L’IN­VI­DIA HA CAM­BIA­TO SES­SO

Gli uo­mi­ni sof­fro­no il suc­ces­so del­le don­ne

ELLE (Italy) - - Sommario - di Fran­ce­sca Bus­si

Le di­ta, Be­ne­det­ta ri­cor­da so­prat­tut­to le di­ta del suo fi­dan­za­to.

Quel­le di­ta ser­ra­te a pu­gno, inu­ti­li gli sfor­zi di tro­var­ci un var­co, di aprir­le per poi strin­ger­le in una stret­ta che di­ces­se: fac­cia­mo pa­ce. Che poi quel li­ti­gio non ave­va sen­so, lei che rac­con­ta­va fe­li­ce del ma­ster ap­pe­na ini­zia­to, del­le le­zio­ni, dei com­pa­gni, lui che per un po’ ascol­ta­va in si­len­zio e poi sbot­ta­va: «Ma per­ché non ti met­ti con uno di quel­li?». Quel­li chi? «Quel­li che fa­ran­no il tuo stes­so la­vo­ro». È ini­zia­ta co­me una sce­na­ta sul con­fi­ne del­la ge­lo­sia, è con­ti­nua­ta con Be­ne­det­ta che non riu­sci­va più a par­la­re dei pic­co­li suc­ces­si quo­ti­dia­ni, del­le co­se bel­le che vi­ve­va, sen­za sen­tir­si in col­pa. Lui, lau­rea­to co­me lei, stes­so gior­no stes­so vo­to stes­so pro­fes­so­re, non era riu­sci­to a en­tra­re al dot­to­ra­to tan­to ago­gna­to, nell’at­te­sa di ri­pro­var­ci fa­ce­va l’agen­te im­mo­bi­lia­re. So­prat­tut­to, non tol­le­ra­va di­scor­si sul fu­tu­ro, sul­la car­rie­ra. La fi­ne è ar­ri­va­ta in­sie­me a una fra­se, sfug­gi­ta do­po l’en­ne­si­mo bi­stic­cio: ma che c’è, sem­bri qua­si invidioso. Invidioso, io?

SPEC­CHIO, SPEC­CHIO DEL­LE MIE BRA­ME

Be­ne­det­ta al­lo­ra non lo sa­pe­va, ma «par­la­re di­ret­ta­men­te di in­vi­dia a qual­cu­no che è in­con­sa­pe­vo­le di pro­var­la è co­me far esplo­de­re una bom­ba», spie­ga la psi­co­te­ra­peu­ta Ma­ria Le­ti­zia Bel­la­vi­ti. Per­ché spes­so non la si am­met­te nem­me­no a se stes­si, tan­to è un sen­ti­men­to sub­do­lo e in­no­mi­na­bi­le. «La ge­lo­sia è più tol­le­ra­ta nell’amo­re; l’in­vi­dia no, per­ché pre­sup­po­ne il vo­ler ma­le all’al­tro, è as­so­cia­ta al ma­loc­chio, al guar­da­re stor­to, a qual­co­sa di mol­to, mol­to spor­co. E poi si fa un con­fron­to su qual­co­sa che man­ca e si vor­reb­be ave­re. C’è in gio­co un sen­ti­men­to di in­fe­rio­ri­tà, e per­ce­pi­re l’in­fe­rio­ri­tà non fa pia­ce­re a nes­su­no, è di­stur­ban­te». Bel­la­vi­ti con­fer­ma: un tem­po si par­la­va più di in­vi­dia al fem­mi­ni­le, clas­si­co del­le fia­be fin dai tem­pi del fa­mi­ge­ra­to “spec­chio, spec­chio del­le mie bra­me”, og­gi pe­rò c’è an­che un con­no­ta­to ma­schi­le più evi­den­te. Emer­ge ver­so don­ne «che han­no più suc­ces­so, che so­no mul­ti­ta­sking e rie­sco­no a far fron­te a di­ver­si aspet­ti del­la vi­ta, dal­la fa­mi­glia al­la car­rie­ra. La don­na ha in­te­gra­to mag­gior­men­te la pa­ri­tà dei ses­si, an­che se l’ha fat­to con fa­ti­ca, cer­to. Adat­tar­si a una con­di­zio­ne di pas­si­vi­tà, in­ve­ce, è più dif­fi­ci­le per l’uo­mo. Ec­co al­lo­ra che in cer­te cop­pie – in cui lei la­vo­ra, è rea­liz­za­ta, e lui in­ve­ce no – ci può es­se­re ter­re­no fer­ti­le per l’in­vi­dia, ve­le­no­sis­si­ma se non vie­ne ela­bo­ra­ta». È mol­to dif­fi­ci­le stu­dia­re l’in­vi­dia, pro­prio per­ché è im­pal­pa­bi­le, qua­si sem­pre te­nu­ta na­sco­sta. Pe­rò una ri­cer­ca, pub­bli­ca­ta qual­che an­no fa dall’ame­ri­can Psy­cho­lo­gi­cal as­so­cia­tion, è riu­sci­ta a sco­pri­re che l’au­to­sti­ma fem­mi­ni­le non è mi­ni­ma­men­te tur­ba­ta dal­le con­qui­ste del part­ner; gli uo­mi­ni, al con­tra­rio, ten­do­no a sen­tir­si peg­gio quan­do le com­pa­gne han­no suc­ces­so ri­spet­to a quan­do fan­no fia­sco – qua­si a in­ter­pre­ta­re quel suc­ces­so co­me un lo­ro stes­so fal­li­men­to, an­che se non c’è com­pe­ti­zio­ne di­ret­ta.

FAR­SI PIC­CO­LE, RIDIMENSIONARSI

Fe­de­ri­ca si era ap­pe­na lau­rea­ta, sta­va muo­ven­do i pri­mi pas­si nel mon­do del gior­na­li­smo, ave­va con­qui­sta­to il tes­se­ri­no da pub­bli­ci­sta. La­vo­ra­va qua­si tut­to il gior­no ed era stan­ca, sì, ma so­prat­tut­to era fe­li­ce. Su quel­la fe­li­ci­tà, i com­men­ti del suo ex han­no ini­zia­to a ca­la­re len­ta­men­te, una neb­bia ra­re­fat­ta che man ma­no si è ad­den­sa­ta. Un cre­scen­do: non ci sei mai, stai esa­ge­ran­do, par­li sem­pre di la­vo­ro, ti stai dan­do im­por­tan­za, ti sei mon­ta­ta la te­sta. Fe­de­ri­ca ha ini­zia­to a li­ma­re l’entusiasmo, a evi­ta­re di fre­quen­ta­re i col­le­ghi fuo­ri dall’uf­fi­cio, qual­sia­si co­sa po­tes­se di­ven­ta­re un pre­te­sto per li­ti­ga­re. Quan­do par­la di quel pe­rio­do, usa un ver­bo in par­ti­co­la­re: mi so­no ri­di­men­sio­na­ta, di­ce, co­me gli ani­ma­li che si fan­no più pic­co­li, di­ven­ta­no co­se da nien­te, si mi­me­tiz­za­no. È qual­co­sa che noi don­ne ten­dia­mo a fa­re qua­si tut­te, spes­so a li­vel­lo in­con­scio. «La don­na cer­ca di com­pe­ne­trar­si con l’al­tro», spie­ga Bel­la­vi­ti. «L’es­se­re ma­dre, che in qual­che mo­do è bio­lo­gi­ca­men­te in­ca­stra­to den­tro al Dna, spun­ta fuo­ri nel­la pre­oc­cu­pa­zio­ne af­fet­tuo­sa. So­prat­tut­to se c’è una re­la­zio­ne amo­ro­sa, que­sta pre­oc­cu­pa­zio­ne di non fe­ri­re l’al­tro fa in mo­do di te­ne­re i pro­pri suc­ces­si sot­to­to­no, spe­cie se il com­pa­gno è par­ti­co­lar­men­te sen­si­bi­le all’ar­go­men­to». Pri­ma dell’ad­dio, l’ex di Fe­de­ri­ca ha pro­va­to a fa­re un’ul­ti­ma co­sa: da geo­me­tra, si è rein­ven­ta­to edi­tor. Lei am­met­te di aver­la vis­su­ta co­me un’in­va­sio­ne di cam­po, una sfi­da: ti di­mo­stro che rie­sco me­glio di te. Quan­do si so­no la­scia­ti, per mo­ti­vi di­ver­si dal­la com­pe­ti­zio­ne, lui le ha con­fes­sa­to di aver sof­fer­to per non es­se­re più il suo cen­tro, per oc­cu­pa­re uno spa­zio che, da gran­de, si era ri­dot­to. Ave­va pau­ra di per­der­la, e di que­sto lei si è an­che sen­ti­ta di­spia­ciu­ta: era una ge­lo­sia, ma di or­di­ne nuo­vo. So­lo che se non puoi con­di­vi­de­re i pic­co­li tra­guar­di che ti fan­no fe­li­ce, se vi­vi giu­sto il quo­ti­dia­no am­maz­za­cop­pie, si chie­de Fe­de­ri­ca, che co­sa ti ri­ma­ne? «Con­di­vi­de­re sen­za cen­su­re è un gran­de at­to d’amo­re. Quan­do la per­so­na che ami ti ar­gi­na, ti sen­ti una per­so­na ne­ga­ta. Per­si­no nel­la pos­si­bi­li­tà di dir­ti da so­la che sei ri­di­co­la e ri­de­re di te stes­sa».

LA PRI­MA DI­FE­SA È L’AT­TAC­CO

Lau­ra so­stie­ne che una vol­ta era­va­mo noi don­ne a in­vi­dia­re i pan­ta­lo­ni, e poi pe­rò a un cer­to pun­to ab­bia­mo ca­pi­to che i po­sti di la­vo­ro che ci in­te­res­sa­va­no si po­te­va­no oc­cu­pa­re an­che con le gon­ne. «Mi sem­bra che que­sta no­stra nuo­va in­di­pen­den­za ab­bia pro­vo­ca­to nei maschi un sen­so di smar­ri­men­to e ina­de­gua­tez­za. E la rea­zio­ne più sem­pli­ce a que­sto è for­se l’in­vi­dia, che è una for­za istin­ti­va, ani­ma­le,

ma co­mun­que de­bo­le. Una for­za che ten­de a mi­ni­miz­za­re l’al­tro, per non sen­tir­si di­re: que­sto spa­zio era tuo e ora me lo sto pren­den­do io». Co­me il col­le­ga che l’ha ac­cu­sa­ta: fai le co­se al po­sto mio per­ché sei bur­ro­sa; co­me l’al­tro che l’ha man­da­ta a quel pae­se du­ran­te uno scon­tro di com­pe­ten­ze, e lei am­met­te di non aver­lo an­co­ra su­pe­ra­to. «Spes­so gli uo­mi­ni gio­ca­no la car­ta del­la ge­rar­chia, sul­la qua­le so­no an­co­ra più for­ti di noi, ti man­da­no email mi­nac­cio­se: so­no il tuo ca­po, se ti di­co di fa­re una co­sa de­vi far­la. Pe­rò pri­ma pen­sa­va­mo di do­ver es­se­re sem­pre noi a chie­de­re scu­sa, per­mes­so, si può – tut­te ac­cor­tez­ze non ri­chie­ste. Ora in­ve­ce la di­fe­sa fem­mi­ni­le è di­ven­ta­ta l’at­tac­co. Il pri­mo pen­sie­ro non è più: mi met­to al ri­pa­ro, ma: guar­da un po’ che cu­lo ti fac­cio». Da que­sto «per­cor­so del­la ri­spo­sta all’in­vi­dia dell’uo­mo», co­me lo chia­ma, Lau­ra di­ce che si esce un po’ più in­di­pen­den­ti, che s’im­pa­ra a met­te­re «di­stan­ze più rea­li, quan­do in­ve­ce per tan­to tem­po non ab­bia­mo mes­so di­stan­za con nien­te». Sull’in­vi­dia si è in­ter­ro­ga­ta a lun­go, e al­la fi­ne si è det­ta che non c’en­tra tan­to con il red­di­to, o con la po­si­zio­ne so­cia­le, ma che il ve­ro pro­ble­ma è «un in­ne­sto di fe­li­ci­tà che non rie­sci a ot­te­ne­re, que­sto es­se­re cre­sciu­ti con l’idea che pos­se­de­re è li­ber­tà quan­do in­ve­ce è il con­tra­rio. Non c’en­tra­no gli osta­co­li, non so­no invidioso di te per­ché mi pre­clu­di qual­co­sa: io il tra­guar­do lo pos­so pu­re ta­glia­re, ma tu l’hai rag­giun­to pri­ma di me, e que­sto fa sì che co­mun­que io non sia in pa­ce». BONIFICARE, DI­VEN­TA­RE MORBIDE Se l’in­vi­dia è un ve­le­no, ver­de co­me il co­lo­re che tra­di­zio­nal­men­te le si as­so­cia, esi­ste pe­rò un an­ti­do­to. I ri­cer­ca­to­ri Ri­chard H. Smi­th e Sung Hee Kim l’han­no di­vi­sa in tre ti­pi: quel­la ma­li­gna, che cor­ro­de; quel­la be­ni­gna, che fa de­si­de­ra­re le qua­li­tà di un’al­tra per­so­na, e in­fi­ne quel­la emu­la­ti­va, con la qua­le si cer­ca di imi­ta­re at­ti­va­men­te i suc­ces­si al­trui. «La for­ma pu­li­ta di in­vi­dia è l’am­mi­ra­zio­ne», con­fer­ma Bel­la­vi­ti. «Se si bo­ni­fi­cas­se quel­la ma­li­gna, ri­co­no­scen­do che quel­lo che ci tur­ba è il fat­to che l’al­tro ha rag­giun­to il suc­ces­so, po­treb­be di­ven­ta­re uno sti­mo­lo po­si­ti­vo per fa­re al­tret­tan­to. Una ca­pa­ci­tà fem­mi­ni­le è l’es­se­re stra­te­ga del­la co­mu­ni­ca­zio­ne mor­bi­da, ac­co­glien­te. Un mo­do per an­nul­la­re l’in­vi­dia è usa­re que­sta co­mu­ni­ca­zio­ne per coin­vol­ge­re: che co­sa ne pen­si se fac­cio co­sì? Mi dai il tuo pa­re­re?». Non si tor­na in­die­tro, e pro­ba­bil­men­te Fe­de­ri­ca e il suo ex non sta­reb­be­ro co­mun­que più in­sie­me, an­che se lui fos­se riu­sci­to a emu­la­re sen­za in­vi­dia­re. Pe­rò lei ci pen­sa, a co­sa gli di­reb­be se lo in­con­tras­se ora, al mo­do in cui avreb­be po­tu­to di­sin­ne­sca­re la bom­ba. E si ri­spon­de che for­se basterebbe que­sto: guar­da che con te mi fa­ce­vo tal­men­te tan­te ri­sa­te, il mon­do del la­vo­ro mi­ca mi fa­ce­va ri­de­re co­sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.