IL PRIN­CI­PE PREFERISCE CENERENTOLA

ELLE (Italy) - - Ellecoppie - di Li­dia Ra­ve­ra

Mia ma­dre di­ce­va sem­pre, guar­dan­do­mi con in­vi­dia e ran­co­re: bea­ta te che la­vo­ri. Io mi de­streg­gia­vo fra tre me­stie­ri e una pas­sio­ne. Scri­ve­vo sce­neg­gia­tu­re per la te­le­vi­sio­ne, scri­ve­vo ro­man­zi ro­sa da edi­co­la co­me Ro­d­ha Skin­ner (non per ver­go­gna, era ob­bli­ga­to­rio es­se­re stra­nie­re), scri­ve­vo ar­ti­co­li el­ze­vi­ri in­chie­ste re­por­ta­ge, scri­ve­vo il ro­man­zo del­la mia vi­ta. Sem­pre. Sta­vo sem­pre scri­ven­do il ro­man­zo del­la mia vi­ta. Per­ché la pas­sio­ne era quel­la e l’am­bi­zio­ne for­te. Scri­ve­vo per il tea­tro. Scri­ve­vo per­ché do­ve­vo pa­ga­re i con­ti. Scri­ve­vo per­ché do­ve­vo ave­re sem­pre una stan­za vi­ci­no al ma­re e le stan­ze vi­ci­no al ma­re co­sta­no pa­rec­chio. Per­ciò scri­ve­vo an­che i te­sti per Pao­lo Bo­no­lis e Li­cia Co­lò che pre­sen­ta­va­no i car­to­ni ani­ma­ti di Bim bum bam. Scri­ve­vo lu­mi­no­se pro­set­te per John­ny Do­rel­li, che con­du­ce­va un va­rie­tà tra­sh su Ca­na­le 5 ap­pe­na na­to. In­tan­to cre­sce­vo un fi­glio e do­po an­che una fi­glia. E mi da­vo da fa­re per amar­li ed edu­car­li e com­pra­re per lo­ro un pic­co­lo re­ga­lo ogni gior­no (era il mio an­ti­do­to al con­su­mi­smo). An­da­vo a mil­le e al­la mat­ti­na mi but­ta­vo giù dal let­to co­me se il tem­po mi cor­res­se die­tro ar­ma­to di un in­vi­si­bi­le for­co­ne. Ero un bread­win­ner fem­mi­na e que­sto era re­la­ti­va­men­te nuo­vo per l’epo­ca. Ave­vo ap­pe­na rag­giun­to la tren­ti­na, quin­di parliamo del Giu­ras­si­co. Non se ne ve­de­va­no mol­ti di pa­ter fa­mi­liae in gon­nel­la nel Giu­ras­si­co. E non era­no mol­ti gli uo­mi­ni che ac­cet­ta­va­no di es­se­re so­sti­tui­ti nel ruo­lo. Non si sen­ti­va­no più smi­nui­ti e of­fe­si da una mo­glie che la­vo­ra, co­me i lo­ro pa­dri, e se si sen­ti­va­no smi­nui­ti e of­fe­si cer­ca­va­no di non ester­nar­lo, per­ché il boom eco­no­mi­co era già lon­ta­no e un sa­la­rio o sti­pen­dio uni­co in­co­min­cia­va e non es­se­re più suf­fi­cien­te per vi­ve­re se­re­ni. A dif­fe­ren­za dei lo­ro pa­dri, per­ciò, ab­boz­za­va­no. Ma su un fat­to era­no in­tran­si­gen­ti: quel­lo di lei do­ve­va es­se­re un se­con­do sti­pen­dio, un in­troi­to in­fe­rio­re. Lei do­ve­va fa­re l’ in­se­gnan­te di ma­te­rie mi­no­ri o l’im­pie­ga­ta di ul­ti­mo li­vel­lo, o di pe­nul­ti­mo, co­mun­que di un li­vel­lo più in bas­so di quel­lo del suo uo­mo. Nes­su­no era at­trez­za­to in­te­rior­men­te per reg­ge­re il suc­ces­so fem­mi­ni­le. Sois bel­le et tais-toi (sii bel­la e sta’ zit­ta) era an­co­ra, com’era sta­to per se­co­li, l’in­con­scio de­si­de­rio ma­schi­le. Io non ero bel­la (o al­me­no co­sì mi pa­re­va) e non ave­vo nes­su­na in­ten­zio­ne di ta­ce­re. Scri­ve­vo inin­ter­rot­ta­men­te. E scri­ve­re è co­me al­za­re la vo­ce. Ser­ve a far­si sen­ti­re. Con buo­na pa­ce dell’uni­ver­so ma­schi­le, mi ero sco­per­ta un ta­len­to par­ti­co­la­re, quel­lo di ren­de­re la scrit­tu­ra red­di­ti­zia. Ven­de­vo be­ni­no o be­ne o mol­to be­ne ogni mio eser­ci­zio di sti­le. Pas­sa­vo dal­la let­te­ra­tu­ra al­la spaz­za­tu­ra sen­za fa­re un plis­sé. Scri­ve­vo un fo­to­ro­man­zo e su­bi­to do­po il li­bret­to per un’ope­ra li­ri­ca. Il suc­ces­so che mi ave­va spa­ra­ta gio­va­nis­si­ma nel mer­ca­to me­dia­ti­co, il fin­to dia­rio di due al­le­gri se­di­cen­ni al­la sco­per­ta del ses­so e dell’amo­re, mi aiu­ta­va a sal­ta­re tut­te le

an­ti­ca­me­re, a es­se­re vi­sta, no­ta­ta e pre­mia­ta. Ero più re­go­la­re ne­gli in­troi­ti e me­glio pa­ga­ta del mio part­ner. La­vo­ra­vo co­me una mac­chi­na a ci­clo con­ti­nuo e im­pa­ra­vo, di gior­no in gior­no, ad ama­re nei ri­ta­gli di tem­po, a far­mi per­do­na­re la bre­vi­tà con l’in­ten­si­tà. Ero stres­sa­ta? Cer­to che sì. Ep­pu­re mi con­gra­tu­la­vo con me stes­sa per non aver in­du­gia­to nel ruo­lo di mo­glie nep­pu­re un mi­nu­to, per non aver mai ba­rat­ta­to la mia li­ber­tà di in­di­vi­duo con i be­ne­fi­ci col­la­te­ra­li di una vi­ta vi­ca­ria, quel­la in cui chi la­vo­ra è l’al­tro e tu sei una gra­zio­sa ap­pen­di­ce. Nel la­vo­ro sta la li­ber­tà. E io lo sa­pe­vo be­ne. Per­ché ero fi­glia di una mo­glie di pro­fes­sio­ne. Mia ma­dre con­ti­nua­va a in­vi­diar­mi. Bea­ta te che la­vo­ri. Sot­to­te­sto: tu tuo ma­ri­to puoi but­tar­lo dal­la fi­ne­stra quan­do vuoi, io tuo pa­dre no per­ché non ho sol­di miei. Ma io mio ma­ri­to non lo vo­le­vo but­ta­re dal­la fi­ne­stra, per­ché era l’uni­co, fra tut­ti gli uo­mi­ni che mi ave­va­no ab­bor­da­ta, da quel pri­mo suc­ces­so in poi, che lo sop­por­ta­va, il mio suc­ces­so. Non era com­pe­ti­ti­vo, fa­ce­va il ti­fo per me, ve­de­va lu­ci­da­men­te tut­ti i van­tag­gi di non ave­re – co­me suo pa­dre – una mo­glie da man­te­ne­re, mi so­ste­ne­va e mi so­sti­tui­va nei ruo­li fem­mi­ni­li se era ne­ces­sa­rio, non si sen­ti­va smi­nui­to per il fat­to di gua­da­gna­re me­no di me. An­zi, te­ne­va sem­pre aper­to uno spa­zio per un sen­ti­men­to po­co fre­quen­ta­to dai maschi suoi con­tem­po­ra­nei: l’am­mi­ra­zio­ne. Mi re­si con­to qua­si su­bi­to che mi ero im­bat­tu­ta in una ra­ri­tà. E me lo so­no te­nu­to stret­to per i 35 an­ni se­guen­ti. Fi­ne del­la pa­ren­te­si zuc­che­ri­na. E pas­sia­mo al pre­sen­te. Al pre­sen­te: che le don­ne so­no le pri­me del­la clas­se lo san­no tut­ti. Il 57,5 per cen­to dei lau­rea­ti nei Pae­si in­du­stria­liz­za­ti è fem­mi­na. In Ita­lia or­mai an­che in In­ge­gne­ria, Ma­te­ma­ti­ca e In­for­ma­ti­ca la mag­gio­ran­za del­le lau­rea­te è don­na. Vo­glia­mo pia­gnu­co­la­re? È un’at­ti­vi­tà in cui ve­ni­va­mo con­si­de­ra­te ec­cel­len­ti nel se­co­lo scor­so, e che ab­bia­mo for­tu­na­ta­men­te ab­ban­do­na­to. Non ci pia­ce più com­muo­ver­ci sul­la di­scri­mi­na­zio­ne. E non sia­mo di­spo­ste a ri­ce­ve­re, co­me ri­sar­ci­men­to per sti­pen­di an­co­ra e sem­pre più bas­si di quel­li dei maschi che co­pro­no – spes­so peg­gio – la me­de­si­ma man­sio­ne, quei bou­quet di com­pli­men­ti che or­mai so­no moneta cor­ren­te. Cer­to che sie­te più bra­ve, sie­te don­ne! Ah, voi don­ne ave­te una mar­cia in più. Ah, la mia ra­gaz­za è mul­ti­ta­sking: è un pia­ce­re ve­der fa­re tut­to a lei! I com­pli­men­ti ci han­no stan­ca­te. Vo­glia­mo pietanze più so­stan­zio­se. Qua­si tut­te, con mo­da­li­tà di­ver­se, vi­via­mo per es­se­re ama­te. La mag­gior par­te di noi, noi don­ne, vuo­le es­se­re ama­ta da un uo­mo, da più uo­mi­ni, dal­le ami­che, dai fi­gli, dal­le so­rel­le, dai fra­tel­li. Una mi­no­ran­za vuo­le es­se­re ama­ta da tut­ti, o al­me­no dal nu­me­ro più co­spi­cuo pos­si­bi­le di uma­ni am­bo­ses­si: so­no le don­ne che per­se­guo­no il suc­ces­so, spes­so mi­li­tar­men­te, sem­pre in­ge­nua­men­te. Per­ché il suc­ces­so, co­me sa chiun­que ne ab­bia avu­to in sor­te una do­se, non aiu­ta a es­se­re ama­te di più. An­zi. È un at­tri­bu­to non ri­chie­sto e ra­ra­men­te ap­prez­za­to dal ma­schio uma­no. Lo ste­reo­ti­po del­la don­na de­si­de­ra­ta, cor­teg­gia­ta e in­fi­ne spo­sa­ta è Cenerentola, l’or­fa­na ves­sa­ta, la po­ve­ra e bel­la, quel­la che non ha nien­te di suo se non il ful­go­re del­la gio­vi­nez­za igno­ran­te. L’eroi­na ro­man­ti­ca non ha ta­len­to né sol­di, è un fo­glio bian­co su cui il prin­ci­pe di­se­gna il suo ro­man­zo. Al­la mag­gio­ran­za de­gli uo­mi­ni non pia­ce es­se­re no­ti at­tra­ver­so la no­to­rie­tà del­la lo­ro com­pa­gna, rea­gi­sco­no ma­le, so­no ge­lo­si, com­pe­ti­ti­vi, ir­ri­ta­ti. Non vo­glio­no om­bra, vo­glio­no pri­meg­gia­re men­tre lei li guar­da in­can­ta­ta. La don­na-di-suc­ces­so, non di ra­do, per­ciò, col­le­zio­na do­lo­ri pri­va­ti men­tre mie­te pub­bli­ci ono­ri. Per­ché non cer­ca un uo­mo che ab­bia tan­to suc­ces­so quan­to lei, in mo­do da non do­ver­gli rial­za­re ogni due gior­ni il tas­so di au­to­sti­ma? Per­ché an­che l’uo­mo di suc­ces­so, va paz­zo per Cenerentola, ac­ci­den­ti! Cenerentola non ti cri­ti­ca, non ti giu­di­ca, non ti spro­na, non ti sfot­te, in­fi­la il suo pie­di­no di ve­tro nell’ap­po­si­ta scar­pet­ta e pro­se­gue per il ca­stel­lo, gra­ta di es­se­re sta­ta scel­ta e strap­pa­ta al­la fu­ria del­le so­rel­la­stre. Per­ciò, quel­le di voi che scel­go­no di per­se­gui­re il suc­ces­so do­vran­no so­sti­tui­re il prin­ci­pe az­zur­ro, uni­co e splen­di­do, con la gri­gia mol­ti­tu­di­ne dei sud­di­ti am­mi­ra­to­ri. Ma at­ten­zio­ne: an­che i fan pre­sen­ta­no qual­che ri­schio. Di re­cen­te, la re­gi­na del­la per­for­ming art, Ma­ri­na Abra­mo­vic, all’inau­gu­ra­zio­ne di una re­tro­spet­ti­va sul­le sue ope­re, ha vi­sto av­vi­ci­nar­si un ar­ti­sta-ma­schio in­fi­ni­ta­men­te me­no fa­mo­so di lei, con un suo ri­trat­to in ma­no, gli è an­da­ta in­con­tro con il sor­ri­so del­la don­na di suc­ces­so di fron­te all’am­mi­ra­to­re, ma l’am­mi­ra­to­re le ha spac­ca­to il qua­dro in te­sta. Ma­ri­na non ha spor­to de­nun­cia, no­no­stan­te lo shock. Ha di­chia­ra­to che l’ag­gres­so­re le fa­ce­va pe­na, men­tre lui di­chia­ra­va che l’ag­gres­sio­ne era in real­tà un omag­gio al­la mae­stra da un col­le­ga del ra­mo. L’in­vi­dia non c’en­tra? C’en­tra ec­co­me, in­ve­ce. Da quan­do, ol­tre ad un cor­po che con­tie­ne il di­spo­si­ti­vo per pro­dur­re es­se­ri uma­ni, si è sta­bi­li­to che pos­se­dia­mo un cer­vel­lo di di­men­sio­ni rag­guar­de­vo­li, l’in­vi­dia pe­nis è sta­ta sop­pian­ta­ta dall’in­vi­dia va­gi­nae. At­ten­te ra­gaz­ze, po­treb­be aprir­si una sta­gio­ne fa­ti­co­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.