ELLE (Italy)

Pagina bianca

Il bisogno di convogliar­e la creatività in un progetto concreto e di trasmetter­e il proprio talento, uniti a un pizzico di ambizione e di voglia di sognare. Ecco gli ingredient­i di base dell’editoria d’arte indipenden­te

- di CRISTINA ROPA

Storie di editoria d’arte indipenden­te

LA PASSIONE

nel voler esprimere il proprio talento e il coraggio di seguire le proprie ambizioni sono i tratti che accomunano alcuni artisti che hanno riconosciu­to nell’editoria d’arte indipenden­te uno sbocco per realizzare i propri sogni. C’è chi ha ideato mappe illustrate dal design pulito e colorato che sono vere e proprie opere d’arte, chi ha creato un libro dal richiamo fiabesco, con illustrazi­oni eleganti ed evocative, chi, forte del gruppo che si è creato sin dagli anni degli studi universita­ri, ha realizzato una rivista di illustrazi­oni e fumetti innovativa, distribuit­a anche a livello internazio­nale. Tutto questo grazie a un mix di capacità, determinaz­ione, impegno continuo e scelta dei giusti canali di comunicazi­one, tra cui i social. Uno sguardo su questo nuovo mondo creativo è possibile durante l’annuale fiera dedicata all’arte indipenden­te che si svolge a Bologna. Il prossimo appuntamen­to di Fruit Exhibition sarà dall’1 al 3 febbraio 2019 a Palazzo Isolani.

Selvatiche

per natura

Laura Savina, 30 anni, di Roma e Cinzia Franceschi­ni, 29 anni, di Treviso, sono illustratr­ici freelance. Fanno parte dello Studi_ ortica e hanno realizzato Selvatiche, un libro che alterna illustrazi­oni e scrittura.

www.studiortic­a.com/selvatiche; www.laurasavin­a.com; Instagram: _laurasavin­a_; www.cinziafran­ceschini. com; Instagram: fraiznic. «Ci siamo conosciute a un corso di illustrazi­one. Laura, laureata in Storia dell’arte, lavorava come cameriera e io avevo lasciato l’ordine dei giornalist­i, un anno dopo aver superato l’esame di Stato. Eravamo entrambe insoddisfa­tte e inseguivam­o il nostro sogno. Una volta terminato il corso e dopo una breve esperienza di lavoro con altri illustrato­ri, nel 2017, un’amica ci ha proposto di realizzare un progetto ispirato a Topolò la sua città di origine, un territorio quasi disabitato, immerso nella natura, al confine con la Slovenia. Ci ha perciò offerto di trascorrer­e lì 10 giorni

in “residenza artistica”, per realizzare un progetto da presentare al Festival Stazione, una rassegna di due settimane legata all’arte, all’editoria indipenden­te e alla storia del territorio che si sarebbe svolta a luglio. Siamo partite all’inizio di aprile. L’atmosfera tranquilla e la natura che ci circondava ci hanno ispirate a disegnare, scattare foto, scrivere, intervista­re. Il materiale raccolto ci ha permesso di dare vita al nostro primo progetto, Selvatiche, un libro illustrato che unisce storie vere e di fantasia che abbiamo poi presentato al Festival. “Selvatiche” è una parola che Laura aveva in mente fin dai primi disegni per il libro. Le piaceva perché richiama l’immaginari­o della natura e allude a qualcosa di spontaneo, libero, non del tutto addomestic­abile. In effetti racchiude in sè le sensazioni che abbiamo provato a Topoló. Ora siamo alla seconda ristampa e lavoriamo anche su commission­e, grazie a Instagram e al passaparol­a. “Illustrare” non è sempliceme­nte disegnare, ma realizzare un prodotto visivo che comunichi qualcosa. Ci vogliono determinaz­ione, impegno, fatica, ma ci viene naturale trasformar­e quello che viviamo in un progetto. Il nostro obiettivo è trasmetter­e qualcosa nel modo più bello possibile».

Cristina Cappellari,

31 anni e Ferruccio Costantini, 30 anni, entrambi architetti, hanno fondato Studio Saòr, uno studio creativo di “architettu­ra illustrata”, un lavoro con cui possono ampliare le loro conoscenze e aprire il loro progetto a nuove collaboraz­ioni. Durante il giorno continuano a svolgere la loro profession­e in diversi studi. www. studiosaor.com Instagram: studiosaor «Studio Saòr è nato a Venezia nel 2014 dal nostro amore per le mappe e la rappresent­azione cartografi­ca, sviluppato­si durante gli studi in Architettu­ra e Urbanistic­a ed ispirato al libro L’atlante delle isole remote di Judith Schalansky. Sull’onda di queste passioni ci trovavamo la sera, dopo il lavoro, a esplorare carte nautiche e topografic­he. Pensando a quanto le guide turistiche vendute nei negozi fossero tutte uguali tra loro, abbiamo deciso di lanciarci in un progetto innovativo di “architettu­ra illustrata”, per far conoscere e raccontare in modo diverso il patrimonio architetto­nico e urbano della nostra città. Il punto da cui partiamo è quello di osservare la città, analizzarl­a e capire i temi che la caratteriz­zano. Da qui ne scegliamo uno e lo rappresent­iamo con il nostro design, minimale e colorato, dando vita a un prodotto finale curato anche nell’estetica. Abbiamo iniziato creando poster raffiguran­ti le mappature di alcune isole di Venezia, con l’idea che potessero prestarsi per essere incornicia­te e appese, come un quadro.

“LO STUDIO SAÓR È NATO DALLA NOSTRA PASSIONE PER LA CARTOGRAFI­A E PER LE MAPPE”

Per quello che riguarda invece le mini guide, molto apprezzate, si tratta di vere e proprie mappe informativ­e: abbiamo progettato un libro contenente la planimetri­a delle centoventi chiese presenti in città con relative informazio­ni. Un altro progetto riguarda i ponti, ulteriore elemento che ci ha ispirato. Al momento, dei quattrocen­to presenti a Venezia, ne abbiamo illustrati venti, di cui alcuni morfologic­amente fuori asse, quindi un pò storti. Il prodotto grafico è particolar­e, ma ci consente di ottenere un risultato diverso e divertente. Nel 2016 sono iniziati i primi incarichi tra cui l’invito a collaborar­e all’allestimen­to della mostra L’aquila’s Postquake landscapes (20092017). Per loro abbiamo realizzato una

“ABBIAMO DECISO DI UNIRE AMBITI DIVERSI, IN UN MIX DI ARTI E STILI MOLTO STIMOLANTE E CREATIVO”

mappa dell’aquila con gli interventi di edilizia avvenuti dopo il terremoto. Ora stiamo lavorando su vari progetti: una mappa turistica pieghevole di Venezia a cui vorremmo aggiungere itinerari ideati da noi e un isolario che racchiuda tutte le isole della città. Infine ci piacerebbe estendere la nostra idea di guida turistica ad altre località italiane per valorizzar­ne le diverse peculiarit­à. Il nome dello studio, Saòr, deriva dal dialetto veneto: significa “sapore” o “gusto”. Il termine nasce da un modo di cucinare e conservare pesce e verdure, tipico veneziano che consiste nel lasciar marinare per giorni l’ingredient­e: questo è quello che cerchiamo di fare alle classiche mappe della città, aggiungere “sapore”, per renderle originali e uniche».

Fumetti

e stili a strati

La redazione del magazine Lök Zine è formata da Elisa Caroli,

30 anni, caporedatt­rice della rivista e illustratr­ice freelance a Parigi;

Salvatore Giommarres­i,

fumettista e illustrato­re; lavora con diverse associazio­ni, spesso per progetti internazio­nali: le sue ultime esperienze sono state due residenze d’arte in Mozambico e in Vietnam di cui poi racconta nei suoi viaggi illustrati;

Lucia Manfredi,

29 anni, fumettista: lavora in un’agenzia di comunicazi­one a Reggio Emilia. Recentemen­te grazie a uno scambio artistico è stata in Giappone e Corea del Sud. www.lokzine.com/

Instagram: lok_zine

«Lök Zine è un magazine di illustrazi­one e fumetto nato nel 2011 quando studiavamo all’accademia delle Belle Arti di Bologna. Eravamo in otto e sentivamo il bisogno di convogliar­e la nostra creatività in un progetto concreto. Così abbiamo deciso di unire i vari ambiti artistici, pittura, fotografia, scrittura, cercando di amalgamare i vari stili. Da questa riflession­e è nata anche la scelta del nome: lök, in svedese significa cipolla, i cui “strati” corrispond­ono alle diverse arti. Ci piaceva il suono della parola e la dieresi dal punto di vista grafico, infatti è diventata il nostro logo. Iniziare con il format rivista è stato ideale per incontrare nuovi artisti e per evolverci: abbiamo sperimenta­to racconto, fotografia, moda, poesia. È stato stimolante come gruppo e come autori singoli. Ora siamo rimasti in tre del primo team. Ma al magazine lavorano anche artisti di fama internazio­nale che coinvolgia­mo attraverso la pubblicazi­one di Contest sui social. Diamo a fumettisti e illustrato­ri un tema che può riguardare i più svariati argomenti: dallo spazio inteso come universo o fisico, alla criptozool­ogia, una pseudo scienza che studia i mostri delle leggende. La copertina, l’unica pagina al momento a colori, è affidata a un autore più conosciuto intervista­to per il numero. Negli anni siamo riusciti a farci conoscere a livello internazio­nale: partecipia­mo regolarmen­te alle fiere di editoria indipenden­te in Italia, Francia, Olanda, Svizzera, Inghilterr­a e la nostra rivista viene ora venduta anche in Asia e in America. Lök Zine ci apre le porte della sperimenta­zione e del confronto posizionan­doci in una prospettiv­a editoriale ampia che ci completa in quanto profession­isti. In questo tipo di lavoro è facile pensare “basta, mollo tutto”, per questo è importante lavorare in un gruppo con cui condivider­e tutto e tendere, insieme, verso nuovi traguardi. I prossimi saranno stampare tutto a colori e aumentare la foliazione. Abbiamo attivato anche una raccolta di crowdfundi­ng, per realizzare questi progetti e per riuscire finalmente a pagare il lavoro degli autori».

 ??  ?? A sinistra. Cinzia Franceschi­ni. Sopra. Laura Savina. Sotto. The florist (Laura Savina).
A sinistra. Cinzia Franceschi­ni. Sopra. Laura Savina. Sotto. The florist (Laura Savina).
 ??  ?? Il progetto sui ponti di Venezia dello Studio Saòr.
Il progetto sui ponti di Venezia dello Studio Saòr.
 ??  ?? Cristina Cappellari e Ferruccio Costantini dello Studio Saòr e una delle mappe.
Cristina Cappellari e Ferruccio Costantini dello Studio Saòr e una delle mappe.
 ??  ?? L’architettu­ra illustrata
L’architettu­ra illustrata
 ??  ?? A sinistra. Lök 07 Steffie Brocoli. Sotto. Lök 09 Interno mock up. A destra. Salvatore Giommarres­i, Elisa Caroli, Lucia Manfredi.
A sinistra. Lök 07 Steffie Brocoli. Sotto. Lök 09 Interno mock up. A destra. Salvatore Giommarres­i, Elisa Caroli, Lucia Manfredi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy