LA FE­LI­CI­TÀ IN TE­STA

Ben Coo­ke è l’hair­sty­li­st del buo­nu­mo­re. Ol­tre a crea­re tendenze, la sua mis­sio­ne è quel­la di far cre­sce­re l’au­to­sti­ma

ELLE (Italy) - - Beauty - di VALENTINA SORRENTI

IL CLUB ALMA a Ma­drid è uno spa­zio per so­le don­ne aper­to an­che a qual­che uo­mo che “se lo me­ri­ta”. È pro­prio qui che ho in­con­tra­to Ben Coo­ke, Am­bas­sa­dor di Pan­te­ne e hair­sty­li­st ri­ma­sto nel­la sto­ria per aver ta­glia­to la lun­ga chio­ma di Vic­to­ria Bec­kham. Mi ha ac­col­to con un sor­ri­so sin­ce­ro di­cen­do: «Che bei ca­pel­li che hai». E non ho avu­to dub­bi sul mo­ti­vo del­la sua am­mis­sio­ne al club: Ben ama il suo la­vo­ro e ren­de­re fe­li­ci le don­ne.

Co­me si ot­ten­go­no ca­pel­li sa­ni?

«Bi­so­gna cu­rar­li e ri­spet­tar­li. Si ini­zia con sham­poo, bal­sa­mo e ma­sche­ra. La nuo­va for­mu­la di Pan­te­ne, per esem­pio, è ar­ric­chi­ta con li­pi­di in­cap­su­la­ti. So­no “gras­si buo­ni” che pe­ne­tra­no nel­la fi­bra ca­pil­la­re nu­tren­do già nel­la fa­se di de­ter­sio­ne. È im­por­tan­te poi, da­re una spun­ta­ti­na ogni due me­si».

Che co­sa in­ve­ce li dan­neg­gia?

«Gli ec­ces­si: trop­po sty­ling, trop­pi pro­dot­ti, trop­po ca­lo­re. Ba­sta ab­bas­sa­re al mi­ni­mo la tem­pe­ra­tu­ra del­la pia­stra e li­mi­tar­ne l’uso al­le oc­ca­sio­ni spe­cia­li. Tra l’al­tro og­gi la ten­den­za è quel­la dell’asciu­ga­tu­ra al na­tu­ra­le, out of bed. Me­glio di co­sì!».

Che co­sa scat­ta nel­la men­te quan­do si de­ci­de di ta­glia­re dra­sti­ca­men­te i ca­pel­li?

«La vo­glia di rein­ven­tar­si. Tut­ti han­no un ta­glio con il qua­le si im­ma­gi­na­no, quel­lo che, se chiu­di gli oc­chi e pen­si a te stes­so, ve­di. Io mi vi­sua­liz­zo con i ca­pel­li cor­ti, an­che se ora so­no lun­ghi. Quan­do le per­so­ne fan­no gran­di cam­bia­men­ti de­vo­no pen­sa­re che co­mun­que ri­cre­sce­ran­no. La co­sa più im­por­tan­te è sen­tir­si si­cu­ri di sé e far­lo so­lo se si è con­vin­ti: Bi­so­gna evi­ta­re pen­ti­men­ti: non fan­no be­ne all’au­to­sti­ma».

Com’è la­vo­ra­re con le star?

«A fi­ne gior­na­ta mi pia­ce pen­sa­re che ho re­so un ser­vi­zio, non im­por­ta se per una fe­sta di com­plean­no o per un red car­pet. Il co­mu­ne de­no­mi­na­to­re è ren­de­re fe­li­ci le per­so­ne. Al­cu­ne ce­le­bri­ty han­no le stes­se in­si­cu­rez­ze di chi en­tra nel mio sa­lo­ne la mat­ti­na al­le no­ve. So­no es­se­ri uma­ni».

Qua­li so­no sta­te le ri­chie­ste più stra­ne che ha ri­ce­vu­to?

«In se­gui­to al Pob, il ca­schet­to cor­to die­tro e lun­go da­van­ti, che ho rea­liz­za­to su Vic­to­ria, tan­te so­no ve­nu­te in sa­lo­ne con le fo­to in ma­no, no­no­stan­te io so­sten­ga che quel ta­glio non è per tut­te. Una vol­ta è en­tra­ta una ra­gaz­za mol­to po­sh che non pet­ti­na­va i ca­pel­li da un me­se: ave­va un dread­lock e mi ha chie­sto di ta­gliar­glie­lo. Ma la co­sa più stra­na di tut­te mi è suc­ces­sa in un backstage, una mo­del­la vo­le­va ac­cor­cia­re “lì sot­to”. Ok, nes­sun pro­ble­ma, è so­lo la­vo­ro».

A si­ni­stra. Loc­ko­ne­go il sa­lo­ne lon­di­ne­se (394 King’s Road) di Ben Coo­ke (so­pra). A de­stra. Il nuo­vo pro­dot­to con li­pi­di in­cap­su­la­ti:

3 in 1 Sham­poo + Bal­sa­mo + Trat­ta­men­to di Pan­te­ne (3,50 eu­ro).

Ben Coo­ke con l’ami­ca e “clien­te” Vic­to­ria Bec­kham di­ret­ti al ma­tri­mo­nio di El­ton John e Da­vid Fur­ni­sh nel 2005.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.