Keira Knightley

ELLE (Italy) - - Elle Intervista -

L’at­tri­ce ha 33 an­ni. È spo­sa­ta con il mu­si­ci­sta Ja­mes Righton. Han­no una fi­glia, Edie di tre an­ni. Qui, in­dos­sa jeans Jean Mo­ther e pull Bar­rie.

ma­ri­to, il mu­si­ci­sta Ja­mes Righton dei Kla­xons e... qual­co­sa è cam­bia­to: «Ora che so­no mam­ma, av­ver­to mag­gior­men­te le re­spon­sa­bi­li­tà ri­guar­do al fu­tu­ro di mia fi­glia. So­no ve­ra­men­te tan­to pro­tet­ti­va», di­ce. Al pun­to che le ha vie­ta­to di ve­de­re La si­re­net­ta. «Non ri­nun­ci al­la tua vo­ce per un uo­mo». Lo stes­so a sal­var­ti». Nien­te con­tro la Di­sney, tant’è ve­ro che Keira è la Fa­ta con­fet­to nel bloc­k­bu­ster Lo schiac­cia­no­ci e i quat­tro re­gni. Tra gli al­tri film in usci­ta nei pros­si­mi me­si: Ber­lin, I lo­ve you con He­len Mir­ren, The af­ter­ma­th, con Ale­xan­der Skar­sgård e Of­fi­cial se­cre­ts con Ral­ph Fien­nes e Mat­thew Goo­de.

Ha tan­tis­si­mi film in usci­ta e ha re­cen­te­men­te rin­gra­zia­to suo ma­ri­to per aver­la aiu­ta­ta con la vo­stra bam­bi­na. Si è, in­fat­ti, di­chia­ra­ta aper­ta­men­te a fa­vo­re del con­ge­do di pa­ter­ni­tà che con­si­de­ra im­por­tan­te quan­to quel­lo di ma­ter­ni­tà…

«Sen­za que­sta con­di­vi­sio­ne nel­la ge­stio­ne di no­stra fi­glia, non avrei mai po­tu­to tor­na­re co­sì pre­sto a la­vo­ra­re. Es­se­re mam­ma è un gran­de im­pe­gno e mi ci sa­reb­be­ro vo­lu­ti al­me­no quat­tro an­ni di stop se fos­si sta­ta da so­la. Ri­ten­go che un go­ver­no ab­bia il do­ve­re di ga­ran­ti­re as­si­sten­za e strut­tu­re per po­ter aiu­ta­re le fa­mi­glie a bi­lan­cia­re car­rie­ra e la­vo­ro. Io poi ho de­ci­so di pren­der­mi un an­no di pau­sa per sta­re con la mia bim­ba e crea­re un for­te le­ga­me tra noi, ma è sta­ta una scel­ta. Per me era fon­da­men­ta­le, ne ave­vo bi­so­gno».

Nel film, Co­let­te si di­mo­stra una don­na ve­ra­men­te for­te. Co­no­sce­va i suoi li­bri?

«Quan­do ero bam­bi­na mi ave­va ap­pas­sio­na­to il mu­si­cal Gi­gi e poi mi era pia­ciu­to mol­tis­si­mo il suo li­bro Ché­ri, che ave­vo let­to a vent’an­ni, ma non sa­pe­vo nul­la del­la sua vi­ta pri­va­ta. Ho ac­cet­ta­to su­bi­to que­sto pro­get­to, con gran­de en­tu­sia­smo ho fat­ta mia la vo­glia di lot­ta­re del per­so­nag­gio... Co­let­te riu­scì ad emergere con il po­te­re del­le sue sto­rie, ma si do­vet­te scon­tra­re col ma­ri­to che non so­lo le scip­pa­va le ope­re, si te­ne­va an­che i com­pen­si».

Co­let­te si ri­bel­la: po­trem­mo con­si­de­rar­la una del­le pri­me eroi­ne dei mo­vi­men­ti fem­mi­ni­sti #Metoo e #Ti­me­sup.

«Ci so­no di si­cu­ro pa­ral­le­li­smi. È la sto­ria di un uo­mo che cer­ca di chiu­de­re la boc­ca a una don­na, an­zi di an­nul­lar­la sot­to il suo ego. Per que­sto, pur trat­tan­do­si di un dram­ma sto­ri­co, è tan­to at­tua­le. Co­let­te è una pio­nie­ra del fem­mi­ni­smo, con­tro ogni ti­po di at­teg­gia­men­to ma­schi­le pre­da­to­rio. An­che se so­no mol­to im­pe­gna­ta tra vi­ta pri­va­ta e pro­fes­sio­na­le, ho de­ci­so di espor­mi in pri­ma per­so­na: ab­bia­mo bi­so­gno di un cam­bia­men­to ra­di­ca­le».

Po­treb­be di­ven­ta­re pro­dut­tri­ce o re­gi­sta, co­me tan­te sue col­le­ghe?

«Ma­ga­ri! Di si­cu­ro ci ten­go a in­ter­pre­ta­re don­ne che mi ispi­ra­no, per da­re una vo­ce a lo­ro e al­le lo­ro sto­rie. Chi lo sa, for­se, un gior­no tro­ve­rò ad­di­rit­tu­ra il co­rag­gio di di­ri­ge­re. Per ora mi sen­to an­co­ra trop­po in­si­cu­ra per far­lo».

Co­let­te è an­che un’ico­na del­la li­ber­tà ses­sua­le…

«Vis­se in­ten­sa­men­te la Bel­le Épo­que, era la Fran­cia del 1890, c’era pa­rec­chia li­ber­tà ses­sua­le. Spe­ri­men­tò mol­to, eb­be an­che un’aman­te tran­sgen­der e di­ver­se don­ne nel suo let­to... Ri­ven­di­ca­va il di­rit­to di pro­va­re pia­ce­re esat­ta­men­te co­me un uo­mo, di sco­pri­re le sue fan­ta­sie, di co­no­sce­re se stes­sa... Idee to­tal­men­te ri­vo­lu­zio­na­rie all’epo­ca e, for­se, per cer­ti aspet­ti, an­che og­gi... Stia­mo an­co­ra lot­tan­do per rag­giun­ge­re una com­ple­ta parità. In cer­ti am­bien­ti, una don­na co­sì li­be­ra e in­di­pen­den­te è tut­to­ra scan­da­lo­sa».

Nel mon­do del ci­ne­ma è cam­bia­to qual­co­sa? C’è più equ­li­brio tra don­ne e uo­mi­ni?

«Per an­ni, le don­ne nel ci­ne­ma han­no avu­to ruo­li mar­gi­na­li ma ora, so­prat­tut­to gra­zie ai ca­na­li strea­ming co­me Net­flix e Ama­zon Pri­me Vi­deo, c’è più of­fer­ta. Il mo­ti­vo per cui io ho in­ter­pre­ta­to spes­so film in co­stu­me è per­ché ho sem­pre cer­ca­to di sce­glie­re ruo­li di don­ne che han­no fat­to la dif­fe­ren­za, che so­no riu­sci­te a la­scia­re un se­gno e spes­so si trat­ta­va di per­so­nag­gi let­te­ra­ri o del pas­sa­to: vo­le­vo far co­no­sce­re le lo­ro vi­cen­de. Ora la si­tua­zio­ne sta mi­glio­ran­do ed è più fa­ci­le tro­va­re fi­gu­re con­tem­po­ra­nee. Per quan­to ri­guar­da le mo­le­stie, so­no sta­ta for­tu­na­ta: sul set non mi è mai ca­pi­ta­to nul­la di brut­to. Al pub o per stra­da sì, ma so­no fe­li­ce che al­tre don­ne ab­bia­no tro­va­to il co­rag­gio di par­la­re e di far pas­sa­re l’idea che non è af­fat­to nor­ma­le… Ri­guar­da tut­ti i set­to­ri, non so­lo quel­lo del ci­ne­ma».

Lei si è bat­tu­ta an­che per la parità eco­no­mi­ca.

«In real­tà, mi han­no ispi­ra­to i tan­ti ar­ti­co­li di ri­vi­ste e gior­na­li che ho let­to sull’ar­go­men­to… Ho de­ci­so che era ve­nu­to il mo­men­to di pre­ten­de­re tra­spa­ren­za».

Lei vie­ne da una fa­mi­glia di at­to­ri di tea­tro, è cre­sciu­ta in un sob­bor­go di Lon­dra, ha com­bat­tu­to per sbar­ca­re il lu­na­rio... Pen­sa che il suc­ces­so l’ab­bia cam­bia­ta?

«L’ho rag­giun­to pre­sto, ver­so i di­ciott’an­ni, con il pri­mo film del­la sa­ga I pi­ra­ti dei Ca­rai­bi. Non ero pron­tis­si­ma, so­no sta­ta

“HO RI­PRE­SO a la­vo­ra­re PERCHÊ HO UN MA­RI­TO CHE MI AIU­TA. Sen­za que­sta con­di­vi­sio­ne, mi sa­rei DO­VU­TA PREN­DE­RE QUAT­TRO AN­NI DI PAU­SA. Un go­ver­no AVREB­BE il do­ve­re di GA­RAN­TI­RE AS­SI­STEN­ZA e strut­tu­re”

for­tu­na­ta... Ho sa­pu­to ge­sti­re be­ne il mio de­na­ro, for­se per­ché non ne ave­vo mai avu­to pri­ma. So­no sta­ta cau­ta e at­ten­ta. Per que­sto, ci ten­go al la­vo­ro. Me l’ha in­se­gna­to mia madre: è im­por­tan­te per me, per con­ti­nua­re a man­te­ne­re la mia iden­ti­tà. Non giu­di­co chi de­ci­de di de­di­car­si so­lo ai fi­gli ma so che io non sa­rei fe­li­ce. Vo­glio che mia fi­glia ab­bia una madre sod­di­sfat­ta di sé. Le ho pro­mes­so che la so­ster­rò in tut­te le scel­te che de­ci­de­rà di fa­re».

Lei, in pas­sa­to, ha sof­fer­to di cri­si di pa­ni­co e d’an­sia. Le è suc­ces­so an­co­ra?

«Ho tro­va­to un mio equi­li­brio gra­zie al­la fa­mi­glia ed è sta­to bel­lo... So­no con­vin­ta che non si cam­bi mai to­tal­men­te. Io re­sto la per­so­na ti­mi­da che ero. Vi sem­bre­rà stra­no per­ché fac­cio que­sto la­vo­ro ma so­no riservata e tran­quil­la».

Lei è il vol­to del pro­fu­mo Co­co Ma­de­moi­sel­le di Cha­nel… Do­po più di die­ci an­ni è sem­pre il suo pre­fe­ri­to?

«Sì, io so­no mol­to fe­de­le ai pro­fu­mi… E Co­co Ma­de­moi­sel­le di Cha­nel mi pia­ce per­ché or­mai lo as­so­cio a me stes­sa, è il mio odo­re. So­lo sul set, a vol­te, mi spruz­zo un al­tro pro­fu­mo. Qual­che vol­ta an­che que­sto aiu­ta a en­tra­re in un ruo­lo. Ma quel­la non è la ve­ra Keira. È un’al­tra don­na».

Una sce­na di Co­let­te di Wa­sh West­mo­re­land (in usci­ta ai pri­mi di di­cem­bre).

Il mio no­me è Cha­nel Il no­me di Keira Knightley è le­ga­to an­che a Co­co Cha­nel (è te­sti­mo­nial del pro­fu­mo Co­co Ma­de­moi­sel­le). Qui, in­dos­sa giac­ca e pan­ta­lo­ni Cha­nel. T-shirt Ma­je­stic Fi­la­tu­res. Gio­iel­li Cha­nel Joail­le­rie.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.