EDI­TO­RIA­LE

ELLE (Italy) - - Sommario -

A for­za di di­sat­ten­der­li, te­mo di sì. Or­mai non ci cre­do più nem­me­no io. Dun­que, but­to dal bal­co­ne il buon pro­po­si­to di di­ma­gri­re una vol­ta per tut­te, sen­za ten­ten­na­men­ti, drib­blan­do l’in­fau­sto de­sti­no di don­do­la­re a vi­ta sull’al­ta­le­na del­lo yo-yo, smon­tan­do l’av­vi­len­te il­lu­sio­ne di “re­spi­ra­re” un gior­no in quel­le bel­le gon­ne di stof­fe fru­scian­ti e wax psi­che­de­li­ci com­pra­te so­vrap­pen­sie­ro d’una ta­glia a ca­so nell’eu­fo­ria di una sven­di­ta. Mai com­pra­re una co­sa del­la mi­su­ra sba­glia­ta di­cen­do­si: di­ma­gri­rò. Non suc­ce­de mai. Fi­da­te­vi.

Al mas­si­mo le scar­pe si pos­so­no ac­qui­sta­re di nu­me­ro va­ria­bi­le (ma sen­za esa­ge­ra­re), se so­no pro­prio bel­le, se pro­prio è im­pos­si­bi­le re­si­ste­re. E an­che di quel­le – co­me per i chi­li – non mi pri­ve­rò. Fac­cio una vi­ta d’in­fer­no, sem­pre di cor­sa, sem­pre in af­fan­no, po­trò af­fan­nar­mi e cor­re­re con le scar­pe che vo­glio? Sì, lo so, è una ma­lat­tia. Riem­pi­re gli ar­ma­di di snea­ker e bal­le­ri­ne, boo­ties, zoc­co­li, pump, Ma­ry Ja­ne, tro­var­le dap­per­tut­to, non è una co­sa sa­na, spe­cie se non si han­no né tem­po né oc­ca­sio­ni per in­dos­sar­le tut­te, né la vel­lei­tà, per­ché di al­cu­ne a me ba­sta so­lo la pre­sen­za, guar­dar­le e so­spi­ra­re, co­me da­van­ti a un Pi­cas­so.

E poi, sia chia­ro, non m’iscri­ve­rò in pa­le­stra. Né a yo­ga né a pi­la­tes né al cor­so di ten­nis. Sta­vol­ta non ci ca­sco, lo so che non ci an­drò. Al mas­si­mo cam­mi­ne­rò. Al mas­si­mo, se pro­prio de­vo. Se i mez­zi so­no in scio­pe­ro e il ta­xi non ar­ri­va e la mac­chi­na è in pan­ne. Una tri­plet­ta che nean­che a Las Ve­gas tra mil­le slot ma­chi­ne.

Per l’or­di­ne mi con­ce­do an­co­ra un an­no, ci vuo­le tem­po per ri­for­mat­tar­si (il tem­po ne­ces­sa­rio per smal­ti­re tut­ti i gior­na­li e i li­bri, l’ama­ta car­ta che in­va­de la mia vi­ta, che co­lo­niz­za tut­to, a ca­sa e nel mio uf­fi­cio). Per i ri­tar­di me ne con­ce­do due: pre­ten­de­re pun­tua­li­tà dal più in­di­sci­pli­na­to dei di­fet­ti mi pa­re pre­te­stuo­so. Co­min­cio a la­vo­rar­ci ades­so: con un se­con­do di re­cu­pe­ro al gior­no, per il 2020 sa­rò al­li­nea­ta – giu­rin giu­ret­to – sull’ora so­la­re dell’uma­no con­sor­zio. Su quel­la le­ga­le non ga­ran­ti­sco.

Non ten­te­rò in­va­no di par­la­re più len­ta­men­te, di sal­va­re le pian­te da mor­te cer­ta e lun­ga ago­nia, di guar­da­re una se­rie dall’ini­zio al­la fi­ne sen­za ab­bioc­car­mi sul fi­na­le, di an­nui­re sen­za ascol­ta­re per­ché sto già pen­san­do ad al­tro, di be­re me­no caf­fè, di mo­ni­to­ra­re il mio sta­to di sa­lu­te ac­cet­tan­do il fat­to che non so­no im­mor­ta­le e che non va­do a crip­to­ni­te.

La ve­ri­tà è che am­bi­sco ad es­se­re “la mi­glio­re ver­sio­ne di me”, co­me tut­ti, ma que­st’an­sia di­la­gan­te di es­se­re sem­pre bra­vi e vir­tuo­si (sa­ni, scat­tan­ti, pun­tua­li, ri­po­sa­ti, per­for­man­ti, equi­li­bra­ti e sen­za vi­zi) in me sor­ti­sce l’ef­fet­to con­tra­rio. Amo l’im­per­fe­zio­ne e l’uma­na de­bo­lez­za. La sba­va­tu­ra sull’in­qua­dra­tu­ra im­pec­ca­bi­le. Il det­ta­glio fuo­ri fuo­co. Pas­sia­mo le se­ra­te tra ami­ci a con­fron­ta­re il nu­me­ro di pas­si to­ta­liz­za­to sul te­le­fo­ni­no, i chi­lo­me­tri di cor­sa ma­ci­na­ti nel wee­kend, le ca­lo­rie ri­spar­mia­te, i lo­ca­li col me­nu me­no carb e più ve­ga­no. Sia­mo sa­ni co­me pe­sci, ma sia­mo co­sì no-io-si.

Al­lo­ra io mi im­pe­gno ad es­se­re più bra­va nel 2019, ma voi im­pe­gna­te­vi ad es­ser­lo un po’ me­no. O me­glio, sen­za os­ses­sio­ni. Che le os­ses­sio­ni non so­no mai vir­tuo­se. In que­sto nu­me­ro ab­bia­mo tro­va­to 10 buo­ni pro­po­si­ti per cui va­le dav­ve­ro la pe­na di dar­si da fa­re: dal­le buo­ne abi­tu­di­ni green all’eu­ro­pa da sal­va­re, pas­san­do per l’ar­ma­dio da svuo­ta­re. Se, co­me me, sie­te mae­stri nel pro­cra­sti­na­re leg­ge­te l’ar­ti­co­lo Ricomincio da me (pag. 74), con tan­te bel­le sto­rie e i con­si­gli di un coa­ch che spie­ga co­me cam­bia­re in me­glio sen­za pau­ra e sen­za stra­fa­re. L’an­no è lun­go, ba­sta non ri­man­da­re. Buon ini­zio. Sia­te fe­li­ci.

MA­RIA ELE­NA VIO­LA DI­RET­TO­RE DI ELLE

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.