua­le ma­ri­to pro­prio a Roma, in quel pe­rio­do... A par­te i pri­mi tem­pi con Ing­mar, non so­no mai sta­ta co­sì fe­li­ce. Mi sen­ti­vo a ca­sa, mi sen­ti­vo ita­lia­na, c’era una so­rel­lan­za ve­ra e il bel­lo è che ne fa­ce­va­no par­te an­che gli uo­mi­ni».

Co­me fe­steg­ge­rà gli 80 an­ni? «Spe­ro di riu­sci­re a scri­ve­re il mio li­bro The blue hour, sul­le op­por­tu­ni­tà che scopri di ave­re al­la mia età: de­vo tro­va­re il tem­po per met­ter­le be­ne a fuo­co...». Il re­ga­lo più bel­lo? Mi guar­da, cer­ca un fi­lo di vo­ce in go­la e di­ce: «Linn». Lo­ro due da so­le? «No, li­ti­ghe­rem­mo do­po cin­que mi­nu­ti... Vo­glio pas­sa­re una bel­la gior­na­ta con la mia fa­mi­glia».

Per Ing­mar Berg­man, la fa­mi­glia era so­prat­tut­to la non­na: lo ama­va tan­to, gli rac­con­ta­va sto­rie sull’uni­ver­so e gli par­la­va di una de­sti­na­zio­ne sco­no­sciu­ta che non avreb­be mai do­vu­to smet­te­re di cer­ca­re: «Di­ce­va di es­ser­ci sta­to, una vol­ta, e per tut­ta la vi­ta ha cer­ca­to la stra­da per tor­nar­ci». Mi guar­da, an­co­ra con gli oc­chi lu­ci­di: «E se quel­la de­sti­na­zio­ne sco­no­sciu­ta fos­se l’amo­re?».

Da si­ni­stra. Liv Ull­mann con Ing­mar Berg­man. L’at­tri­ce in una fo­to di qual­che an­no fa con la lo­ro fi­glia Linn che è di­ven­ta­ta una scrit­tri­ce di suc­ces­so.

A si­ni­stra. Liv con Er­land Jo­se­ph­son in Sce­ne da un ma­tri­mo­nio di Ing­mar Berg­man. A fian­co. L’at­tri­ce nor­ve­ge­se in una sce­na del film L’im­ma­gi­ne al­lo spec­chio di Berg­man. Sot­to. Liv nel pri­mo film gi­ra­to con il re­gi­sta sve­de­se: Per­so­na, usci­to nel...

Liv Ull­mann, 80 an­ni il pros­si­mo 16 di­cem­bre, è sta­ta la com­pa­gna di Berg­man per 5 an­ni e sua ami­ca per 40. Lui l’ha di­ret­ta in 12 film. Il fe­sti­val Bergamo Film Mee­ting le ha de­di­ca­to una re­tro­spet­ti­va. So­pra. Una vec­chia fo­to di Liv con Linn, la...

A de­stra. Liv Ull­mann in una del­le fo­to espo­ste al­la mo­stra or­ga­niz­za­ta dal Bergamo Film Mee­ting, Liv & Ing­mar. Sot­to. Una sce­na di Miss Ju­lie, di­ret­to da Liv Ull­mann nel 2014, dal te­sto di Au­gu­st Strind­berg, con Jes­si­ca Cha­stain e Co­lin Far­rell.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.