MAFALDA VS CHARLIE BRO­WN

ELLE (Italy) - - Elleweek - di Se­re­na La Ro­sa

LA PIC­CO­LA CONTESTATRICE DI QUINO COM­PIE 50 AN­NI. IL BAM­BI­NO DAL­LA TE­STA RO­TON­DA DI SCHULZ NE HA 70. DUE MO­STRE CE­LE­BRA­NO GLI ENFANTS TERRIBLES CHE HAN­NO FAT­TO SCUO­LA. AGLI ADUL­TI

Tut­te vo­glia­mo es­se­re Mafalda. In una del­le pri­me stri­sce del­la sua sto­ria, che Quino di­se­gnò per una pub­bli­ci­tà di elet­tro­do­me­sti­ci, Mafalda di­fen­de la sua bam­bo­la dal col­tel­lo del bam­bi­no che vuo­le ve­de­re co­sa con­tie­ne, sve­lan­do una sca­bro­sa ve­ri­tà: «Den­tro è pie­na di ini­bi­zio­ni». Era il 1963, il bam­bi­no sa­reb­be di­ven­ta­to quel­lo svam­pi­to di Fe­li­pe. Pub­bli­ca­ta in Ita­lia per la pri­ma vol­ta 50 an­ni fa, Mafalda «la con­te­sta­ta­ria» – da una pre­fa­zio­ne di Um­ber­to Eco – non ha co­gno­me, ma un in­di­riz­zo as­sai pre­ci­so nel­lo spa­zio­tem­po: l’ar­gen­ti­na tra gli an­ni ’60 e i ’70. E una tar­ta­ru­ga che si chia­ma Bu­ro­cra­zia. Tut­te vo­glia­mo es­se­re Mafalda, so­lo ci man­ca la te­nu­ta. Il pun­ti­glio in­fa­ti­ca­bi­le di co­glie­re ogni pre­te­sto per in­sor­ge­re con­tro la guer­ra, il raz­zi­smo, l’in­giu­sti­zia, e quel­la dan­na­ta mi­ne­stra. Co­me ogni bam­bi­na di buon sen­so, Mafalda è fu­ri­bon­da da­van­ti al suo fu­tu­ro.

Nes­su­no vuo­le es­se­re Charlie Bro­wn.

Nel­la pri­ma stri­scia pub­bli­ca­ta ne­gli Sta­ti Uni­ti, Charlie Bro­wn – no­me e co­gno­me, sem­pre: co­me cer­ti com­pa­gni di scuo­la di mez­za clas­si­fi­ca – cam­mi­na tut­to con­ten­to per una stra­da che po­treb­be es­se­re ovun­que; Sher­my dal mar­cia­pie­de lo blan­di­sce – «Ca­ro vec­chio Charlie Bro­wn» – fin­ché non gi­ra l’an­go­lo, e poi con­fes­sa: «Co­me lo odio!». C’è di buo­no che Sher­my è sta­to fat­to fuo­ri qua­si su­bi­to. Nes­su­no vuo­le es­se­re Charlie Bro­wn, ma al­me­no una vol­ta a set­ti­ma­na gli so­mi­glia­mo tut­ti (più spes­so il lu­ne­dì). È l’eroe nor­ma­le che non si in­te­gra ma nean­che si ar­ren­de, il lan­cia­to­re di una squa­dra di ba­se­ball che vin­ce so­lo quan­do non gio­ca lui, in­na­mo­ra­to da set­tant’an­ni di una ra­gaz­zi­na dai ca­pel­li ros­si che non l’ha ama­to mai (ed è una sto­ria ve­ra). È il pre­sen­te pu­ro di un uni­ver­so sen­za adul­ti, e per que­sto po­chis­si­mo in­fan­ti­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.