Sa­ga di CORNA al­la cor­te de­gli ZAR

GLI AME­RI­CA­NI SO­NO DI­VEN­TA­TI TROP­PO MORALISTI PER ACCORGERSENE, MA LA SE­RIE THE ROMANOFFS, SCRIT­TA DAL CREA­TO­RE DI MAD MEN È BEL­LIS­SI­MA. E SFOG­GIA UN CAM­PIO­NA­RIO DI DON­NE CO­SÌ FOR­TI, DE­BO­LI E COM­PLES­SE E IMPRESENTABILI DA SEM­BRA­RE VE­RE

ELLE (Italy) - - Teleromanzo -

Mat­thew Wei­ner in­car­na un pro­ver­bio ame­ri­ca­no: più in al­to sa­li, più ti fai ma­le ca­den­do. Era in ci­ma: era quel­lo che s’era in­ven­ta­to Mad men, e quin­di ve­ni­va con­si­de­ra­to da un po’ tut­ti – cri­ti­ci sma­nio­si di sen­tir­si in­tel­li­gen­ti, mo­da­io­le vo­glio­se di ve­de­re sce­neg­gia­ti con don­ne ben­ve­sti­te – un in­di­scu­ti­bi­le ge­nio. Poi Mad men è fi­ni­to, il Metoo è co­min­cia­to, e una sce­neg­gia­tri­ce del grup­po di Mad men ha rac­con­ta­to che lui le ave­va det­to del­le co­se ir­ri­ce­vi­bi­li men­tre la­vo­ra­va­no in­sie­me. Quan­do la ca­du­ta co­min­cia, è tutt’un’ac­ce­le­ra­zio­ne: un po’ tut­ti han­no co­min­cia­to a di­re che era un ve­ro stron­zo, sì vab­bè sa­rà un ge­nio ma che ca­rat­te­re di mer­da (vi­via­mo in un’epo­ca in cui es­se­re ama­bi­li con­ta più che es­se­re ca­pa­ci di fa­re il pro­prio me­stie­re: al­cu­ni lo con­si­de­ra­no un pro­gres­so). E poi è ar­ri­va­ta The Romanoffs. Una “se­rie an­to­lo­gi­ca”, cioè il mo­do in cui un au­to­re di­ce «Al ci­ne­ma non mi dan­no ab­ba­stan­za sol­di per fa­re ot­to film, e quin­di li fac­cio per la tv e fac­cio fin­ta che c’en­tri­no qual­co­sa l’uno con l’al­tro». Il fi­lo che do­vreb­be le­ga­re gli ot­to epi­so­di è che in ognu­no c’è un (mil­lan­ta­to?) di­scen­den­te dei Ro­ma­nov (nel ti­to­lo il co­gno­me del­la ca­sa­ta rus­sa è tra­slit­te­ra­to all’ame­ri­ca­na). Or­mai la ca­du­ta era pre­ci­pi­to­sa: le re­cen­sio­ni ame­ri­ca­ne so­no sin­te­tiz­za­bi­li in «vuoi met­te­re Mad men». (Non sa­rò cer­to io a di­re che il re è nu­do e Mad men mi pa­re­va no­io­sis­si­mo). Non im­por­ta quan­te don­ne for­ti ci sia­no nei Ro­ma­noff. La ti­zia che si por­ta a let­to il ma­ri­to d’un’al­tra e poi lo li­qui­da co­me un pas­sa­tem­po men­tre lui già fan­ta­sti­ca­va di gran­de amo­re; o la mo­glie (Aman­da Peet) che non di­ce al ma­ri­to che la fi­glia non è sua ma del suo mi­glio­re ami­co. Non im­por­ta nean­che quel ma­ni­fe­sto fem­mi­ni­sta che è la ter­za pun­ta­ta: Isa­bel­le Hup­pert in­ter­pre­ta un’ex di­va del ci­ne­ma, ora re­gi­sta esor­dien­te; quan­do si sen­te ma­le, e le sug­ge­ri­sco­no di chia­ma­re un me­di­co, ri­spon­de: «Non pos­so. Per­de­rei il la­vo­ro. So­no una don­na». Nul­la im­por­ta: or­mai è un por­co ma­schi­li­sta non­ché un au­to­re me­dio­cre. For­se era tut­to cal­co­la­to. Li ha di­strat­ti, si è fat­to li­qui­da­re, e poi, al­la quin­ta pun­ta­ta, ha piaz­za­to l’in­se­gnan­te di mu­si­ca gay su cui pen­do­no im­pre­ci­sa­te ac­cu­se di mo­le­stie agli al­lie­vi. Le ma­dri si agi­ta­no mol­tis­si­mo, an­che se i fi­gli ne­ga­no si sia mai com­por­ta­to ma­le. Quan­do uno dei ra­gaz­zi­ni di­ce ma sì, fa­ce­va bat­tu­te sul ses­so ora­le, co­sa vuoi che sia, la rea­zio­ne scom­po­sta del­la madre (Dia­ne La­ne) la fa sem­bra­re un’iste­ri­ca. Sul fi­na­le di pun­ta­ta il pa­dre spie­ga con mol­ta cal­ma che, se ac­cu­si qual­cu­no di qual­co­sa, an­che se è in­no­cen­te, da quel mo­men­to tut­ti lo guar­de­ran­no di­ver­sa­men­te, e gli avrai co­mun­que ro­vi­na­to la vi­ta. I cri­ti­ci si so­no di­strat­ti, e Wei­ner ha piaz­za­to la pro­pria ar­rin­ga di di­fe­sa: ca­ri abi­tan­ti del pre­sen­te, pia­no con quel­la su­scet­ti­bi­li­tà.

Su Ama­zon Pri­me Vi­deo, un nuo­vo epi­so­dio ogni ve­ner­dì.

FA SEM­PRE LE STES­SE DUE CO­SE, DA QUAN­DO AN­DA­VA A SCUO­LA: GUAR­DA LA TV, SCRI­VE LI­BRI

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.