margot

ELLE (Italy) - - La Moda - SAMIRA NASR di ALEXI LUBOMIRSKI fo­to

Gold Coast. Da lì nel cuo­re del Queen­sland au­stra­lia­no - vie­ne Margot Rob­bie, at­tri­ce e bel­lez­za moz­za­fia­to. Bion­da, pel­le dorata, si ca­la per­fet­ta­men­te nel ruo­lo del­la bea­ch ba­be ba­cia­ta dal so­le. E in­ter­pre­ta uno sti­le “aus­sie” che striz­za l’oc­chio all’uni­ver­so surf, me­sco­lan­do pull tri­cot, co­stu­mi atle­ti-chic, stampe Ha­waii e ri­ga­ti ma­ri­niè­re. Ef­fet­to gran­de bar­rie­ra co­ral­li­na, a co­lo­ri spla­sh

“IL SET? È UN CAN­TIE­RE. AL­TRO CHE TRUC­CO E ABITI GLAM”

Oc­chi pe­ne­tran­ti. Sor­ri­so ab­ba­glian­te. Ca­ri­sma straor­di­na­rio. Margot Rob­bie è uno schian­to. Ma co­me le don­ne che ha im­per­so­na­to nel­la sua de­cen­na­le car­rie­ra – una mo­glie-tro­feo in The Wolf of Wall Street; l’esu­be­ran­te e fem­mi­ni­sta Ja­ne in The Le­gend of Tar­zan e Har­ley Quinn, la fol­le cri­mi­na­le di Sui­ci­de Squad – la bel­la australiana va ol­tre lo ste­reo­ti­po. Nel­la real­tà, Rob­bie, 27 an­ni, è una bra­vis­si­ma ca­rat­te­ri­sta. E in I, To­nya - il film ora nei ci­ne­ma con il qua­le si è ag­giu­di­ca­ta una no­mi­na­tion co­me mi­glior at­tri­ce protagonista agli Oscar 2018, una dark co­me­dy sul­la vi­ta pat­ti­na­tri­ce olim­pi­ca To­nya Har­ding – la bra­vu­ra del­la Rob­bie si è este­sa ol­tre il gran­de scher­mo. È sta­ta in­fat­ti lei a pro­dur­re il film con la Luc­ky­chap En­ter­tain­ment, la ca­sa di pro­du­zio­ne crea­ta nel 2015 col ma­ri­to Tom Ac­ker­ley, e che van­ta og­gi mez­za doz­zi­na di film e un pro­get­to in can­tie­re: la serie tv Doll­fa­ce. Quan­do non si oc­cu­pa di pro­du­zio­ne, Margot con­ti­nua ad ac­cet­ta­re ruo­li im­por­tan­ti, co­me la Re­gi­na Eli­sa­bet­ta I in Ma­ry Queen of Sco­ts (ac­can­to a Saoir­se Ro­nan), che l’ha por­ta­ta a in­dos­sa­re co­stu­mi d’epo­ca, un pe­san­tis­si­mo truc­co, una par­ruc­ca. In qual­che mo­do, l’at­tri­ce ha an­che tro­va­to il tem­po per se­der­si con Al­li­son Jan­ney, at­tri­ce e co­pro­ta­go­ni­sta di I, To­nya, che l’ha in­ter­vi­sta­ta in esclu­si­va per El­le.

Al­li­son Jan­ney: So­no an­da­ta a ve­de­re su Goo­gle il tuo look da Re­gi­na Eli­sa­bet­ta I e so­no ri­ma­sta ba­si­ta! As­so­lu­ta­men­te ma­gni­fi­ca. Hai avu­to pau­ra di ve­sti­re i pan­ni di un per­so­nag­gio rea­le?

Margot Rob­bie: Eli­sa­bet­ta è sta­ta in­ter­pre­ta­ta in co­sì tan­ti mo­di di­ver­si che non pos­so non av­ver­ti­re un cer­to ti­mo­re. Ma mi ras­si­cu­ra il fat­to che or­mai sia mor­ta da qual­che cen­ti­na­io di an­ni...cre­do sia sta­to più dif­fi­ci­le in­ter­pre­ta­re il ruo­lo di Ta­nya, an­co­ra vi­va e ve­ge­ta e di cui si co­no­sce be­ne la sto­ria. Ad ogni mo­do, an­che il per­so­nag­gio che sto in­ter­pre­tan­do ades­so è ro­man­za­to, quin­di un po’ di pau­ra ce l’ho, per­ché vor­rei ren­der­lo al me­glio.

AJ: A che per­so­nag­gio ti ri­fe­ri­sci?

MR: Parlo del ter­zo film del­la Luc­ky­chap, gi­ra­to in New Me­xi­co. È un film in­di­pen­den­te, una pic­co­la pro­du­zio­ne. In­ter­pre­to una fuo­ri­leg­ge du­ran­te la Du­st Bo­wl (“tem­pe­sta di sab­bia”) in Te­xas, ne­gli an­ni ’30.

AJ: Sei at­tri­ce e pro­dut­tri­ce al­lo stes­so tem­po...

MR: Ado­ro re­ci­ta­re per­ché amo il ci­ne­ma. La pri­ma vol­ta che mi so­no tro­va­ta su un set, so­no ri­ma­sta stre­ga­ta dal­le man­sio­ni di ogni sin­go­la per­so­na pre­sen­te, e ho fat­to mil­le do­man­de. Amo il pro­ces­so di rea­liz­za­zio­ne di un film nel­la sua in­te­rez­za, e mi so­no re­sa con­to che so­no i pro­dut­to­ri a con­cre­tiz­za­re lo svi­lup­po crea­ti­vo. Non mi pia­ce star­me­ne lì se­du­ta al­la scri­va­nia a par­la­re al te­le­fo­no con ban­che e pos­si­bi­li fi­nan­zia­to­ri, pre­fe­ri­sco oc­cu­par­mi del bud­get e ge­stir­lo in mo­do ocu­la­to. È più en­tu­sia­sman­te.

AJ: Per I, To­nya hai do­vu­to im­pa­ra­re a pat­ti­na­re in tre me­si. Co­me hai fat­to ad ac­qui­si­re quel­la di­sin­vol­tu­ra?

MR: So­no cre­sciu­ta con i rol­ler­bla­de ai pie­di, e quan­do so­no ar­ri­va­ta in Ame­ri­ca ho pra­ti­ca­to hoc­key su ghiac­cio, al­me­no fi­no a quan­do ho ri­co­min­cia­to a la­vo­ra­re. An­che tu hai sem­pre pat­ti­na­to, giu­sto?

AJ: Sì, avrei vo­lu­to par­te­ci­pa­re al­le Olim­pia­di di pat­ti­nag­gio ar­ti­sti­co ma ero trop­po al­ta. È uno sport acro­ba­ti­co, de­vi es­se­re ri­so­lu­ta e “spie­ta­ta”. Tu lo sei.

MR: Di­cia­mo che non mi pon­go trop­pi li­mi­ti.

AJ: Sei sta­ta un’as­si­sten­te di vo­lo, un’im­bro­glio­na, un’in­via­ta di guer­ra, una cri­mi­na­le, una pat­ti­na­tri­ce ed ora ad­di­rit­tu­ra una re­gi­na. Se po­tes­si es­se­re una di que­ste don­ne an­che so­lo per un gior­no, chi sce­glie­re­sti?

MR: L’in­via­ta di guer­ra. Quel mon­do mi af­fa­sci­na.

AJ: Hai un men­to­re?

MR: Non cre­do di aver­ne mai avu­to uno, an­che se ci so­no mol­te per­so­ne a cui chie­do con­si­glio.

AJ: Co­sa pen­si di truc­co e abiti da se­ra?

MR: È di­ver­ten­te ogni tan­to. La gen­te pen­sa che noi at­tri­ci sia­mo sem­pre in po­sti bel­lis­si­mi e in abiti gla­mour. Un set, in­ve­ce, è una spe­cie di can­tie­re do­ve per il 98 per cen­to del tem­po gi­ri in mez­zo al­la polvere, e per il re­stan­te due per cen­to fi­nal­men­te puoi re­ci­ta­re truc­ca­ta e in abiti sontuosi. A te pia­ce?

AJ: Con mo­de­ra­zio­ne. Per quan­to mi ri­guar­da, con­ti­nuo a sen­tir­mi a di­sa­gio sul red car­pet.

MR: Il tap­pe­to ros­so ter­ro­riz­za an­che me. De­vo can­tic­chia­re per cal­mar­mi, ma è bel­lo fe­steg­gia­re un pro­get­to al qua­le hai de­di­ca­to me­si, an­ni del­la tua vi­ta.

AJ: Dia­ne Kea­ton è il mo­ti­vo per cui ho de­ci­so di fa­re l’at­tri­ce. Qual­cu­no che ti ha ispi­ra­to?

MR: Mi so­no sem­pre pia­ciu­te le at­tri­ci che se ne fre­ga­no del look. Ju­liet­te Lewis è una di lo­ro.

AJ: Qual­cu­no ha mai abu­sa­to del suo po­te­re con te?

MR: Non nel mon­do del ci­ne­ma. Non mi han­no mai pro­po­sto un pro­vi­no sul… di­va­no! Mi è ca­pi­ta­to in­ve­ce nel mon­do fuo­ri dal set.

AJ: Qua­li so­no sta­ti i tuoi al­ti e bas­si?

MR: Fra gli “al­ti”, la serie Pan Am. Tut­ti mi di­ce­va­no “sei paz­za a vo­ler an­da­re in Ame­ri­ca, non ce la fa­rai”. Ma ce l’ho fat­ta. Da ra­gaz­zi­na, in­vi­dia­vo i pac­chet­ti­ni az­zur­ri di Tif­fa­ny&co. Ar­ri­va­ta a New York do­po aver tro­va­to il mio po­sto nel ci­ne­ma, ho ri­ti­ra­to il pri­mo sti­pen­dio e so­no cor­sa sul­la Fif­th Ave­nue per com­pe­rar­mi un charm a for­ma di ae­ro­pla­no. Era la co­sa che co­sta­va me­no, ma è sta­ta una del­le emo­zio­ni più for­ti del­la mia vi­ta. E poi la “lit­tle blue box” me la so­no com­pra­ta da so­la...

Ma­glia di co­to­ne mul­ti­co­lo­re con mo­ti­vi geometrici, Missoni, su shorts, RRD Ro­ber­to Ricci De­si­gns.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.